La dura trasferta del Pluridecorato in Padania

“Bella Spo, so er pluri.
Me ritrovo a lavorà nel pubblico, ma questo o sai già che vor di, me tocca annà a lavorà non necessariamente ndo dico io. Se po provà magari nartro posto, ma pe mo so prigioniero. Insomma l’avamposto zoccolesco più vicino dista du ore de macchina, nun ce so scimmie e nun vige nessuna legge del ventello come a Roma. Oltretutto le zone degradate nun so poi cosi degradate, fatico a trovare il mio habitat… Continua a leggere La dura trasferta del Pluridecorato in Padania

L’onestà der Pluridecorato ed il portafoglio dimenticato

“Bella spo, so er pluri, me so trasferito foreva in una landa desolata della Padania dove lavoro bene, la gente ti saluta, nessuno ruba (me so dimenticato pure er telefono sul tettino della macchina e uno m’ha rincorso pe ridammelo), nessuno se droga e non ce sta nemmeno na zoccola in giro, giusto qualcuna a domicilio (poche comunque) e con ordinanze anti prostituzione severissime. Mettice che er posto è piccolo e tutti se conoscono e questo se traduce in una sola cosa: incubo. Continua a leggere L’onestà der Pluridecorato ed il portafoglio dimenticato

Riflessioni der Pluridecorato da Gianluca Vacchi al diritto alla Prostituzione

“Bella spo, so er pluri. Sti giorni me so sentito offeso moralmente perchè a sentillo nominà più vorte, so annato a documentamme su chi cazzo fosse sto Vip che se chiama Vacchi. Praticamente questo è uno nato cor culo rotto, ricco senza mai avè fatto n cazzo na vita sua (a parte fa finta de lavorà pe dasse n tono), se circonna de belle donne e sta sempre a firmasse mentre fa cose meno interessanti dei bonobi che se masturbano nelle gabbie dello zoo Continua a leggere Riflessioni der Pluridecorato da Gianluca Vacchi al diritto alla Prostituzione

Le conclusioni natalizie del Pluridecorato

“Bella spo so er pluri, ho rimediato n cassone e rimetto telegram, non posso mica compramme n telefono e togliere denari alle sborate…
Te volevo di che ho finito l’anno vecchio e quello nuovo co delle considerazioni importanti de cui te vojo renne partecipe pure se nun te ne frega n cazzo, a strigne l’ho preso come pure n segno der destino.
Poco prima de natale stavo in giro e m’era salito n Pacciani spò che fermate proprio. Se me paravano e guardie me sarei inculato Continua a leggere Le conclusioni natalizie del Pluridecorato