Riflessioni der Pluridecorato da Gianluca Vacchi al diritto alla Prostituzione

“Bella spo, so er pluri. Sti giorni me so sentito offeso moralmente perchè a sentillo nominà più vorte, so annato a documentamme su chi cazzo fosse sto Vip che se chiama Vacchi. Praticamente questo è uno nato cor culo rotto, ricco senza mai avè fatto n cazzo na vita sua (a parte fa finta de lavorà pe dasse n tono), se circonna de belle donne e sta sempre a firmasse mentre fa cose meno interessanti dei bonobi che se masturbano nelle gabbie dello zoo (pe chi nun lo sapesse e scimmie se masturbano na cifra e i bonobi so tra le più perverse, probabile che se ce fossero e troie ce andrebbero a rotta de collo).

Dunque, sto tizio quinni sostanzialmente se firma co donne che vuoi o non vuoi c’hanno n costo, è la classica forma de prostituzione implicita e de mignottaro spacciato pe latin lover. So che è preso come modello, a gente dice che vorrebbe fa a vita sua. Io pensavo “e se dicessi che so mignottaro a tutti e facessi dirette sui social mentre vado a troie?”. Sarebbe gogna mediatica, senza contà che co tutti i sordi de vacchi io c’avevo e piaghe ar cazzo perchè stavo tutte e sere in giro a sborà su tutte e strade consolari. A sto tizio je posso presentà certe rumene che je costano du spicci e a chiappe fanno impallidi quei 4 troioni che se porta n barca.

Cioè quello è no sfigato che se deve pompà pure si c’ha i sordi, tratta le donne come oggetti (me rivorgo alle cagne che lo idolatrano e che buttano ner cesso anni de lotte femministe), dilapida denari pe scopà e fà vede che se diverte e va considerato come modello; noi profeti der disagio invece se dovemo nasconne pe nun esse condannati. Io quanno vado a troie so sempre n signore e alla fine svorto sempre sur prezzo (come nsegna er furgonaro la trattazione delle volte è quasi più soddisfacente da sborata), io come tanti artri onorevoli mignottari se dovemo senti er dito da gente puntato, sto tizio invece deve passà pe dritto che che fa i buffi pe fa qua vita.

Volume 2C’è quarcosa che nun va spò, qua dopo er gaypride e le lotte dei froci e delle leccafregna tocca fa un paypride, tutti cor ventino n mano co e mejo rumene a sculettà sui carri e famo na rivendicazione dei nostri diritti de mignottari, a riscattacce socialmente, a chiede a legalizzazione da prostituzione e na sorta de rimborso irpef quanno sfori n certo annuale pe annà a sborà dopo che hai superato i 50 anni.

Già vedo er partito: Pay and enjoy. Simbolo der partito er ventino e famo er furgonaro presidente der consiglio, Veleno come ministro da prostituzione, Er Boss de Craiova ministro degli esteri specializzato nella tratta delle rumene, Er Poeta ministro dell’istruzione, Er fango ministro dell’interno a facce tutte e leggi pe vive nel degrado senza e guardie che ce cagano er cazzo co ste cazzo de ordinanze e io nell’ombra come casaleggio co quei 4 ritardati dei cinque stelle. Me offro pure de scrive er manifesto pe sto movimento che propone a prostituzione come valore morale. Dovemo rivendicà er nostro status de mignottari.
Sboralmente tuo, er pluridecorato”

MovimentoPayAndEnjoyatece:

views
125