Furgonaro e la rumenotta Yankee (1YA)

“Salve Spotted e un abbraccione a tutti quelli che hanno capito che la fregna che paghi subbito è la fregna che paghi de meno.
Qui er Vostro amichetto furgonaro co le mutande croccanti ve vole riccontà come vanno e cose.
So stato n po’ impicciato co una ben più grande de me che un giorno se sentiva mamma un altro fia un altro amica… er probblema era che n se sentiva mai porca e che scopammela otre che a n mezzo atto de forza, era come fasse na rumena random fatta de speed, rigida come e sponde der mio fiat ducato… solo che invece de 20 euro spendevo molto..sopratutto TEMPO che è na cosa troppo mportante, più de li sordi, perchè a giornata dura 24 ore sia pe me che pe bill gheits!
Na gran presa a male nonostante lei fosse na bella figa, dico io nce sta n cazzo da fa, uno prova a fa romanticismo ma aa fine te rendi conto che er rapporto più sincero è quello co le mignotte,co cui tutto e’ chiaro fin dall’inizio, altro che ste impicciatone.
Pe fortuna co me ce sta er fiero amico Fernandinho che mo vole pia a cittadinanza italica perché so anni che lavora qua in regola.
Giorni fa durante n ber puttan tour dopo na cena a base de carbonara e braciole, me chiede de portallo a vede si ce stavano e puttane a porta maggiore…beh n ce staveno e lui esclama” peccato,vabbè staranno FORNICANDO” A matina dopo je faccio aoh a zi ma hai provato a vede se a cinese der bar qua sotto taa da?
e lui me risponne “ma no lei è il mio amore PLATONICO” Beh vojo di ar capo doo stato Mattarella che sicuramente ce legge da quanno s’è trasferito Roma pe lavoro, che co sta conoscenza dell’itagliano, maggiore de molti nati qua, deve citofona a sto mito e daje a cittadinanza ad honorem.
Comunque sia quella sera semo finiti su a togliattona e ce stava na rumenotta co la tuta degli yankees e r cappelletto da b-boy che c arapava na cifra ma n c’è voluta veni co noi 2 insieme… mannaggia i sandali e cristo je faccio a fernà fa er favore aspetteme ar bar… lui che è un grande amico m’ha assecondato scrndendo e m ha pure arzato 10 euri (grazie zio), er pompino tutto bbene, reggela pe la visiera der cappello e fare YO!YO! mentre succiava era divertente anche se st”amica gangsta repper era n po timiduccia.
Ma la cosa mejo è stata a scena quanno ho recuperato er fernanduzzo che stava ar cornetto notte co a tuta de sergio tacchini e la maglietta sporca de sugo a beve acqua e limone perché è astemio, circondato da trans negri che er più caruccio sembrava er nonno dei Robinson che soo spizzavano male per via dell’acqua.
Buone schizzate a tutti e ricordateve che a mignotta de mestiere è r genere de donna meno nfame che ce sta.
Disincantatamente Vostro, er furgonaro.”

L’addio der Capitano fa troppo male

“Ciao Spo, oggi nun te scrivo cor soriso sulle labbra, oggi nun c’ho proprio voja de ride. Oggi dentro de me sento solo na malinconia infinita, spero che scrivete me aiuti a elaborà il lutto in quarche modo. Ieri er capitano c’ha salutato, ha chiuso quella storia che annava avanti da più de 25 anni.

Ce credi se te dico che sto peggio mo de quanno m’ha lasciato la mi regazza dopo 4 anni?
Credice perché è così, damme retta.
Io c’ho 28 anni e i primi 22 l’ho passati senza de lei, così come l’ultimi due. Ma senza Francesco io non ce so mai stato Spò. A me Francesco m’ha fatto da Capitano, da fratello maggiore, da amico vero, da idolo e nun me vergogno a ditte che qualche volta m’ha fatto pure da amante. Non in senso fisico eh, nun me fraintende. È solo che quanno vedevo certe giocate, certi sguardi in campo, certe magie, l’unica cosa a cui te posso paragonà quello che ho provato é proprio l’amplesso. L’amplesso fatto bene.

Dopo la partita pe sfogà sta frustrazione me so dovuto buttà sulla strada, pe cercà de anestetizzà er cervello er più possibile, pe nun pensà, pe nun cede allo scoramento.

Ho deciso che da qui ai prossimi 10 giorni, in onore der 10, me devo mette la maglietta de Totti e me devo fa 10 sbucione stradali, de 10 etnie diverse.

Sto ancora a riflette se ar giorno numero 10 chiude in bellezza co qualche travello nero nero. Perché l’addio der Capitano fa tanto male, e se sa che er male chiama male.

Ieri sera ho iniziato co na rumena, stasera me aspetta un’autoctona der Niger, domani cerco na preda italiana e così via.

Sto gioco lo voglio brevettà, come quer telefilm co le 13 cassette, come er Blu Whale. Se chiamerà “10 zoccole pe onorà er capitano” e ogni romanista dovrà rende onore alla storia de na vita scartavetrando in lungo e in largo la strada e la vulva rigorosamente in onore der Pupone, rigorosamente co la maglietta numero 10 sua addosso.

Mo te saluto Spò, me vado a carica le palle de seme guardandome qualche video de Totti su youtube, stasera so cazzi amari pe la povera malcapitata.

FT10″

Er Merenda e i ricordi di Katia con la K (1YA)

“Spo, dopo tanti mesi ho deciso de fa er grande passo e scrivete la prima e unica esperienza che me sia mai capitata a mignotte. Prima e urtima perché da allora preferisco caricamme le troie alle feste de amici, quelle che pe quarche motivo me trovano attraente e che nell’arco de un mese me permettono de farcille come la porchetta che faceva poro nonno.
Ma pe raccontatte sta storia de ormai diec’anni fa me devo prima presentà. L’amici me chiamano merenda perché c’ho sempre voja de intigne er biscotto(vizio che ho coltivato negli anni mejo der fumo e dell’alcol, .)Insomma spò stavo a casa de n’amico altolocato verso ferragosto perché pure la famija m’aveva abbandonato come i cani pe annà ar mare. A Roma pareva giovedì pomeriggio in un paese de provincia da più de na settimana ar che m’ero trasferito nei quartieri alti da st’amico pe serate all’insegna der fumo e delle pippe . Su padre c’aveva la tv a pagamento senza firtri e ogni du minuti cominciava un porno novo e na nova sborata.
Al ché, dopo quattro giorni c’avevamo i cazzi lessi e,complice pure er callo, quanno l’amico me disse “oh quella dell’artro palazzo se sta a bacià co una” pensai che la cosa fosse ‘n miraggio.
Così m’affaccio poco speranzoso e che te vedo spò? sta Milfona brutta ‘n culo che pareva mario adinolfi co meno barba(ma poca de meno) che se baciava co na negretta che, alla fin fine, de corpo n’era poi male, specie pe ‘n ragazzino de 16 anni che ai tempi aveva visto na fica solo su carta o ‘n televisione.
Nzomma passamo un’ora a spizzasse dalla finestra, a luce spenta, ste due che dall’altro palazzo se baciavano e se toccavano, fino a che la cicciona non toje la majetta alla negretta e je spuntano fori du bocce da paura. Parevano du belle pagnotte de pane scuro e morbido.
a quer punto c’avevo er cazzo così duro da potecce spaccà i sassi alle cave e faccio all’amico mio “annamo a mignotte”. Lui me guarda, poi guarda le bocce della negra mettendo lo zoom all’occhi e me fa “pio la machinetta”.
Uscimo dar palazzo suo che erano le dieci passate coi cazzi dritti come i corazzieri quanno passa er presidente. Nzomma gira che te rigira, trovandoce a Roma nord, la prima scelta fu la Salaria.
Er problema era che durante er tragitto l’amico mio se cominciava a pentì, complici l’insegnamenti morali della famija. Me faceva “ma te pare che mo devo scopamme na zoccola, ma chissà che me pia” e cazzate varie. Ar che, co de sottofondo gli aqua che st’amico mio se sentiva sempre a palla, lo guardai coll’aria seria e je feci “a mignotte ce vado pure da solo, e se mo me dici de no mete scopo qui sulla tangenziale mentre sentimo barbie girl.”
mezzo intomorito allora cede e imboccamo la Salaria, dove però non trovavo quella giusta. Devi sapé spò che io c’avevo ai tempi na fissa pe n’amica mia che c’aveva le tette della ferilli sur corpo de sasha grey, nzomma na specie de dea in terra, e volevo trovà quarcosa de simile pe la prima scopata.
Dopo due giri e venti minuti trovamo quella giusta. Se chiamava Katia colla K(me lo specificò quando ce presentammo), tette sode e naturali, qualche chilo de troppo ma nei punti giusti.
L’amico mio s’accosta e io scenno pe contrattà. S’accordamo pe na pompa vista la poca pecunia che c’avevo dietro. Dopo l’iniziale titubanza er cazzo me picchetta sulla spalla e me fa capì che je va bene tutto. “ndo annamo?” je faccio cercando de sembrà un duro ma apparendo solo come er cojone che ero. Questa me soride e me fa “mo a te ce penso io”
Me porta dietro una vietta vicino ar bivio de prati fiscali e lo pija in bocca. Intanto je tiro fori le bocce e comincio a ravanà quer ben di dio. A spò ho goduto come ‘n porco, ma pe fortuna i giorni precedenti de pippe avevano fatto il loro lavoro e non venni come no stronzo dopo du minuti.
Anzi ce misi troppo:questa cominciò un lavoro de bocca e mani che me faceva godé più de marrazzo davanti an casco de banane, ma non arrivavo.
Al che sta katia me comincia a fa “ma tu impotente? tu niente palle?” mentre continua a smanettallo co na malizia e na bravura che non ho mai più ritrovato manco nelle più esperte de ornitologia. Prima dell’ennesimo sfottò me scatta quarcosa ar cazzo e tiro fuori tutto quello che c’avevo nei cojoni. Avrò sborato un caseificio intero in faccia a quella poraccia e me sarò dimagrito de ‘n par de chili.
Mentre stavo ancora a ripià fiato questa s’asciuga tutte le tette co ‘n pò de salviettine e me fa “tu bel maschio” dandome un bacio sur cazzo. A spò quer bacio m’ha fatto innamorà. Quando ce tornai la settimana dopo lei nc’era più, e così pe quelle dopo. La delusione amorosa de quaa sera m’ha allontanato dar mondo fantastico de sta pagina. Katia, non so dove tu stia mo ad allietare artri uccelli, ma il mio te ricorderà sempre co na lacrima de sbora.
Facialmente tuo, Merenda”

Er Marchiato spende troppo e gode poco (1YA)

“Er marchiato saluta tutta la pagina spotted togliatti (er marchiato, colui che si lesiona il cazzo con le pippe), spero che queste feste pasquali le avete passate al meglio… Io pure a pasqua me so fatto riconosce!! Come al solito non è mancata fregna, colomba, droga e un pó de sana tachicardia, ma veniamo al sodo… Quello che vi voglio raccontare è una storia un pó datata, datata perchè essendo fidanzato ormai vengo sorvegliato come toto riina (qualche mezza pompa sulla tiburtina ancora ce scappa) comunque, questo non è un gioioso racconto (gioioso racconto= quella volta che ho pisciato addosso a na cicciona o quando me so inculato na strappa filetti in stazione a pescara).
Tutto iniziò un sabato sera in un pub con giri marci de tequila e botte de cocco al cesso, insomma robba che stavo pippato come tony montana… A na certa me sale er maiale, c’avevo voglia de scopà, me sentivo metà Rocco siffredi metà John Holmes, quindi ho detto al palle secche che stava a pippà stile vorwerk:”a palle sè come ce la vedi na bella pompa tutta rumena stasera?”, Er palle secche:”A zi me so pippato pure mi madre non c’ho na lira”, 30 minuti più tardi decidiamo di andare a mie spese… parcheggiamo la macchina sulla tiburtina, scegliamo la puttana, io na classica rumena de quelle che trovi all’eurospin in offerta, lui n’altra mignottona, quelle che a du soldi te fanno pure il bidet, si ma sta volta spó stavamo troppo pippati pe scopà… Al mio amico palle secche ho dovuto dà 20 euro, giustamente la mignotta non aveva tempo da perde col cazzo suo che nun sburava e ha chiesto altro denaro (altri 20 porco ***), io idem, che te lo dico a fare ho dovuto pagà 20 euro iniziali più altri 15 pe na pompa, il cazzo me s’è alzato dopo tre quarti d’ora, quindi il rumenone ha chiesto altro cash, praticamente er cazzo era un cencio fracico de bava… Tutta colpa della cariolata de cocaina in circolo, me so sentito ferito nell’orgoglio, morale della favola ho speso fra cocaina, alcool, benzina e due mezzi bocchini più de 2 piotte… Li mortacci mia, era meglio tiravo du bestemmioni, me facevo na pippa e sburavo sulle piastrelle del cesso de casa, er marchiato ve saluta, ciao belli mia!”

I mercoledì der Satana

“Bella Spò so Er Satana te volevo aggiornà sulla mia love/fuck story co la badante ucraina.
E niente sembramo ‘na coppietta del cazzo tutti i mercoledì…io pulisco, lei s’affaccia per “Il Caffé” entro e je damo giù de brutto! L’ultima volta ha aperto la porta completamente nuda e ha iniziato a succhiammelo che stavo ancora nel corridoio.
Siamo anche passati al livello successivo: jo sverginato er culo…e dirò c’ha la penetrabilità der burro! Un sogno. Mo te sto a scrive che è martedì, per domani c’ho ‘n idea malsana…me la voglio scopà a pecora davanti alla vecchia. Tanto nun parla che cazzo me frega je do quell’oretta de libido che poi quanno va ar cospetto de gesù cristo c’ha quarcosa da dije! Porcodio non vedo l’ora de svotamme le palle domani. Ciao Spò”

Diana la bionda di Via Nettunense

“Rodimento de culo in profondo stato de avanzamento. Me dirigo sulla Nettunense direzione TotalErg; c’è una mora che so’ 2 anni che la vedo e 2 anni che me prometto che la purgo. E’ la serata giusta.
Ma la serata giusta nun è, perché nun c’è. Sto a fà inversione pe tornà a casa. Co più rodimento de culo de prima.
No, oggi no.
Oggi sboro. Sboro rabbia, cattiveria, fastidio e disagio.
Cambio direzione della freccia e arrivo alla prima rotonda e oltre a intravedere, da lontano, un gibbone che pare n’incrocio tra Booker T e Sandra Milo quanno piagne Ciro, passando avevo visto ‘na mezza biondina dall’altro lato della strada. Ronda, inversione e torno indietro. C’è.
Spara 30 bocca fica, je faccio l’occhi dolci, famo 20, sale. Me dice nun c’ha er resto, capirai, come si nun lo sapevo già da solo…
Mentre co la macchina me porta ad appizzasse, simpatico er siparietto de lei incazzata cogli indiani che incrociamo a piedi “questi vengono da me, me vengono a rompe er cazo, che vono scopà… ma nun je poso da confideza sinò poi si abituano sempre che vono scopà gratis”.
Ridacchio e faccio finta d’avè capito. E’ bello quer sano razzismo tra frange notoriamente vessate dar razzismo; me riconcilia coll’amor de patria.
Ce mette più a preparasse che a famme schizzà. Promemoria pe’ le prossime volte: contrattare solo bocca e aggiungere denaro in corso d’opera. Le negre insegnano.
Se salutamo e me conferma che sta sempre lì. Bono a sapesse. Incrociamo l’indiani che nel frattempo se ne so’ ritornati verso casa.
Comunque recensione positiva pe’ Diana, Nettunense prima della rotonda, bionda, simpatica, socievole, e co’ la mano te sfiora le palle. Poi appena me la riesco pure a scopà, saprò esse più dettagliato.
Er rodimento de culo nun m’è passato ancora der tutto, ma adesso me ne frega er giusto.
Anali saluti. Zò.”

KDS e Scrocchiazeppi dal bordello al kebabbaro

“Bella spo!
Dall’altra parte del mezzo telematico c’è er K.D.S. sempre cor cazzo in tiro!
Dopo mesi e mesi me so deciso de narratte l’ultimi avvenimenti del passato compleanno.
Stacco da lavoro e me porto er fido scrocchiazeppi a beve, te dico solo che c’ avevo lo stipendio de na settimana in tasca… se imbriacamo a livelli da fa sembra er poro Gascoigne no sbarbatello alle prese cor bacardi breezer. Morale della favola rimango coi sordi precisi pe famme un giro ar bordello co lucedeimieocchi, però io che so un signore e cultore del fatto che se uscimo insieme non posso sbora da solo decido de annà ar low-cost pe offrije na sborata pure a lui.
Er problema è che non m’ero reso conto de quanto effettivamente stesse ubriaco come na merda…annamo e manco er tempo de fa fini la sfilata de residuati bellici della guerra der Kosovo e de qualche altro scontro interno nell’Europa dell’est e già je stava pe collassa sul divanetto, me lo fanno prelevare ed adagiare fuori, manco fosse er peggio disgraziato dei senzatetto.
Io scelgo un cesso a pedali già rodato, cor culo butterato e grosso come du zizzone de Battipaglia ormai fraciche de du settimane.
Me porta in camera, monta er letto e guardandomi negli occhi col suo viso tumefatto e colmo de passione per la professione comincia na pompa a dovere, con qualche tentativo mal riuscito, ma comunque apprezzato de fasse scompari er cazzo n’gola, ormai cor cazzo in piena imitazione della torre de pisa decido de mettela a pecora e conclude a fucilate de reni con annesse pizze sur culo co la mancina e pizzicotti de stritolamento de chiappa floscia co la destra. Na volta finito guardo er portafoglio e vedo che magicamente me rimanevano i sordi precisi pe n’altro giro, faccio un fischio alla maitresse, je lascio sto trentino e me appropinquo a scartravetraje n’altro po a fregna a sta dea del malcostume e del cattivo gusto. Ovviamente m’ero totalmente scordato de scrocchia. Ricomincia con un bel pippone pe rimettemelo in tiro per il bis.
Parte alla seconda botta de manovella, manco na vespa c’ha st’affidabilità, la rimetto subito a pecora, perché se sa, a me quando afferri e strigni coi polpastrelli la chiappa ed è talmente moscia da lascia er solco delle dita, me fa salì un maiale interiore che me potrei scopa cor soriso pure Rosy Bindi se c’avesse un culo der genere… e facile che er suo è così, quindi cara Rosy se ce leggi, sta in campana che ce metto zero a famme salì er Pacciani e purgatte malamente.
Daje e daje de reni, dopo dieci minuti me imbocca quella branda della maitresse ( non ve l’ho descritta…1.80 sui 100kg de muscoli/panza da bira, brutta come n’insolazione al primo giorno de vacanza, co na ragnatela sur collo che svetta tra tutti i suoi poco femmimili tatuaggi…prima o poi ve raccontero de quando me so fatto fa na pippa da st’entità atipica) me mette 20€ in mano e me intima de annamene via e de riacchiappa scrocchiazeppi che stava a fa un casino…boh… li per li rosico, e comincio a piscia pe tutto er pavimento dall’antibagno ar cesso, pure sui tappeti…me diedero er daspo dopo sta stronzata…esco e me vedo scrocchiazeppi in posizione fetale che vomitava, rotolava de na metrata sul vomito e continuava a vomita praticamente je aveva sbrattato su tutto er marciapiede…una delle cose più belle che abbia mai visto e chi sta sul gruppo telegram sa de che sto a parla perché feci un video e lo caricai.
Je metto er giacchetto mio e lo lascio fori dar kebbabbaro morente e semi privo de conoscenza.
Dopo dieci minuti esco cor kebab in mano e vedo uno che je stava a fruga nelle tasche…m’avvicino ci interagisco e questo me dice che stava a cerca d’aiutallo a arzasse…si… e io piscio dar ginocchio, je diedi un cartone alla bene e mejo, cascò pe tera e rimase la, più accortacciato de scrocchiazeppi, lo lascio parcheggiato e me carico il mio prode compare de sciagure sotto braccio.
Per tutto il tragitto, nel mentre me magnavo er kebab, lui continuava a sbrattame addosso tant’è che li mortacci sua m’ha fatto butta i pantaloni, n’era sbratto, era varechina sotto mentite spoje.

A metà strada per un genetiaclo saluto, sempre tuo er K.D.S.”

Puttantour con l’aiuto chef

“Bentornati su radio spotted , la radio che sborra insieme a te , one nation , one station , tante eiaculation !
Avevamo organizzato na serata tra amici co cui non ci vedevamo da un po’ :
io , n’ amico che chiameremo il tirchio , n’altro che invece chiameremo il povero , perché non c’ha mai na lira e n’ altro che chiameremo “quello con la twingo” .
Andiamo a cena da n’ amico che fa l’ aiuto chef , ma che in realtà non può fare l’ aiuto chef perché ha bisogno di essere aiutato lui in primis . È uno che prima di questa avventura non era mai entrato in un pertugio femminile.
Ci aveva promesso che ci avrebbe deliziato il palato : inizialmente mangiamo semplici patatine e fonzies, poi ci ritroviamo delle costolette di maiale bollenti fuori e ancora congelate all’ interno : immangiabili a tal punto da ordinare telefonicamente delle pizze .
Nell’ attesa delle pizze ( che non arriveranno mai, ma non per colpa del ragazzo delle consegne ) giochiamo all’ ultimo Pes sull’ ultima play station e ci accorgiamo inesorabilmente di quanto siano passati gli anni : solo l’ aiuto chef ( padrone di casa ) ci sapeva giocare , mentre tutti noi altri lanciamo i joystick bestemmiando e rimpiangendo la giocabilitá di winning eleven, praticamente iss pro evolution in lingua giapponese su play station 1 , con i bolidi da centrocampo di Batistuta o Roberto Carlos messo in attacco.
Più per scherzo che per altro , conveniamo tutti nell’ andare a mignotte per risollevare una serata che stentava a decollare : Insieme non ci eravamo mai andati e neanche so se loro siano mai andati prima singolarmente .
quindi ci mettiamo tutti in auto : guida quello con la twingo .
A tal proposito , a distanza di anni colgo l’ occasione per scusarmi con la pizzeria che ci portò le pizze e non trovò nessuno a casa : voglio sperare che qualcuno del condominio mosso a compassione se le sia comprate al posto nostro .
Inizialmente facciamo un giro goliardico tra le mestieranti, sfottendo i trans oppure chiedendo ad alcune mestieranti vicino al fuoco a che punto fosse la cottura delle costate .
Dopodiché arriviamo in uno spiazzo enorme in cui c’erano davvero tante ..troppe mestieranti .
All’ amico con la twingo sale il maiale , accelera non accorgendosi di un leggero dislivello tra la strada e sto spiazzo e tocca terra il muso della twingo facendo un leggero botto e a tratti distruggeva il pneumatico destro, con na mestierante che tipo un vigile urbano ci fa segno di andare più piano .
Parcheggiamo la macchina e salutiamo tutta la tribù presente : il via-vai di auto era impressionante , soggetti di ogni età e ceto sociale , macchine idem si andava appunto dalle twingo ai suv bmw.
L’aiuto chef era assolutamente contrario ad andarci ma quello con la twingo e il tirchio che intanto si scelgono una a testa , gli rompono tanto il cazzo che lo convincono e se ne vanno tutti e 3 per boschi come cappuccetto rosso .
Io decido di restare a fare compagnia al “povero” e alcune mestieranti si avvicinano chiedendoci se anche noi volessimo scopare come i nostri amici ma diciamo loro che non abbiamo na lira bucata e dopo qualche chiacchiera veloce se ne vanno verso le altre auto in arrivo .
dopo pochissimi minuti arriva il tirchio urlando ” sta puttana ! Io volevo solo farmi fare na sega e questa mi chiedeva sempre altri 5€ in più per ogni cosa !” .
Cerchiamo di calmarlo anche perché dovevamo aspettare l’aiuto chef e quello con la twingo che aveva pure le chiavi della macchina.
Dopo na quindicina di minuti arriva tutto sorridente quello con la twingo facendo roteare intorno alle dita le chiavi della macchina ” spettacolo ragazzi ..l’ ho castigata a pecora ” .
Ci mettiamo in auto e aspettiamo il pezzo mancante : l’ aiuto chef .
Il tempo passa , i clienti pure continuano il via-vai e dell’ aiuto chef nemmeno l’ ombra . Proviamo a chiamarlo al cellulare ma lo aveva lasciato in macchina. Dopo na mezz’ora abbondante in cui qualche infame aveva proposto di lasciarlo lì, si vedono due persone provenire dalla direzione opposta : era proprio lui , l’ aiuto chef che camminava fianco a fianco con la mestierante come una coppia normale . Addirittura la aiuta anche a indossare una collana , non so per quale assurdo motivo ma te lo dovevo dire spò per diritto di cronaca.
Però notiamo che più si avvicina e più sta incazzato : sale in auto , sbatte la porta e non dice na parola .
Io lo sapevo che costringerlo non sarebbe stata una buona idea ma ormai era successo .
Per tutto il tragitto di ritorno non dice una parola , però appena arrivati a casa e andatisene via il tirchio e quello con la twingo , confidò a me e al “povero” che in tutto quel tempo non era riuscito a venire .
Al che, io e il povero , che non credevamo alle nostre orecchie , gli facciamo i complimenti perché comunque per essere la prima volta aveva dimostrato una buona resistenza , il che non era da tutti .
Ci salutiamo e tornando a casa mi sfiora il pensiero che in realtà non gli si sia alzato Il cazzo .
Ciao spò , sulle note di ” si viene e si va ”
Porco dio quanto ho scritto”

Furgonaro in missione per l’amico Fernando (1YA)

“Bella Spotted, e n saluto a cazzo duro pe tutti l’amici dar grilletto facile.
Nun scrivo da n pò perché sto a lavora na cifra eppoi perché sto anna sempre daa stessa mignotta Cristina, ché è davero na professionista e ce sta n rapporto de stima e rispetto pe r’ quale io je porto le cassette der latte de plastica robbusta pe faccela sedè sopra su via rocca cencia o l’accompagno a prende li stivali de gomma laccati dar cinesino, e lei me fa certi ciuccioni profondi e golosi senza guarda troppo l’orologio.
Vabbè nsomma ce volevo portà l’amico mio Fernando che porello s’è separato co a moje e nun sbora n compagnia de na donna dai tempi in cui pensavamo che Pallotta ce facesse diventa come er Manchester City (porcoddio) ma lui lavora er giorno e lei batte solo a mattina dei giorni feriali (soo po’ permette)
Inoltre nun è mai annato a migne er pover omo e tocca guidallo n’attimo, così na sera o passo a prende e na vota salito sur leggendario ducato cassonato bianco je faccio ” a zì preparate, la tua vita sta per cambiare” e lui me fa “nd’annamo?” -” a fa a spesa” je ribatto ridacchiando… si o so che è sera ma er supermercato dellla patata è un 24/7 e mò annamo a fa o spurgo ai freni.
Gira che te rigira era npò pieno de puffi su a Togliatti e cosi, annamo a finì su a tibburtina ma nisuna voleva salì co noi due da sola, sarà che fernando c’ha na faccia che ispira poca fiducia, che er mezzo sa de zingarello de Salone, comunque alla fine me so dovuto dirige da na vecchia conoscenza.. Erica, ar distributore shell appena passato er raccordo direzione tivoli… bè lei c’è venuta ma io non ho voluto scopà perché so schizzinoso dell’artri omini, eppoi me sa che Erica ha iniziato a fasse perchè l’ho vista scheletrica come na modella de yves saint laurent e faceva discorsi tristi tipo er truceklan…so sceso dar ducato e me so fumato na paja guardando dondolare il mezzo e sentendo gridare cavalla!cavalla!
So stato molto contento pe st amico dopo era popo più disteso, m ‘ha detto grazie, ho sburato come n campione… era felice come barbara d’urso quando morono tante persone tutte insieme…poi tornando a casa da solo comunque me so fatto fa na pompa da na negra perché sentivo a nostalgia de quer puzzo de frizione bbruciata/olio de li freni.
impaccianitamente Vostro Furgonaro, auguri pe la santa pasqua, sborrate più che potete, a vita è breve.”

La Randagia, er francese e Sailor Moon (1YA)

“Bella Spò sò la randagia, te volevo ricaccià fuori na storia de m’par de mesetti fa, pure se nun fà ride ma piagne, prima che finisca nell’oblio. Insomma è na storia in trasferta, mo sto a vive in Francia, ho trovato l’amour e n sacco de belle cose, ma se sà i Francesi sò mpò freddini, e io essendo abituata ai focosi ultimi romantici nonché gran puttanieri romani, volevo daje na sbloccata a sto francese che me sto a sposà, visto che nun ha mai visto na zoccola o fatto na cosa a tre n tutta a vita sua, je volevo smove un po’ de cellule e faje aprì la mente. Allora na sera, complici un po’ troppo de champagne, cocaina e zozzerie varie che je stavo a dì da tutta la giornata pe faje tené r cazzo in tiro, passando alla frontiera franco-spagnola del sud, dimo er ponte der raccordo de la Tiburtina de ste parti, pio la palla ar barzo e je propongo de caricasse na specie de Sailor Moon, bionda occhi verdi coi ciuccetti da maiala che ce continuava a guardà mentre aspettavamo parcheggiati che ce portassero artri du pezzi. Nun era bella, anzi era proprio na nana demmerda, ma c’aveva quello sguardo innocente da prendela proprio a schiaffi e tiraje quei ciuccetti pe obbligalla ai peggio servigi fino a che respira. Nun me chiede come che no sò manco io, na vorta caricata sta botta e date du fionne riesco a convincelo, a fomentallo e fallo avvicinaccese, rassicurandolo che tanto avrei gestito io tutta a trattativa e a situazione, ma pure dopo se voleva, pe me poteva pure rimané solo a guardà. Allora s’accostamo, apro er finestrino, e no sò sarà stata l’emozione, in 2/2 me sale na botta de amaro sciampagn e bile che comincio a vomitamme l’animaccia mia fuori dal finestrino, dentro la macchina, addosso a lui, e collasso diretta n catarsi. Lui tutto mpanicato se scusa co la tipa, parte e me porta a casa. Passamo na notte de merda che continuo a collassà e manco scopamo, idem i giorni appresso, e nsomma quarche giorno dopo scopro de sta incinta e addio giorni gloriosi de orge coca e mignotte tutta la notte, sò finiti i giochi.. E peccato pe lui che nun sò mai cominciati. E vabbè, c’est la vie…”