Il Multilevel Marketing spiegato dar Treppalle (1YA)

“Ciao Spò, so’ er Treppalle. Come tu sai, so’ un venditore piuttosto valido e profumatamente retribuito ner comparto sanitario. Siccome sto a frequentà un giretto de amicizie nuovo, tra le tante persone che ho conosciuto c’è un elemento simpatico, un po’ buffo, che viene dal sud, che chiameremo Eyeliner, perché tende a nun lavasse l’occhi la mattina (o forse c’ha problemi coi dotti secretori, vallo a sapè) e ad avecce un certo quantitativo de caccole da fa invidia a Sauron.
Era quasi ‘na mesata che sto pischello me parlava de sti convegni a cui andava, de sto gruppo de ragazzi che stava a svoltà… Vabbè, io la puzza de sòla l’avevo tanata già ar primo pelo; ‘nsomma Spò, stamo ner 2016 e come ce stanno ancora le vittime della Mafia, in Italia ce stanno pure le vittime der multilevel marketing (che mo’ lo chiamano pure in altre maniere); fatto sta che, all’ennesimo invito (pe’ questo qui so’ diventato ‘na specie de guru da quando j’ho detto come e quanto lavoro), complice pure che nun c’annavo da solo e che nun c’avevo un cazzo da fa, me dirigo all’indirizzo de sto convegno, verso torvajanica.
La formula è sempre la stessa e la faccio breve pe chi nun la sa: gente incravattata, rolex giallo ar polsino comprato a 59 euro su teleelefante, video a caso presi da internet de gente straricca, un’ora de chiacchiere e de domande del pubblico (più preparate delle telefonate da vanna marchi) pe’ fatte entrà ner business. Bravi eh, senza dubbio, gente che sa parlà… ma che lì se dovrebbe fermà.
Ar momento der piccolo buffet, dal nulla me se para sta pischella, giovincella sui 25, caruccia e ben vestita che sfruttando ‘na scusa coi biscottini da tè me fa “ah, ma sei te l’amico de Eyeliner?” – “Presente” e così me comincia ad attaccà bottone, ammicca, il tutto pe’ vendeme sti purificatori d’aria (che evidentemente j’avevano già ammollato e ce n’avrà casa invasa, porella) o pe famme diventa un suo referral nella piramide de vendite (capirai, allora magni).
Siccome oramai so mignottaro de un certo lignaggio, la puzza de zoccola la riconosco pure in ambiente ostile; così je lascio er telefono, aspetto che me chiama lei (er giorno dopo) e sfruttando le doti da venditore (vero) che c’ho, je imbastisco prima un caffè, e co’ du’ moine je propongo de venimme a presentà er prodotto a casa. Tempo du’ ore e me lo stavo a fa succhià in vasca idromassaggio, al grido de “la senti questa, questa è l’aria pura che devi respirà…”. Pensava de venì a rubà a casa de ladri.
Ovviamente nun j’ho firmato un cazzo, ma in compenso me so’ comprato n’aspirapolvere ad aria nuovo, alla fine un po’ come pagà ‘na zoccola e passacce la nottata, er compromesso ce stava e ne so uscito pure soddisfatto: la ragazza ce sapeva fa. Vedessi la donna delle pulizie quanto è stata contenta, nun m’abbracciava così forte da quando j’ho pagato la tredicesima. Annava ancora avanti co’n folletto der ’90, porella: a me me metteva paura pure solo a dovello spostà.
Cordialità.”

Er Piuma e le rape (1YA)

“Bella spo so er piuma, me chiamano così perché da Regazzino me dicevano che ero er più matto.
Te scrivo perché vedo che a gente dice che legge storie farse, Bhe se vonno storie vere presentaje questa: er solito giro pe organizza a serata quanno non c hai na lira in tasca e te serve a droga e du spicci pe Anna a mignotte e uscì. Roma e piena de fii de na mignotta spo, e noi eravamo veramente fii de na mignotta, ma de quelli furbi e organizzati. Se partiva de pomeriggio con l organizzazione, se rimediava l informazione dall amico pe do anna a fa la rapa, perché a rapa nostra spo era tutta studiata, tutta roba de comitiva sotto casa. l informazione partiva dall amico nostro che lavorava dentro ar posto do anna a fa er lavoro. ce informava sulle telecamere, orari, incassi e l orari de punta dove non presentasse. poi a sera se partiva prima della chiusura, se annava co Ii scarabocchi rubati, magari qualche portone più in la de dove annava fatto il lavoro, cosi tutto in zona de quei 4 malcapitati rimaneva. na vorta arrivati uno restava de fori a fa er palo e l’altro, detto er mestierante dar gruppo, entrava, e se cera gente se improvvisava er solito accento rumeno o zingaro, er solito miscuglio de lingue insomma, basta che non se capiva che eravamo italiani fii de na mignotta, tanto cera poco da di, a gente se cagava tarmente sotto che quanno arrivava a madama manco se ricordavano come se chiamavano pe quanto erano scossi. se trasformavamo in banditi spo. na vorta entrati se puntava er ferro sull amico, era brutto quel momento ma ognuno a fine lavoro c aveva a parte sua Dell incasso che se steccava prima de parti a fa l altri danni.
Tornado alla rapa, Na vorta fatto se scappava, o scarabocchio rubato se mollava qualche chilometro più in là in un altra zona e se divedevamo, uno Cor ferro che poi se faceva spari dentro qualche portone de zona pronto a esse riesumato pe n altra serata e l altro col malloppo che se portava in commitiva pe esse diviso tra chi aveva fatto il lavoro e chi invece c aveva dato a dritta e detto alla madama na vorta arrivata che a rapina qua sera a falla erano stati i zingari rumeni, Je davamo de più, sera fatto punta er ferro addosso, c aveva parato er culo co i sbirri spo, so meritava. Ed ecco che a sareta era fatta spo, a rapa come Ar solito era filata dritta e fatta cor cervello, i sordi in tasca e pronti pe esse spesi a coca, alcol e mignotte in giro pe Roma. era bella Roma de notte spo, e co i sordi in tasca lo era ancora de più.”

Pulp Fango e er forasacco (1YA)

“Bella spo so fango
Proprio ieri stavo a tornà dae parti de pomezia, quando me so ricordato del bel periodo de quando c’avevo 25 anni, er grano in tasca e me piaceva ancora solo la fregna. Ero popo un ragazzino. Na sera stavo co n’amico mio, che porello ha stirato gli zoccoli tempo fa causa peroni de merce poco regolari. Vabbe na sera stavamo a guardà la televisione, io avevo inculato 2 piotte a mi padre quindi decidiamo de annasse a infilà in uno dei posti più de merda che il mondo conosca. L’inferno sulla terra, ovvero ER DEGRADO.
Mo non esiste più spo ma ar tempo se volevi fatte fa du ciucci gratis bastava anna la dentro e le parucche se mettevano in fila pe svotatte le palle.
Trovamo questa, ce dice che è regolare e glie piaceno i pischelletti e sta in fissa co le cappelle de fontina. Regolare ar tempo me lavavo na volta ogni du giorni quindi c’avevo er cazzo de nonno nanni pe quanto era lercio.
Ce porta dietro a ncassonetto de fora e inizia a famme na pompa de classe.
Pe chi schifa er trans ve posso di che non c’avete capito ncazzo. Prima de parlà fateve ciuccià er cazzo da nparuccone e poi ne riparlamo.
Io stavo carico co 2 tennet’s e na botta de speed “modificata” co l’acetone che je piaceva tanto ar suicida. Questo ce pijava e ciucciava come nfolletto ingolfato de peli de gatto. alchè me fa “rompime er culo” e in due secondi, a spo manco io so come fa lo switch e se infila l’attrezzo ner culo. Ar tempo io andavo solo coperto e sta mossa me ha spiazzato, non so riuscito a fa in tempo a togliemme che gia’ m’era salita la scimmia de inculamme i travestiti a pelle. Da quel giorno ho schivato tutte le malatie da roma nord a roma sud, come quella volta che me so inculato na scimmia pe 10 euro e qualche spiccio a bordo pontina co e vecchie che facevano a cicoria sua nettunense guardandomi divertito. Quella volta causa nforasacco galeotto s’e spappolata n’emoroide a sto primate e m’ha inondato mutande carzini palle e cappella de sangue de culo.
Fu na brutta situazione perchè poi so corso ar pronto soccorso pensando de essermi traforato er cazzo co la merda de sta negra, co le ciavatte della champs e la patente sporca de sburo e sangue.
a breve ve racconto de quando me hanno carcerato in perù co n’amico napoletano de categoria.”

Veleno e er puttantour coi colleghi

“M’hanno convinto ad andà a fa sto puttantour… Sai, tutti sti espertoni colleghi de lavoro, che pe festeggià er collega, visto che nun ce invitava all’addio ar celibato nè ar matrimonio, almeno ‘na cosa goliardica la volevano fa. Lo sapevo che c’avevo a che fa per lo più co gente che da ‘na fregna c’ha fatto giusto uscì la testa, gente impreparata, nonostante poi se pavoneggiassero de chissà quali scopate ed esperienze.
Me fidavo poco già de partenza. Quindi, visto che eravamo in 8, andiamo co’ Continua a leggere Veleno e er puttantour coi colleghi

La barista iubi e i primi segnali

“Buonasera ragazzi
Non sono un mignottaro, e non so manco se serve specificare che gradirei l’anonimato, ma veniamo al dunque:
Pur non avendo mai toccato una prostituta, ho iniziato a leggere la pagina per farmi qualche risata in un periodo nero, con l’avvento del gruppo telegram ho imparato a conoscervi, capirvi e stimarvi, ho fatto di quelle risate con i vocali del furgonaro che boh, la depressione è sparita così in fretta da sembrare uno schizzofrenico.
Domenica scorsa durante il rito del caffè, fra un carico e l’altro del telonato con cui stavo facendo il trasloco, ho sbattuto il muso su quello che voi (in realtà ormai bisogna parlare di noi?) Definite una IUBI, sta barista rumena, due metri di gambe, secca, bella, un musino dolce e sti occhiali da maestrina che boh, penso il viagra sia meno efficace..
Ho capito in un attimo che valore ha la chiappa rumena e perché alcuni venderebbero le madri pur di possederle.
Onore alla chiappa rumena, in iubi we trust.
Visto che un nome è di rito, potete chiamarmi l’osservatore, tipo quello di highlander…Vedo, guardo, ma non intervengo..

Ora torno a “osservare” la magica Alina (manco farlo apposta eh?).”

Mr Nostalgia e la gang sgrammaticata (1YA)

“Bella spo , so mr nostalgia qualcuno si ricorda di me per il mio stile di scrittura svincolato da catene grammaticali e soprattutto per le mie 2 passate storie agrodolci . Questa volta partecipo ad un gang bang ( che Dio mi perdoni per ciò) avuto l’indirizzo del l’organizzatore mi precipito da lui, il tutto con discrezione come quando si tratta Continua a leggere Mr Nostalgia e la gang sgrammaticata (1YA)