Er Pluridecorato anni 90, bamba, oppio e festini

“Bella spo so er pluri, c’ho poche novità su fronte meritricio perchè comincio a lavorà a settembre e so povero come la merda, l’altro giorno ho beccato cita a n baraccio a Rocca Cencia (avevo 5 euro e tante speranze de sborà) e m’ha offerto lei n gelato pe fatte capi er livello de povertà. Avrei preferito daje du botte ar culo, ma sta stronza non batte più perchè sè fidanzata e io ormai vedo tutte le mie certezze annassene via, vedo n ricambio che forse manco testerò andando via da qua…
Comunque spo sempre o stesso giorno ho ribeccato al centro commerciale de ponte de nona a gente che tu non voresti incontrà, sai quei ex compagni de corso che te fanno l’elenco dei successi loro, er lavoro sicuro che je permette de comprasse tutto indebitandose, pure na moje all’occorenza, a stessa che aveva trovato questo e che lo teneva ar guinzajo mentre c’aveva er passeggino e na bestia satanica de marmocchio n braccio che già dopo er primo minuto avrei messo dentro a n pilastro de cemento.
Tutto felice de famme l’elenco de sti successi che a società etichetta come tali, io me stavo già a fa viaggi co a capoccia che m’ero scollegato cor cervello, poi me chiede “ma te invece na vita che stai a fa, tacci tua sei sempre uguale, quanno t’ho conosciuto eri n macello”. Ebbene spò jo risposto che si, ero uguale anche perchè non m’ero sposato co a prima cojona come lui per vedere sbocciare er frutto da sua sborata in una piccola bestia de satana, tenesse lontano e rompicojoni aiuta na cifra a mantenesse giovani.
I suoi riferimenti ar fatto che ero n macello se riferiscono a na cifra de anni fa, cosi so tornato indietro all’anni 90, ho capito a cosa se riferiva… Devi sapè spo che a quei tempi i soldi ce stavano, annavo a mignotte co regolarità, il mio palmares de giovane mignottaro avrebbe già fatto impallidi i veterani der gruppo e co a lira oltre a permettece e mignotte come n’uscita a fasse na birra, se trovavano sostanze a prezzi decisamente mjori dell’epoca.
Quer giorno me svejai alle 15 de pomeriggio de sabato dentro la macchina in mezzo alle campagne de Roma est, avevamo fatto n festino e io me so fermato perchè mentre guidavo vedevo gente che me buttava tronchi in mezzo la strada e io inchiodavo ogni 800 metri, l’amico mio che m’aveva portato ar festino se fece veni a prende perchè era convinto che se saremmo ammazzati (uomo di poca fede porco dio), io però stavo a vedè draghi e stavo imparanoiato come pochi e non volevo abbandonà la maghina, non ero abituato all’oppio spò, cosi rimasi a smalti la botta in macchina e me svegliai perchè me scrisse proprio sto tizio che all’epoca studiava co me.

Me sento vibrà er bananone della nokia che c’aveva na durata de batteria da fa impallidi pure i sommergibili nucleari co sto sms “A bello stasera che facciamo, andiamo da qualche parte?” “Se sopravvivo forse, sto n po stanco”. Nel mentre leggo er messaggio de n’amico che lavorava ar pub dove m’affacciavo du vorte a settimana “Stasera festino importante”. Tradotto bamba a volontà. Er fatto è che questi erano ambienti strani, sai quella gente impaccata coi sordi che se riuniva co acculturati e musicisti, quinni apparivo pure io co quarche amico, ma questi essendo de livello mica annavano a festini clandestini come me a cercà robaccia o erba pe sfasciasse cor cirotto e er bong co na tiratina de oppio a rinforzà, questi erano na mezza specie de aspirapolveri in feste in ville che se non stai attento quanno sternutivano te imbiacavano come n pupazzo de natale.
Volume 2Alla fine co l’inganno ce porto sto ex compagno de studi co n artro che erano du rincojoniti, ma manco troppo perchè dopo mezzora quanno capiscono se ne vojono andà. Amarezza, me portano a n PUB co la messaggistica coi bigliettini che andava de moda allora. Praticamente finimo a pippe e fasse n puttantour co loro “eh belle queste, ma io co na zoccola mai”. Coglioni… Riportati a casa alle due de notte me dirigo su a tiburtina cor cazzo carico come n leghista ar comizio de quer cojone de Sarvini, arivo e trovo a desolazione totale. Niente spo, desolazione o troie che m’ero già passato troppe volte, avevo bisogno de sborrata de novità, quanno arrivo nei pressi de case rosse e vedo n’abbacchio fa l’autostop, cioè nun è che era n boiler, era n po n carne e all’epoca la tiburtina era roba tanta, questa era spazzatura si vedevi i culi che ce stavano.
Però spo sai com’è? Che quanno decido de sborà per me basta che respiri, che c’hai 3 buchi de cui almeno due funzionanti e tutto se po fa ar giusto prezzo. Me guarda e fà “se mi dai un passaggio a casa scopiamo gratis”. Me so sentito come er vincitore dei 200 milioni de euro al superenalotto e ma carico, c’avevo er cazzo cosi fomentato che sentivo pursà i cojoni sur sedile, poi je chiedo ndo stava. Fiuggi porcoddio… Ma guardo e chiedo ar cazzo quanto stava carico. Tanto, cosi partimo pe Fiuggi. A spò ma so chiavata n mezzo le fratte de fiuggi in maniera cosi ignorante che l’avranno sentita urlà fino a Frosinone. Poi appena la scarico apro er porta oggetti a cerca e sigarette e che te trovo? Na caccola de oppio da sera prima. Non c’avevo niente de adatto e cerco de facce na canna.
Porco dio spo sull’autostrada vedo er gardareil movese come l’elastici, ho capito che sarei morto, cosi me sò fermato a na piazzola della Roma l’Aquila e ho dormito n tempo indefinto quanno m’ha svejato na pattuja dandome per morto all’ora de pranzo er giorno dopo. Ringraziando quell’infame de cristo spo in maghina non c’avevo n cazzo, le sigarette erano finite come e cartine, me fanno a perquisizione e non trovano n cazzo (mamma mia quanto ho goduto) e io la macchina a tenevo pulita e io pure anche se dentro de me ero n cadavere andavo in giro vestito non da tossico e avevo la faccia convincente.
Je dissi che avevo avuto un compleanno, ero andato via alle 6 de mattina e che mi sono fermato per prudenza, ma che nun c’avevo idea di quanto ero stanco. Passata pure a prova dell’alcool ho avuto però paura che me facessero saltellà o cammina, che porcoddio se arivava na folata de vento cadevo pe terra. Alla fine me mannano via e me incammino verso Roma. Arivo a casa soddisfatto: in un sol colpo ho fatto public relation, sborato e goduto co e guardie. Me finisco er filmino de quella seratona de cui er mio ex compagno de studi ignorava er finale e lo saluto che m’ero rotto er cazzo.
Probabilmente mo faccio schifo per altri aspetti spò, non fumo e non bevo quasi mai, però a differenza de sto tizio, io nun c’ho bisogno de convince la gente e me stesso de quanto so forte e felice, perché a me non me ne frega n cazzo, pure n mezzo alla merda me muovo alla grande e per me la gente se po ammazzà cor gas.
Stasera vado co 10 euro a Rocca Cencia a negre, vedo sempre più monnezza e sento la puzza de monnezza che copre quasi quella delle negre, stasera se spruzza nello schifo.
Sboralmente tuo, er pluridecorato”

Monnezzatece:

views
237