Er Sentimentale e le droghe psichedeliche

“Ciao spo, oggi te voglio racconta della penultima volta fino a mo che so andato a Mignotte.
È stata un’esperienza un botto negativa ed è per questo che ho aspettato tanto a raccontartela.
Ho pensato che questo fosse il miglior momenti per esorcizzare quel momento visto che sto in aeroporto per Anna in Romania e tra qualche ora de Mignotte sarò ricoperto fino Ar collo come un bambino nella vasca delle palline e avrò modo di rifarmi.
Un mese fa stavo ad Amsterdam.
Na sera era stavo fatto fracigo de funghetti.
Devi sape spo che le droghe psichedeliche forse so l’unica cosa che metterei davanti a Na mignotta, ma perché scegliere se posso avere entrambe le cose?
Stavo su sto ponte sopra Ar canale e vedevo Na caterva de luci e de cose strane che manco nei teletubbies o come cazzo se scrive.
Stavo li da due ore fermo, pioveva pure e avevo un sorriso felice stampato in faccia, ma poi arriva lei.
La vicino ce stava Na vetrina e dentro na zoccola che me nota.
Apre la vetrina e me dice de entra, ma io rifiuto stavo nella mia felicità così.
Dopo un po ce riprova e li non ho potuto di de no.
Entro Je do 50 euro, inizia a famme na pompa e stavo a flesha troppo.
Tutto bello peccato però che popo non me se voleva drizza. La me iniziano a sali ansie che manco leopardi.
Niente, cilecca.
La prego de insiste de provarci ancora, intanto le visioni e la gioia era svanita me lascia così è intanto lei si inizia a rivestire perché era a fine turno.
Io nonostante avevo il cazzo moscio dovevo sbora. Inizio a famme na pippa sul suo letto mentre lei se cambia.
lei me vede e me da un fazzoletto per no sporcaje la stanza.
È lì che mi dico” ora mi vendico”.
Niente io ce l’ho già de mio sta fissa come ti avrò raccontato in altre storie precedenti e me so riconfermato.
Al momento clou pijo e Je sboro sul letto sui vestiti che ancora se doveva mette.
O sai come è finita?
Si è messa a rovistare in un cassetto a cerca qualcosa mentre urlava.
Chissà che cazzo stava a prende cmq sia me impanico prendo i vestiti e le scarpe e scappo via.
Erano quasi le 4 de notte e me so rivestito de fuori all’aria aperta mentre ero nudo e guardato con schifo da alcuni passanti.
Ciao spo tra poco me rifaccio.
Tuo sentimentale”

Commenta su Facebook:

Vagisil Poeta fa l’amore con il sapore

“Sbragato ero sul letto, co la mi regazza a cavalcioni,
bello sboraje n’corpo, tanto c’aveva ‘e mestruazioni
Pe’ falla venì de core, je spizzicavo n’culo er mignoletto
Tant’è che je piaceva, che pe poco nun me sfonnà er letto
Stava quasi pe levasse, pe annasse a dà na sciacquettata
Quanno je dico <<fermete>>, quarcosa sulla mano m’è scolata
Pregavo fosse sperma, tiè, al limite ciclo mestruale
E invece era popo merda, mannaggia a Dio maiale
Vagisil Poeta”
Volume 2

Commenta su facebook:

Veganesimo e prostituzione

“Ciao Spò, me serve ‘na dritta pe’ na lavoratrice indoor a Roma Sud. Prima andavo sempre da Eupremia, ‘na mezza peruviana mezza cilena a Via del Tintoretto, ‘na piotta pe’ un’oretta trascorsa co sana passione e abnegazione. Ma mo’ dice che è diventata vegana e nun ingoia più, perché la sbora è organica.
Io c’ho provato a dije che m’ero magnato solo n’panino coi broccoletti ripassati, ma nun ha voluto sentì storie (che poi era vero).
Vedrai se gira gira se inventeranno pure lo sperma pe i celiaci. Aho, è n’idea. Pensamoce.”

Commenti:

La frase più bella der mondo der Sentimentale

“ciao Spo, so Er Sentimentale.
Me ricordo qualche anno fa, quando me sentivo assiduamente ” rete sport” su a radio ( 105,6) che ogni tanto mandavano in onda, tra na cazzata e un’altra, tra na telefonata de qualcuno che “scorreggiava” ar telefono e qualche giornalista che sparava un botto de cazzate, uno stacchetto un botto fico. Continua a leggere La frase più bella der mondo der Sentimentale

Er Tanica a Chinatown

Tratto dal gruppo Telegram:

“[06:26:10] ER TANICA:
A ci….qualche tempo fa dissi che avevo avuto un pomeriggio demmerda, c’ho messo na bottiglia de whiskey per tornare a interagire con le persone, me portò a magna a Chinatown…lascia perde proprio…
Dopo de quello non c’ho avuto più er coraggio de avvicinaje er cazzo alla bocca, anzi a sulla tutta non me ce so proprio più avvicinato io.
La faccenda è lunga, provo a crea ed disagio che ho provato

[06:36:06] Alessio:
Ma era decente almeno sta cacariso?

[06:49:16] ER TANICA:
Me porta a magna dentro sto scantinato de Chinatown, er disagio già s’era creato prima, inoltrandoci dentro al fulcro del quartiere ero l’unico occidentale, non ve dico come me guardavano sto zozzoni, Vabbe entramo dentro a sto “ristorante” e gia la puzza de merda fritta e mutanda croccante me stava a fa veni er disgusto, io non so suscettibile sul cibo, ammazzavo conigli cor coltello che c’avevo si e no 6 anni , poi lavorando in cucina a Roma, tra interiora, capocce, e cazzi vari, tutto questo giusto per dire che sono difficilmente impressionabile, PORCODIO la c’era la merda, sti facciegialle se bevevano brodaglie bianche facendo un casino della Madonna, sul tavolo c’era la peggio merda, se sedemo e lei ordina tipo delle polpette ripiene demmerda, cominciamo male, il bello è che non c’era uno che magnava a bocca chiusa e senza scozza sur tavolo, ovviamente me guardavano tutti malissimo, lei se mette a magna delle zampe de qualche animale coi piedi palmati e mentre strappa via la cartilagine se spolpa le ossa e unghie del poveretto, adagiandole poi con soave scozzamento, con audio alto annesso, sul tavolo, a na certa mentre se beveva na cosa bianca allungata co la soia arriva il piatto principale, na capoccia de mostro marino.
Volume 2Solo la capoccia, er corpo non se sapeva che fine aveva fatto, me comincio a magna le guance e non c’avevano sapore, erano solo piccanti, a na certa me dice de magnamme l’occhio, me credevo scherzasse, diniego, me fa un sorriso, me lancia n’occhiata dolce, stacca st’occhio e se lo comincia a ciancica manco fosse na gomma, e ovviamente a bocca aperta, e quindi vedevo er pertugio dove era passato il.mio fedele compagno d’avventura, accogliere questa sagra del disgusto, dove i residui andavano da destra a sinistra accompagnati da un rumore tipo “squash squash ” ( per far capire è come quando te magni na gomma per far rumore e rompe er cazzo a quello che te sta vicino) da la er disgusto, continua a magnasse altra merda, io m’ero attaccato alla bottiglia e volevo solo torna a casa”