Er Genio der 71 e la zingara al supermercato

“Ciao spo’ so il genio del 71,
è na cifra che se dovemo sentì, ma sto a passa’ un momento un po’ strano, me ritrovo come tutte le estati senza il mio fedele compagno de schifo Er GPS, che se ne sta’ in montagna, ma tra n’po’ torna dice.. Pe fattela breve sto a fa’ un secondo lavoro che me occupa tutta a settimana, in poche parole sto impicciato come Continua a leggere Er Genio der 71 e la zingara al supermercato

Reazione violenta de Veleno ar matrimonio de Bianconi (1YA)

“Er Bianconi se sposa. Si, ma non lo leggete come un’esclamazione, un momento de giubilo, qui la faccenda è triste; me l’ha comunicato sorridendo, come un regazzino dell’anni 90 che je regalano er subbuteo. E’ convinto de esse ner giusto, se sente veramente felice e oramai ho finito le parole pe spiegaje la cazzata che sta a fa. Lo capirà.
De andà a mignotte, ovviamente, nun se n’è manco parlato; oramai è diventato tipo n’incrocio fra Robin Hood, che ruba a se stesso pe dajeli a lei, e Padre Pio quanno ancora c’aveva le mani.
Considerando che alla stagista milf non j’hanno rinnovato er contratto e onestamente m’aveva pure n’po iniziato a incenerimme i cojoni co gelosie assurde (prima fanno le open maind, poi se je dici che forse esci co’ una fanno le gelose), ieri so’ annato a mignotte da solo, anche piuttosto incazzato.
Cercavo na sfida, un confronto fisico, un quarcosa de rude e de brutale. Così, convinto de fa cosa giusta e adeguata, so’ annato ar Mattatoio. Ma i trans nun erano quello che cercavo, a quelli se te li inculi a secco je fai n’piacere. Così, fatte due chiacchiere co Natasha detta Filippo sulle zinne che s’era rifatto er mese scorso, decido de interfacciamme sulla Togliatti. Giro tanto, interviste qua e là, ma tra quella che te dice che nun vole esse menata (ho messo subito in chiaro le cose), quella che stasera fa solo i pompini (cazzo vordì? come se te apri na filiale de Mondo Convenienza e venni solo i bidè) e quella che ride, ride, ride, che cazzo se ride, che se poi me la inculo e la pijo a cazzotti sulla nuca nun la riconosce più manco Warrick Braun, più giravo e più me saliva er Rambotre.
A un benzinaro poco distante c’è na zingara. Secca secca, vestita male. Non ce vado quasi mai co’ le zingare da un sacco de tempo, perché una volta una me rubò un braccialetto d’oro che ce tenevo e ancora fatico a capì come c’era riuscita. La guardo e ce ripenso. C’ho più de 150 euro in saccoccia, ma ‘na sete de vendetta che me fa pulsa er sangue nero nelle vene. Mostro du pezzi da venti abbassanno er finestrino. Sale. Parto.
<<Dico, lo sai che me te inculo?>> mentre je avvicino i bluettoni freschi de bancomat <<Vabbè basta che fa piano>>.
M’apparto, sbrago er sedile passeggero, se leva i fusò e le mutande, se mette a pecora. Er resto nun te lo racconto, nun ce riesco, nun ero io. Te posso dì che m’è dispiaciuto pure si era na zingara.
Saluti dar Veleno”