Un tridente da Rebecca sulla Nettunense

“S’è fatta ‘na certa ar pub e dopo avè bevuto, pagato e pure aiutato a rimette a posto, ar King je sale er molesto, e decide che deve a tutti i costi portà er Cerasella a zoccole.
N’c’è n’cazzo da fa, quanno ar King je se chiude la vena nun lo fermi manco co la camicia de forza. Così, cercando de venì incontro ar poro Cerasa, che c’aveva tutte le vojie der monno quella sera, tranne quella de annà a zoccole, je dico: “aho, allungateve sulla Nettunense co’ me, armeno lo portamo da Corina che è caruccia, tranquilla e magari je la fa pija a bene…”.
Purtroppo la Nettunense dopo le 2:30 de notte riduce notevolmente la propria distribuzione de patata, e Corina nun ce stava. Così, continuando la ronda quasi fino ad Anzio, er King e er Cerasella se caricano Rebecca, simpatica bionda sulla quarantina. Io li scorto co’ la macchina mia, alle loro spalle, intrattenendo conversazioni co’ quarche artra mestierante qua e là, dicendoje che, per il momento, non ero interessato ad usufruire dei servizi.
La serata è tranquilla. Imboccamo a un parcheggio dietro a n’bar chiuso (o forse era ‘na frutteria, n’me ricordo). C’è n’altra macchina co’ uno fermo ad aspettà. La macchina der King se infratta dietro a sto bar, io me accosto a n’angoletto tranquillo.
Da un anfratto escono un pischello e ‘na mignotta moretta co’ un bucio de culo scolpito (appunto personale: quel culo bisogna che lo ritrovo una de ste sere). Questa se alza la gonna e, indifferente al fatto che io la stessi a guardà, se rimette le mutande, co lo stesso stile e la stessa destrezza che c’ho io dopo che me so’ fatto er bidè. Poi, dopo un po’ de chiacchiere, imbocca in macchina dell’altro pischello e raggiungono la macchina der King lì dietro. Er pischello che aveva consumato, rimane nei paraggi a gironzolà a piedi.
Riemerge er King, che ha lasciato Rebecca e er Cerasella nella macchina sua (ar King dije tutto, ma non che nun sia uno de core). Je racconto della mora, e lui nun se fa trovà impreparato: “ma porcoddio l’ho incrociato mo’ ar pischello, j’ho chiesto com’era la moretta e m’ha risposto -nun lo so- ma che cazzo te pensi che so’ ‘na guardia? Forse me la volevo scopà pure io, che dici?”. Provamo a daje ‘na voce dalla macchina “maschio, maschiooo”, ma er pischello continua a svagà.
D’un tratto e dopo poco vedemo uno che vaga pe’ sto parcheggio a piedi: “a Cerà, ma che cazzo stai a fà?”, “no no, nun è serata ve l’avevo detto”, “ho capito, ma che lasci la zoccola in machina co’ le chiavi attaccate????” e er King riparte a piedi in questa situazione Boccaccesca, mentre er Cerasa se viene ad accomodà in macchina mia, assorto nei suoi pensieri.
Dopo ‘na decina de minuti canonici, er King riemerge, er Cerasa je imbocca in macchina, e da finestrino a finestrino er King me fa: “‘a Zò, Rebecca è stata molto cortese, gentile e disponibile, se vuoi usufruire dei servigi ti tratterà bene”, “evabbè daje, falla salì” (tanto alle tre de notte Corina nun l’avrei comunque ritrovata). Scendo dalla macchina e incrociando Rebecca questa me fa: “si ma annamo co’ la macchina eh” al che je rispondo “vai tranquilla, sali pure intanto che io devo salutà st’amici”.
Saluti, baci e abbracci.
Scendo nell’anfratto co Rebecca, molto cordiale e disponibile, e nel frattempo l’altra macchina ancora stava a “lavorà” co questo dentro che aveva lasciato i fari accesi, che nun m’hanno disturbato più de tanto, ma n’pochetto er cazzo lo rompevano.
Concludemo er rapporto, e a tal proposito te segnalo che Rebecca merita un buon 6,5, soprattutto per la gentilezza e la disponibilità, visto che ha anche acconsentito a fa’ la smorza che a me me arrapa sempre molto, però su di lei pesano un pochino gli anni de militanza. Consigliata agli amanti del genere milf, io prediligo carne un pochino più fresca.
Quarche giorno dopo, in preda ad un raptus de curiosità, contatto er King perché ‘na cosa nun m’era chiara. Te manno lo screen della conversazione e te lascio cor dilemma. Io n’idea, comunque, me la so’ fatta.
Bella Spo.
Zo’.”

Le lamentele del Gps

“Ciao spo so er gipiesse..
È tanto che non te scrivo,e nel frattempo nelle miriadi cose che so sucesse ne è sucessa una grave:er gruppo de telegram de spotted non è piu quello de na vorta è modificato cosi tanto dagli inizi,che non se parla piu de troie,ma de che smalto ho comprato ieri sera..quindi l’ho abbandonato.
Cmq scrivo pure pe lamentamme de *******,che secondo me è una finta giocatrice!!
Te spiego che io e lei se conoscevamo prima di tempi de spotted,e quindi in situazioni critiche e pe supporto morale,delle volte la chiamo,come sucesso l’altra sera…
Ero capitato a na situazione strana pe me,ragezetta tutt’ apposto che ha perso la testa pe un ragazetto del nord…io dasolo li che non potevo parla de negre de gender de teoie e soptatutto per dio de PIEDI,perche quella ciaveva una delle sue mille fobie e una de queste so li piedi..
******* mette un me piace a na foto mia su fb,e quindi faccio ok la chiamo me serve supporto..la.pio la porto da questi,e il piccolo pre serata lo passo li con loro,consapevole che ogni volta che ce guardavamo e me dicevano che fate dopo,gli risponnevo; no no vado a dormi, invece volevo portà ******* a negre…
Scaricati i due che pensano ancora che io lei quella sera avemo scopato,porto incredula ******* a negre,le quali avendo il contatto fb di loro appena me vedono me chiamano pe nome facendo oh è arrivato gps…allora che faccio vado dalla negra mia de fiducia che è lesbica e senza paga gli propongo cosa a tre tra me ******* e lei,e incredibilmente accetta!!
Quasi carico a mille sto pe fa sali la negra ,e ******* rifiuta perchè non era preparata pe anna a zoccole e a negre…
Quindi regà non venite a fa la morale quando in gioco se ve ce mettete ve ce mettete pe finta…qua tocca agire non esse moralisti!!
Un saluto grazie pe lo sfogo,
Pace dar gps..”

Prime volte e scorregge

Dal nostro Gruppo Telegram
“Un paio d anni fa con un amico vediamo un’escort su un sito e decidiamo di chiamarla. Si chiamava Sonya, della repubblica ceca, mora con occhi verdi. Le chiedemmo se fosse disposta a riceverci insieme e ci dice di si. L abbiamo pagata abbastanza eh, non ricordo esattamente quanto ma una cosa tipo 100/120€ a testa, a Ponte di Nona.
Vabbè, andiamo, parcheggiamo e saliamo. Facciamo tutto a turno: pompino, figa e culo. Il mio amico se ne viene dopo un po’. Io ci stavo mettendo un po’ di più, anche perchè ero agitato per il fatto che fosse la prima volta per me. Non so cosa mi successe, se l agitazione della prima volta o il non riuscire a venire…fatto sta rega che mentre he lo buttavo nel culo a pecorina mi partì una scoreggia clamorosa rega!! Porcoddio che vergogna me ne so andato senza manco sburà. L amico mio ancora me prende per io culo a distanza di due anni. Mortacci mia, 120€ circa pe scoreggia con un’escort.”

Er GPS e la salsa barbecue

“Bella spo,so er gps…un po di tempo fa sulla togliatti ho conosciuto na certa silvia,un mix di italiana/gitana che batte dalle 9 de mattina alle 9e30 de sera.
È brutta,sporca ma che cmq parla l’italiano corretto e meglio de me me fà arrapa,calcola spo la prima volta che lho incontrata ce so andato vestito da guardia giurata e non avendo i soldi li per li gli dico accompagnare a prelevà,e lei noo ciò paura a fa ste cose non vengo,praticamente stava a fà l’impanichina,pero me dice dai 25 pompa cabrio e cosi fu pompa con gola profonda,e venuta con sputata de sbora sul marciapiede da parte sua..
Pochi giorni dopo fuori dal servizio incontro na ragazetta che me piace co tipo mezzo culo de fori,addio so le 7e30 de pomeriggio mo do vado a sborra??
Aaaa cè l’italiana al tenda a strisce me vado a fa fà na pompa cabbrio,arrivo e lo spettacolo è na buziccozza rumena in preda a un attaco de overdose e il pappone piu sti italiana che l’arreggevano,vbb con non scialanz faccio ritorno tra un po e un quarto d’ora dopo ritorno e vedo quella in preda al collasso riparlare in modo decente e l’italiana magiasse er pollo dell esse lunga con la salza barbechu,me fa ao 5 minuti finisco metti la macchina la scendi e aspettame,mentre aspetto er pappone e lei me offrono da mangia ma non acetto il loro cibo,pero gli dico ti prego non te lavà la bocca appena finoto famme na pompa cabrio…cosi fece gli venii in bocca e ancora sto pe immagina er sapore che glio fatto arrivà in gola de mix de sbora e salsa barbecue…poi come favore ho riportato a casa pure il pappone!
Alla prossima er gps”

Er Debito Pubblico, Fregene e lo sfruttamento della ex (1YA)

“Bella Spo so DEBITO PUBBLICO per via dei buffi che me porto appresso! Finalmente ho trovato il coraggio di raccontarti ciò che ho fatto l’inverno scorso con un mio caro amico… Bene inizia tutto quando scoprii che quella mignotta dell’ex mia se stava a fa scopa pure dai cechi a fregene! Beh che te devo di io ero innamorato fracico e quel periodo me stavo a pippa pure lo stucco de le pareti de casa mia quindi puoi ben capire che non c’è stavo con la capoccia… Quando sgamai che la troia stava sfamando la sua voglia di cazzo lungo tutto il litorale, davanti a un pezzo de cocozza decisi che me la sarei scopata con uno dei miei amici er POSTE PAY (per via della sua passione nel leccare le schede zozze)! Dopo aver preso tale decisione andai da lei e glielo proposi… E come te poi immagina sta cocainomane ma detto subito de si senza batte ciglio.
Va be arriva er giorno in cui la dovevamo inforca, organizzo tutto e chiamo il mio spacciatore di fiducia e me armo de du bei pezzi de cocozza così la maiala avrebbe dato il meglio di se! Mentre la chiamo er Poste Pay un po titubante me chiede se ero sicuro de quello che stavamo a fa ma io ero più che sicuro, sicurissimo! Beh se la caricano dentro la Kia Rio de Poste Pay e senza perde tempo pio er libretto e acchitto 3 fionne! Fumato er cicchetto e dopo aver caricato la cojona tipo pugile che sta per affrontare il match della vita gli dico che era venuto il momento di prendere i nostri cazzi e dirigerci verso uno stabilimento di fregene “la Perla”! Beh arriviamo su una dunetta rialzata a ridosso della spiaggia c’è stava la luna piena e manco faceva tanto freddo, mentre me sbottono i pantaloni la guardo mentre euforica fremeva dalla felicità di poter prendere due cazzi in una sola volta! Fatto sta che parte con un doppio bocchino alla velocità di Biabiany in progressione, mentre io e Poste Pay ci stringiamo la mano soddisfatti dell’opera che si stava compiendo! Cmq Spo quella sera è tornata con la figa come il culo del tacchino il giorno del ringraziamento prima de esse farcito!
Fatto sta che poi da quella volta è successo che io er Poste Pay ci abbiamo preso gusto e se la semo montata intrippati altre volte fino a quando non me c’è so lasciato! E sai che te dico Spo che alla fine so contento che ma messo le corna almeno ho potuto fa questa magnifica esperienza con sto grande amico e so uscito da quel loop de paranoie e droga! Va be va bella Spo mo te saluto un abbraccio!
Cornacchietta T.i.p”

Er Vagabondo de passaggio a Calle Montera (1YA)

“Bella Spo’ so er vagabondo, quello che s’e’ scopato la sorella de Doumbia fatto de bombe a Barcellona pe fasse capi’. Te volevo racconta’ la giornata de oggi, a Madrid sta botta. Stavolta la partita me la so vista, arrivo in mattinata, giornata abbastanza tranquilla. La Roma ha giocato bene ma non segnava manco se se giocava 360 minuti e la palla se poteva prende co le mani. Poi tutto il Bernabeu s’e’ alzato in piedi pe Totti, manco avesse visto Luisa de Viale Marconi a pecora! Vabbè s’emozionano co poco sti madrileni. Veniamo a noi. Finisce la partita e tutti a Calle Montera, strada in centro piena de zoccole de tutte le taglie e dimensioni, dalla piccoletta rumena all’orango tango protetto africano che vivono e battono insieme in una simbiosi e tranquillità unica. Sembra tutto bello ma la sola e’ dietro l’angolo. Si avete capito bene : rimedio sta slava che diceva de esse del Vaticano, secondo me ha frainteso la parola “cappella” però vabbè, faccio finta da credece e annamo in camera. Al che sta bastarda me inizia a fa tutta la smorfiosa : questo si, questo no, non toccare. Super stranito je dico “senti fa co la mano va”… e quando meno se l’aspetta me levo il preservativo, faccio due passi de lato e je sboro tutto sul cuscino. Lei me tirava io ridevo, insulti in tutte le lingue del mondo mentre je propongo de cambia mestiere e anna a lavora’ in fabbrica, la peggio scopata della vita mia senza dubbio.
Allorché scendo distrutto e mi affido a un amico che non sbaglia un colpo da USA ’94. Me indirizza verso una turca in formissima che me succhia pure l’anima senza fa un fiato. Missione compiuta , anche Madrid e’ conquistata. Ma la cosa più bella della serata rega’, rimane senza dubbio scoprire che proprio st’amico mio va a mignotte co i preservativi personalizzati che costano 3 euro l’uno, pensa che faccia fanno le mignotte quando stanno lì lì e vedono sto malato che tira fori sti preservativi da sta scatoletta rotonda e je dice “nono io c’ho i miei”. Allora je dico “giura che lo fai davero!” E lui me l’ha giurato… Sul santino de Roberta Gemma che tiene dentro il portafoglio. Ha vinto tutto rega’ v’allego la foto e me vado a riposa che domani co tre amici s’annamo a attacca’ le peggio malattie a Budapest… TRASUDIAMO DISAGIO, RONALDO HIJO DE PUTA!”

Saruman, la Salaria e l’evoluzione del mestiere (1YA)

“Buongiorno Spò! Non sai quanto sono felice di scrivere di nuovo sulle tue virtuali pagine di memorie malate. Ovviamente sono il tuo fottutissimo Saruman, malato manipolatore di persone deviate dalla ragione.
Sta storia risale al venerdì scorso, quindi robba fresca, e sta volta non ce sta né Er Verme, né Er Vertebra, né Er Pazzo, solo io; e come ar solito, non ce sta un lieto fine.
Per lavoro ero in Motorizzazione sulla Salaria.
Qui mi prendo qualche riga per elogiare la strada con le mestieranti più fregne che i miei occhi indegni abbiano mai visto, avrei dato loro oltre che la mia nerchia ed il mio conto in banca anche rispetto e amore, ma di queste quattro cose avevo solo la nerchia.
Finito di sbrigare le mie cose di lavoro mi dirigo felice felice verso la macchina, pronto a girarmi un cillabong da sturbo mentale. Poi vedo lei.
Milf, alta, mora, occhi verdi smeraldo e bocce disgustosamente enormi. Spò era vestita da mignotta, ma non quelle dei marciapiedi, bensì come quelle che vanno con le amiche al bar a fare l’happy hour (stamo sempre a parlà de mignotte, me pare.)
Me guarda e me lancia un sorriso da porca che mannaggia a dio m’é salito il Brad Pitt arrogante. Subbito petto in fuori, pelo in vista pe fa capire all’istante che so omo-vero, mi dirigo verso di lei lentamente mentre fumo la mia sigaretta. Lei mi chiede da accendere ed inizia ad attaccà bottone.
Mo occhio Spò, sarò un cojone ma non so stupido, sentivo lontano un miglio puzza de ‘nculata brutale, una de quelle che te spezza il fiato e te fa piagne come na vagina ben lavorata e dopo finito lo stupro, te lascia li, sporco e al freddo, a vergognatte della tua esistenza.
Fatto sta che stavo al gioco perché se ce stava solo una possibilità su cento che me la dava, a gratis, co quelle bocce, io ce stavo.
Ormai allullito dal quei occhi verdi me metto a fa il simpatico, e allora la stronza lancia l’amo, pronto a pescare un pesce più grande di quello che sperava (spero).
Me fa- Beh sei stato proprio caruccio a darmi da accendere. Perché non passi a lavoro da me? Sto qua dietro!-
Spo ripeto, non se vedeva che era na mestierante, era si vestita da cagna, ma come tante, nulla di più.
Io da fagiolone je dico- Dimmi allora, che lavoro fai?- Capitò?! Nella testa mia quella ce stava a provà per davvero!
Lei risponde con un sorriso semplice ed innocente- La mignotta!-
Forse siamo davanti ad una evoluzione della troia, quelle che vanno letteralmente in giro a caccia di clienti, quelle che fanno le PR de se stesse, capace che tra un po’ iniziano a citofonà a buffo pe i palazzi pe vedè se qualcuno vole un servizio de lingua.
Credo che ci avrò messo almeno almeno 5-6 secondi prima di capire. Me so fatto na grassa risata, l’ho salutata ringraziandola di cuore per avermi fatto passare 3 minuti illusori da adone quale non sono, e con la mano dentro alle mutande so entrato in macchina. Li sfregi che jo fatto alla vergine Maria, da dentro la mia micra infuocata dal sole, lo sa solo quel figlio della colpa di Gesù. Tangenziale a 110km/h, imbocco in ufficio, mi padre mi guarda e mi chiede come è andata, io lo ignoro. Scendo giù nel seminterrato e mi calo i pantaloni pronto a finire quella scopata che tanto mi ero immaginato e che pensavo si sarebbe realizzata. Sborrata liberatoria sul muro e via, la giornata continua.
Al prossimo racconto d’amore, tuo famoso Voyer de cazzate, Saruman.”

Idro Indoor, la vecchia e la trentina

“A Spo, urtimamente me faccio pija dar nostargico e sto a rifamme er giro de n’po de zoccole già scopate in passato. Ieri so annato da agata de Trento, trentina coll’accento rumenomade; lei pe fortuna s’è mantenuta bene, però m’ha fatto paga er supplemento perché nun ho sborato entro la mezz’ora… Ce po sta. Comunque li dentro poi l’ho riconosciuta veramente quando me so andato a lava er cazzo e ar cesso c’era quer ber sapore acre de intima de karinzia, quello che se sente nell’ospizi dove i vecchi ancora li fanno accoppià sperando che ce stirano i zampetti e invece quelli stanno tutti belli arzilli…
Ce deve abità co quarche vecchia dentro a quaa casa, tipo na bisnonna o magari fa la badante… Sta cosa me fa na cifra sangue, mo ce entro in confidenza che magari me riesco a rimedia na pompa dalla vecchia, è un mio vecchio pallino. Ciao. Idro indoor.”

Er Satana davanti alla vecchia

“Ciao Spò, ho visto che qualcuno me chiede della scopata davanti la vecchia…beh l’avevo scritto che c’avevo st’idea malsana. E niente mentre la mia ucraina di fiducia je stava a fa ‘n so che je so ito dietro (alla badante mica la vecchia) e je l’ho infilato…tanto era ancora bagnata dell’ingroppata che avevamo fatto prima! Tanto quella sta tipo vegetale come stephen Hawking ma co quasi na piotta de anni quindi abbiamo potuto fare senza troppe interruzioni! Credo pure che qualche schizzetto je sia annato addosso…ma sticazzi!
Bella Spò Er Satana te saluta”

Idro Indoor e Caterina ‘a colombiana

“A spo ma quanto s’è rovinata Caterina a colombiana? C’ero annato due anni fa sotto Natale e a parte er culone (che comunque me piace) era stata n’esperienza sufficiente.
Ce so riannato du sere fa che volevo na chiavata comoda vicino casa e m’ha aperto la porta che pareva n’tarallo co le gambe. Ha tirato su un fisichetto che me ricorda Angelino Peruzzi l’anno dopo che s’era ritirato e ha fatto pace co la Nutella. Comunque me la so riscopata pure se nun se lo sarebbe meritato perché io le donne nun le rispetto ma le troie sudamericane si. Ah, da oggi me firmo pure, chiamateme Idro indoor perché vado sempre a casa delle troie e je schizzo de piscio sue tavolette der water.”