Veleno racconta Scoppietto, la Dea dell’Amore e il Bar d’Ernesto

“Oramai campamo de memorie; beh ovvio, non vedendose più come ai tempi belli, se raccontamo pure qualcosa de attuale: “come va’ co’ tu moje? quanno ve accannate? ogni quanto te manna a fa la spesa? ricordate d’annà in farmacia a pijaje l’assorbenti…” e altre prese pe’r culo de sto genere.
Ma er Bianconi ce sta, da buon marito ormai succube se vive ste serate co’ talmente tanta Continua a leggere Veleno racconta Scoppietto, la Dea dell’Amore e il Bar d’Ernesto

Veleno: quando l’esperienza non basta

“L’esperienza non è una qualità. Neppure un valore. L’esperienza non esiste.
Non lo so se funziona così pure per le donne, fondamentalmente manco me ne frega n’cazzo, ma a n’omo a cui je se chiude la vena nun esiste logica, il ragionamento s’azzera, te guiderà sempre er cazzo e quell’intrinseco desiderio de ricercà quello che, in quer determinato momento, te manca.
Te la faccio breve: 10 giorni de trasferta al sud. Faccio ‘na doverosa premessa, fosse pe’ me l’Italia Continua a leggere Veleno: quando l’esperienza non basta

L’Amarcord der Veleno dalla Sora Ramona

“Che c’è ritornato in mente ieri sera, ‘na situazione d’altri tempi tra ‘na biretta e un whiskaccio.
Partimo dar principio però: mettemo subito in chiaro che oramai semo du’ pensionati della prostituzione, praticamente assomijiamo a quei vecchietti che guardano i cantieri; noi praticamente semo du’ nostalgici che passeno sulla Colombo e su Viale Marconi, dicendose “ma te ricordi quella mora che batteva qui… ma te ricordi quella bionda che s’appizzava là… ma te ricordi quella cor tatuaggio, chissà se s’è più ripresa da quer cratere anale che j’avevamo fatto!!!” Continua a leggere L’Amarcord der Veleno dalla Sora Ramona

La trasferta de Veleno a Torino

“Manco de fiducia ner genere umano. No, mica da ieri eh, è ‘na cosa bella radicata armeno dai tempi der matrimonio e consideranno pure che nun m’è mai capitato, sur lavoro, de ritenè quarcuno superiore a me stesso, diciamo che nun spicco mai pe’ altruismo e disponibilità, anche perché, quann’è successo, so’ quasi sempre finito ad accollamme spese o lavori che nun me sarebbero dovuti compete. Continua a leggere La trasferta de Veleno a Torino

Veleno de passaggio a Santa Palomba (1YA)

“Famo a capisse, io ieri nun ce volevo annà a mignotte. Sai com’è, attraverso quer periodo mistico in cui tutto intorno alla fine sembra funzionare, pare quasi che la vita te soride, fondamentalmente nun te manca un cazzo: er pompino e la chiavata li rimedio, er Bianconi se sposa a metà ottobre e nonostante questo sta sempre felice come n’cojone (magari te piovesse merda quer giorno cì, però te vojo bene, lo sai), pensa che addirittura in ufficio hanno licenziato quer collega che so’ 7 anni che conosci e te sta sur cazzo da 8… E che te serve annà a mignotte quanno stai così?
No vabbè daje, sto a scherzà. In realtà nun vado a mignotte perché n’c’ho ‘na lira, c’ho più rate addosso che capelli in testa, quindi me faccio sta finta opera de autoconvincimento, ma a voi che sete gente de strada nun ve se può mentì.
Sta de fatto che l’azienda ce invita a sta cena (festeggiavamo tipo una ricorrenza de nun so bene cosa) a Torvajanica. Sta de fatto che sta cena se vede che era organizzata coi preti e alle 22 stavamo già de fuori a fumasse quella der dopo caffè. Ma soprattutto, voi me insegnate, sta de fatto che stai a Torvajanica, torni a casa in macchina da solo che è ancora presto e che fai, nun te allunghi quei 15 chilometri pe’ fa n’sarto a Santa Palomba, ma pure solo pe’ vedè che aria tira?
E tirava n’aria de fregna che sentivi quer bell’odore de sifilide fresca già da Pratica de Mare.
De fondo a mignotte ce so sempre annato truce: io pago, io comanno, io scopo e decido. I tempi so’ cambiati, c’ho 20 euro in saccoccia e du ticket restaurant da 5 euro ciascheduno. Ce devo arivà ar 15 luglio.
E allora faccio quello che nun ho fatto mai in vita mia: er piacione. Sostanzialmente nun me frega n’cazzo (ancora) de sborà, ragiono co la capoccia de uno che “male che vada je faccio na gastroscopia cor contrasto alla milf domattina e sto a pace”.
Gironzolo sorridente, je butto lì un “come stai?” o un “come te chiami?” coll’occhi dorci… E 7-8 de ste fate ignoranti che manco Orzapetek nun cojeno sto mio momento de inaspettato romanticismo, risponnenno cor tariffario secco e deciso. Belle so’ belle a Pomezia eh, c’hanno certi fisici che Emma Marone nonostante er dimagrimento a confronto rimane sempre ‘na tanica de vino de quelle rivestite de pajia, però so acide come n’limone spremuto dopo che l’hai usato pe’ tappattece er culo quanno stavi n’diarea 15 giorni prima.
Frega n’cazzo, alla fine sto qui pe’ guardà, pe chiude l’occhi domattina nello stanzino e sognà che a ingurgitamme er cazzo ce sta una de ste meraviglie.
E però… Però c’è Ramona. Che te soride, se sbraga da ride quanno dico ‘na stronzata e soprattutto quanno ariva la frase <<Ramò, ma nun c’ho ‘na lira>> me risponne <<evabbè, che je fa, 15 euro e facciamo veloce veloce>>.
Sale. Pompino da 9 e mezzo co tutto er preservativo. Però è popo bella e de venì nun c’ho voja. <<Ramò, fammete scopa te prego>> je chiedo co l’ingenuità de n’quindicenne… <<Dai, te ho dato pure resto de 5 euro, nun te approfittare de me…>> (si perché c’avevo un pezzo sano da 20 e ho fatto la figura demmerda de chiedeje er resto) <<…pensa a sborare>> me dice ridendo. <<Senti, te li ridò, te dò pure du boni pasto.>> Ride. M’accontenta.
C’ho ancora er sorisetto ebete stampato da ieri sera. Pe’ du giorni magnerò yogurt scaduti e pasta aio e oio. Poi je chiederò 20 euro alla Milf. Oggi gnà faccio. Co sta faccia qua gnà faccio. C’ho ‘na dignità.
Saluti dar Veleno.”

Veleno e er puttantour coi colleghi

“M’hanno convinto ad andà a fa sto puttantour… Sai, tutti sti espertoni colleghi de lavoro, che pe festeggià er collega, visto che nun ce invitava all’addio ar celibato nè ar matrimonio, almeno ‘na cosa goliardica la volevano fa. Lo sapevo che c’avevo a che fa per lo più co gente che da ‘na fregna c’ha fatto giusto uscì la testa, gente impreparata, nonostante poi se pavoneggiassero de chissà quali scopate ed esperienze.
Me fidavo poco già de partenza. Quindi, visto che eravamo in 8, andiamo co’ Continua a leggere Veleno e er puttantour coi colleghi

Veleno e l’Ardeatina (dove l’Africa è vicina)

“L’altra settimana c’avevo un rodimento de culo che ce potevo fa l’asole sui muri. Solo che n’c’avevo ‘na lira, come sempre ultimamente, e racimola e aggiusta ho tirato fori n’ventello scarso scarso. A ste cifre nun se può andà a fà l’indoor, ar massimo potrei entrà dentro casa de quella troia dell’ex moje mia, sboraje un po’ sur Continua a leggere Veleno e l’Ardeatina (dove l’Africa è vicina)

I ricordi matrimoniali de Veleno

“C’hai presente quanno le donne se innamorano de te? E pe’ dimostrattelo cominciano a fa le cose zozze ma un po’ pe volta, tipo una ogni trimestre, sempre che te comporti bene e te lo sei meritato (o magari j’hai semplicemente fatto squirtà pure l’occhi er giorno prima a furia de manganellate sur clitoride)? <<No, ma sai, è la prima volta che ingoio>>, <<Oddio, non pensavo che nel culo fosse così bello>>, <<Non so come spiegarti, ma la soddisfazione di essere riuscita a farti una pippa coi piedi è più la mia che la tua>>. Ecco regà, aprite l’occhi: Continua a leggere I ricordi matrimoniali de Veleno