Er Genio der 71 e la zingara al supermercato

“Ciao spo’ so il genio del 71,
è na cifra che se dovemo sentì, ma sto a passa’ un momento un po’ strano, me ritrovo come tutte le estati senza il mio fedele compagno de schifo Er GPS, che se ne sta’ in montagna, ma tra n’po’ torna dice.. Pe fattela breve sto a fa’ un secondo lavoro che me occupa tutta a settimana, in poche parole sto impicciato come cristo a pasqua..
To pensato na cifra ne sto periodo de astinenza dalle malattie, me successa na cosa che me sembrava doveroso condivedala.
Te stavo a parla’ de sto lavoro nuovo, in pratica me occupo de controlla’ un supermercato, ando’ arubano na cifra è la gente me ispira na cifra de disagio, cosa che de certo me agrada.. mentre me stavo a fa’ li cazzi mia e svagheggiavo, spizzandome come faccio tutte le sante mattine qualche bucio de culo de mamme impegnate a decide che faje da magna’ ar marito, perché dentro de loro c’è lo sanno che stanno in colpa per tutti i ciucci che fanno de nascosto, me vedo sta zingara, ma bella eh spo’, però non te saprei decifra’ l’eta’ precisa,anche perché co loro te devi fa’ sempre er calcolo della moltiplicazione Pe 7 e a sottrazione de li mejo mortacci loro e de quanto Je rimane de vita, però ma colpito perché ciaveva sto tatuaggio su a zinna che me ricordava a cassetta dell’acea andove me scopavo Jessica,a mejo negra de a tiburtina, a na certa ma vedo usci’ co sta borsa sotto braccio.. in quer pezzo de cervello che me rimasto me se acceso subito er sentore che me sé voleva incula’.
Volume 2Co Er mio passo felpato che me contradistingue, temprato da anni de camminate su a Togliatti cor GPS me c’è avvicino, co e mani incrociate dietro a schiena, e je dico de aprimme a borsa, sera presa na decina de euri de trucchi, alche’ je dico de pagamme tutto, ma de soldi non c’è ne aveva. Pe metteje un po’ de paura je dico che je dovevo chiama’ e guardie, però dato la mia grande bonta’ de cuore decido de non fallo, però de sicuro qualcosa in cambio volevo, anche perché vieni, rubbi, non hai soldi, almeno famme schizza’… appena me scocca a pausa a vado a ripia’ de fori e ma porto de dietro ando’ stava appiattitore de scatole, me la so’ incarcata sopra a dei mattoni de tufo che areggevano Er container…
Bella bocca, ber culo e belle ciavatte, portava un par de infradito de Errico Coveri viola Co e pajet, ciaveva pure er tallone indurito che su na donna è un tocco de femminilita’… a sera me scrive er responsabile mio dicendome che Manno visto dalle telecamere, nessun problema anche perché a robba non jo fatta prende, se solo preoccupato della salute mia visto che ma so’ inchiappettata a Pellet, ma chiesto che che gusto c’è provavo anna’ co na zingara, ho detto che una de ste sere uscimo e me lo porto apresso.. forse me fanno presidente de a societa’
Pace”

Appacificatece:

views
21