La Finanziaria di maggio 2018 der Veleno

“Credo che esistano due tipi de donne ar mondo: quelle che nun te la danno e quelle che nun te la vojono dà, ma te la danno perché ne traggono vantaggio e convenienza. E questa credo sia la giusta chiosa che se unisce all’ultima perla der Pluridecorato, che approfitto pe’ salutà insieme all’Umidiccio cor Peugeot, de cui me so’ letto e riletto un par de storie sur libro rischianno de strozzamme pe’ ride.
Come forse ricorderai, io so uno n’po malato coi numeri. Sta cosa è stata uno dei motivi per cui la mia ex moglie, a suo tempo, disse che me lasciava: ero troppo quadrato. E tra le tante stronzate che sputò pe’ levammese dar cazzo, de fondo su questo manco je posso da torto. Infatti, ogni mese, nei paraggi dello stipendio, tiro giù un excel che pare er bilancino de na onlus. Praticamente conosco già come spenderò tutto quello che c’avrò (che poi, tolto che magari ‘na vorta pijo er tonno e ‘na vorta la Simmenthal, nun è che ce siano ste grandi differenze tra un mese e n’artro).
Sta de fatto che nella Finanziaria targata maggio 2018, er capitolato dedicato alla prostituzione aveva avuto una brusca deflazione rispetto ai mesi precedenti. Praticamente, confrontando le abitudini e le disponibilità, a occhio e croce pensavo che me sarei pagato pe’ famme ‘na pippa.
E invece quer giorno, me pare fosse er 23, tornando ar tramontino da ‘na specie de trasferta ar lavoro, ho speso quei 10 euro a bilancio con una giocata che nun credo d’avè mai fatto in vent’anni sonati de carriera da puttaniere. Era ‘na zingara, e qui me ricollego all’impresa dell’Umidiccio che m’ha ispirato; apparentemente nun era ‘na mignotta abitudinaria, ma, parafrasando er Sentimentale, diciamo pure che nun faceva nulla pe’ nun esselo.
Volume 2M’avvicino, accosto e je faccio “come stai?”, proprio la peggio stronzata banale che m’è salita ar cervello quer momento. Appare imbarazzata, ma manco più de tanto; famo du’ chiacchiere veramente più inutili de ‘na lezione de Luca Giurato alla Sapienza. Alché me so’ detto: “c’ho tempo da perde io? No. Lei? Probabilmente manco.”. “Senti bella, c’ho dieci euro e vojia de scopà, sai mica chi me può dà ‘na mano?”. Che te lo devo spiegà Spò? Me teneva er cazzo in bocca prima ancora che, appartato, me parcheggiassi.
Parlamose chiaro, era veramente inguardabile, zozza de sporco, pure sudata, ‘na zingara vera, ‘na cosa indegna. Più brutta de ‘na canzone de Calcutta featuring Thegiornalisti. Regà, a proposito, pijamose un minuto de riflessione: ma ne volemo parla n’attimo de sta gente? Che pe’ anni amo preso per il culo Masini perché cantava solo roba che portava zella, e oggi c’avemo uno che canta er bugiardino dei medicinali e ancora nun ha trovato n’poro stronzo che j’allessa n’fresbee co’ le dita a 140 orari in pieno volto…
Che poi io penso che se te sceji er nome d’arte della fogna più famosa der mondo, probabilmente stai pure in buona fede, vojo dì, ce lo stai a dà pe’ sottinteso che ce farai ascolta solo merda. Però ce dovrebbe esse un limite pure dar punto de vista discografico.
Tornamo a noi; metti pure in conto che avrà fatto ‘na trentina de chili vestita, pesava come ‘no scatolone de quelli che, mentre fai er trasloco, tiri su smadonnando, ma poi ‘na vorta sollevato dici “anvedi che culo, questo n’pesa n’cazzo”: mentre l’avevo messa a pecorina sur cofano era talmente secca che mentre me la scopavo je mettevo le mani sulla schiena pe’ sentì se me ce sbatteva er cazzo.
La morale de sta storia Spò è che le mejo scopate te le fai quanno nun te l’aspetti. Io ero convinto che questo sarebbe stato un mese de digiuno, e invece non solo me so’ nutrito de fregna, ma me so’ pure saziato er cervello, riappropriandome de quel qualcosa che, ultimamente, ammetto d’avè perso. Perché quanno sulla finanziaria ce so’ quei 40-50 ma pure 100 euro destinati alle zoccole, già me immagino più o meno come li spenderò e magari pure dove e da chi. Quello che è successo quarche giorno fa, er pensiero de sti 10 € che nun avrei mai creduto de spende, ma che avrei riportato come avanzi pe’ giugno, m’hanno riportato quer brivido, quella piccola aurea de presabbenismo e soddisfazione, in questo mondo che, non ci vuole più.
Saluti dar Veleno.”

views
5