La Bionda dopo la rotonda vicino Via Nettunense

“E’ da un po’ che nun te scrivo, e ammetto che un po’ me manchi, come del resto un po’ me manca de annà a mignotte. Ma nella vita a volte se devono fa delle scelte ed in tutta onestà, al momento, nun c’ho manco ‘na ragione pe’ sentimme pentito.
Te scrivevo da Via Nettunense l’estate scorsa, qualcuno me (ri)conosce Continua a leggere La Bionda dopo la rotonda vicino Via Nettunense

Er biciclettaro a piedi sulla Colombo (1YA)

“Bella spo! So er biciclettaro So novo de ste storie ma Te vojo racconta de qnd ho preso la bicicletta e so annato a zozze sulla Colombo.. beh spo.. mortacci delle zozze… lego la bici al palo del semaforo e me faccio du passi a piedi lungo la Colombo x vede de pija la zozza mejo che ce stava.. porco cazzo vedo una.. una figa statuaria liscia mora co l occhio chiaro.. A sto giro te giuro m he venuto duro appena l ho vista.. me avvicino x parlacce, e niente tempo de fa 4 passi me sento na mano sul culo… me giro e me sento di a “biciclettaro” (da qui il mio alias) ma ne che te va de fa du pedalate d amore co me??? Nn me convinceva… ma puzzava de cazzo qll voce… infatti porco cazzo me giro e vedo una spranga nn indifferente usci dalla mutanda de sta bestia!!! A spo ch aveva du spalle che te dico fermate.. sbianco e stringo il culo!!! Je faccio.. A..cosa a me piace a topa!!!!
Lei lui pija e se fa carica da uno pochi secondi dopo… torno alla carica da qll sporca intravista me chiede 20 euro x nciuccio 30 x tutto.. A spo!!! Ho lavorato 2 ore x quei 30 euro ma te giuro che 15 min me so più che bastati.. era troppo sorca, nelle mille avventure sulla Colombo questa è stata l unica volta che ero felice de sborsa invece de appioppaie quei 4 scudi con cui ce vado de solito!!!!!! La topa è topa nn ce so cazzi!!
er biciclettaro saluta spo e tutti i suoi seguaci!! Alla prossima”

Fango nell’enclave della trave a Torpignattara (1YA)

“Bella spo so Fango. passo per via Cencelli (torpignattara) che sono praticamente le 7 di mattina, però hai visto mai… E infatti passa Claudia, vecchia conoscenza del quartiere, t-girl sulla quarantina che però si difende ancora bene. Ti serve un passaggio? Chiedo con candore, a 30 metri dal suo portone. Veramente sono arrivata, vuoi venire? Si ma ho poco in tasca. Vabbè vieni lo stesso.
Varchiamo il portone, nell’enclave della trave (metà dei trans di Torpigna abitano in quel cortile) ed entriamo in casa, in fondo a sinistra, quando verso l’obolo per un totale di 13 euro e 65 centesimi, e noto un’espressione quasi rassegnata in lei che mi dice ma hai sempre pochi soldi? Beh, stavolta sono di più, l’altra volta ti ho dato 10 euro… Pazienza, dice lei, si siede sul letto e parte di bbj ben fatto, si vede (e si sente) che la tipa ha esperienza nel settore. Nel mentre le palpo le tette, che deve aver rifatto perché più sode e palpabili dell’altra volta, e le tasto anche il culo. Ad un certo punto mi chiede se voglio usufruire, perché a lei è venuta voglia di farselo mettere nel didietro, e me lo porge con chiaro invito ad entrare naked (ma allora è un vizio!) faccio notare che dimentica il profilattico, quindi provvede a gommarmi e vai di pecos. Me la sto sbattendo per bene, quando mi dice di avvertirla quando sto per venire. Di lì a poco arriviamo al punto, io in piedi ai bordi del letto e lei a pecora, e la avviso che sto per giungere al capolinea. Fermati, mi fa lei, che ci penso io. Beh, da non crederci, io mi sono fermato e praticamente si è fermata pure lei, ma mi ha fatto una pompa con il culo, contraendo e rilasciando lo sfintere, che neanche un bocchino viene così bene. Grande goduta e soddisfazione di pari proporzioni, pulizia con salviettine umide e asciutte e ciao, ti saluto.
Non ho recapiti, la trovi in giro per Torpigna e al lavoro credo al mattatoio Togliatti, ma non ne sono sicuro.”

I pensieri in libertà der Tenebra (1YA)

“Caro Spò,
sto su a tazza der cesso e ‘nvece de famme na pippa ho finarmente deciso de scrivete.
Me chiamano er Tenebra, perché rido poco. Nun ciò problemi eh, solo che me stanno tutti npo’ sur cazzo e co sto monno de merda nun me piace da ride a buffo.
Te scrivo ‘caro’ perché a confidenza me Continua a leggere I pensieri in libertà der Tenebra (1YA)

Er Diplomatico, er Frappa, Julio Baptista e la ruota (1YA)

“Bella spo’ so nuovo te seguo sempre e me so detto perché non raccontaje na storia dee mie….
Allora me presento so er diplomatico me chiamano così perché c’ho sempre er naso zozzo de bianco come quanno te magni n’diplomatico… na sera io e er fratellino mio de mille avventure notturne detto Continua a leggere Er Diplomatico, er Frappa, Julio Baptista e la ruota (1YA)

Colpi di fulmine, trans e cazzotti (1YA)

“Caro Spò,
come andiamo? A sta cazzata mi nonno risponneva sempre “nun comannamo n’ cazzo”.
Pace all’anima sua. So er Tenebra, stasera invece der cesso sto sur divano, cor televisore spento. Me fa più compagnia così.
Te volevo riccontà de quella vorta che me so appiccicato Continua a leggere Colpi di fulmine, trans e cazzotti (1YA)

Da Badoo ai tubi innocenti

“Bella spò so Alex (me conoscono tutti così , pure mi madre me ce chiama ormai) ho voglia de raccontatte na storia che mi è capitata qualche anno fa quando ancora non ero a conoscenza del mondo de mignotte,trans e parrucconi (parrucconi specialmente) delle strade Romane.
Ho deciso di raccontà sta storia perché solo voi potete capi er disagio complessivo che m’è capitato co na botta sola.
Una sera di non molto tempo fa Continua a leggere Da Badoo ai tubi innocenti