L’Amarcord der Veleno dalla Sora Ramona

“Che c’è ritornato in mente ieri sera, ‘na situazione d’altri tempi tra ‘na biretta e un whiskaccio.
Partimo dar principio però: mettemo subito in chiaro che oramai semo du’ pensionati della prostituzione, praticamente assomijiamo a quei vecchietti che guardano i cantieri; noi praticamente semo du’ nostalgici che passeno sulla Colombo e su Viale Marconi, dicendose “ma te ricordi quella mora che batteva qui… ma te ricordi quella bionda che s’appizzava là… ma te ricordi quella cor tatuaggio, chissà se s’è più ripresa da quer cratere anale che j’avevamo fatto!!!”
E così, tra ‘na biretta e ‘no sguardo a quer poco de fica che può gironzolà nei pub er martedì sera, co’ quelle brutte facce da vecchi pervertiti da bancone che spizzeno quelle appena maggiorenni, ma che in realtà c’hanno già i primi problemi d’erezione, dopo i convenevoli de rito sulla vita matrimoniale, er lavoro demmerda e n’po’ de politica (poca poca, e discussa molto male, popo roba da qualunquisti della peggior Salviniana specie), due come noi nun ponno fa artro che mettese a fa l’Amarcord.
E nun se sa com’è, quanno parti dar pallone, magari ricordannote de ‘na determinata scivolata de Wierchovood a Sampdoria-Anderlecht, che a detta der Bianconi se nun c’era lui, a quest’ora corcazzo che Vialli c’aveva na Coppa Coppe in bacheca, se finisce inevitabilmente a parlà de fregna e de scopate.
De sicuro nun eravamo de primissimo pelo, ma manco i radicati mignottari d’oggi giorno. Fatto sta che er Bianconi aveva rimediato sto numero de telefono (rigorosamente senza er prefisso) de sta presunta 40enne che faceva le pompe a 5 sacchi a casa ar Laurentino; a quer tempo l’Aids faceva paura pe’ davero, e de preservativi e prevenzione ne parlava giusto Ezio Greggio nelle pubblicità regresso. E nun ce stava bacheca incontri, nun ce stavano le foto der cellulare: ce stava er pelo sullo stomaco e quella sana vojia de eiaculazione precoce che solo un quasi ventenne ce può avè.
Fatto sta che, armati de cazzi in tiro e n’par d’etti ciascuno de philadelphia negli scroti, roba che manco Kaori n’aveva mai magnata così tanta tutta insieme, citofonamo all’ora stabilita dalla precedente telefonata (rigorosamente dalla cabina vicino casa).
Nun te vojo dì che c’aveva più rughe de pora nonna mia, nun te vojo manco dì che cor doppio mento ce potevi riempì n’vasetto de Pongo, però insomma, i 40 anni paventati l’aveva scavallati almeno 10 anni prima.
Però ce stai, te sei fatto forza coll’amico tuo spalla a spalla pure mentre salivamo i 4 (o 5) piani de scale, oramai nun te ne vai.
Volume 2Poi la sora Ramona (ma sur nome c’avemo grosse perplessità) ce mette subito a nostro agio e prima de procede alla pratica orale, ce offre n’par de fette de ciambellone: “l’ho sfornato proprio poco fa”. Callo era callo. Mo’ va a capì…
Fatto sta che er primo a fasse servì so’ io. Entro in stanza e me metto comodo. Lei chiacchiera, se spojia, se riveste, se rispojia… Penso che alla fine m’avrebbe pagato lei se rimanevo lì a faje compagnia. E in effetti me metto a mio agio, forse pure troppo, tanto che, manco er tempo de calamme le mutande, come la vedo che me se piega sur cazzo me parte ‘no schizzo de bianco che pare ‘na medusa. Er problema è che pure lei nun se l’aspettava, e je finisce preciso dentro a n’occhio. Da brava professionista, però, cercando de nun fasse troppo accorge me fa sborà qua e là pell’aria co’ la mano, mentre coll’altro braccio prova a pulisse e a tornà in possesso della vista.
Quando nun je la fa più, e lo sperma je sta probabilmente pe’ fa ‘na reazione chimica stile Beverly Holes, me fa: “vado un attimo a lavarmi” e scappa de corsa.
Da lì, mentre mezzo me sbragavo su ‘na specie de divano, c’ho n’mente ste due frasi:
Lei (co’ vocetta da nonna angelica e preoccupata): “Madonna, senti che puzza!!! ma che te senti male???”
Er Bianconi (cor vocione demoniaco e devastato): “ma porco iddio ma ce la vuoi mette ‘na cazzo de chiave ar cesso!”
I ricordi se so’ quindi soffermati sulla puzza de merda che aveva intasato tutti i 60 metri quadri de quella specie de bilocale, sur Bianconi che nun s’è più magnato mai na fetta de ciambellone, sulle zoccole indoor, che secondo lui nun c’hanno mai le chiavi alle porte e nun se sa perché, e sur fatto che la Sora Ramona ce provò a dije “vabbè, dai, torna domani, ti faccio recuperare…!”.
“…Capirai, se malauguratamente è ancora viva, ancora me starà a aspettà”.
Saluti dar Veleno”

views
17