Veleno e l’Ardeatina (dove l’Africa è vicina)

“L’altra settimana c’avevo un rodimento de culo che ce potevo fa l’asole sui muri. Solo che n’c’avevo ‘na lira, come sempre ultimamente, e racimola e aggiusta ho tirato fori n’ventello scarso scarso. A ste cifre nun se può andà a fà l’indoor, ar massimo potrei entrà dentro casa de quella troia dell’ex moje mia, sboraje un po’ sur muro pe’ marcà er teritorio, che tanto c’ha o’ spatolato, manco se vede, famme n’caffè e annammene.
E invece, anche pe unì l’utile alle bestemmie, me so’ detto, famme andà a negre, che tanto le odio, puzzano, magari me pija male e je meno pure.
Purtroppo i bei tempi della goliardia so’ finiti. E penso che ben presto finiranno pure quelli delle mignotte; oramai ce vado più nella speranza de ricordamme quell’episodio, quel frammento de vita, quell’attimo vissuto, che per il reale piacere de sborà de core. Me incula pure un po’ l’età e alla fine me sta a passà pure quel viscerale amore pe la fregna che ha caratterizzato adolescenza e maturità.
Così, facendome fa compagnia da Massimino che canta <<I Miei Amici>> sull’MP3 nello stereo, gironzolo viette anguste zona Ardeatina, dove se sa che l’Africa è vicina. Tanta quantità e poca qualità. Me dico: “mejo”, nun c’ho voja de godemmela, me deve solo passà er rodimento de culo. Me va sur cazzo sta negra scura, c’aveva le treccine stile estate 99 sulle spiagge de Sabaudia, co però n’par de treccione verdi alla Taribo West, ma de faccia somigliante più ar genere Nwanko Kanu quanno c’aveva ancora i ventricoli, brutta come quanno scenni dar postino aspettandote er pacchetto da Amazon e trovanno ‘na raccomandata de Equitalia. S’affaccia ar finestrino: <<Quanto a pecora?>> – <<Culo? Culo 30!>>. Porcodeddio già me sta a passà la vojia co questa che n’capisce. <<Noo’ vojo er culo, vojo la fregna a pecora, a 90>> e je faccio er gesto cor braccio e co le mano <<Basta 20?>> e je li faccio vede. Sale. Capirai. Già me so’ pentito de esse ‘nnato cor bluetto sano; questa co 20 euro ce s’è fatta serata e du ore de straordinario.
Fa freddo. Er riscaldamento mischia er tepore co st’odore de brace bruciata, che manco fosse er set cinematografico ‘ndo giravano radici nell’anni 60. Daje famo presto, questi so’ i sordi, girate, dopo che co’ la pompa me l’ha messo in tiro, ma manco tanto, visto che dentro a quelle labbra potevo usà er cazzo tipo dritto e rovescio a ping-pong. Non che la fregna fosse più stretta, ovviamente.
Volume 2Io però lo sapevo che ce doveva sta quarcosa de sbajiato… popo de partenza, la serata sbajiata, la troia sbajiata… Poteva solo annà peggio. Unisco le punte de pollice, indice e medio della mano destra e co’ ‘na certa violenza je ficco sto mucchietto de falangi in culo. Lei fa <<Auh!>> ma nun se scompone subito; alla negra pare che je piace e sento che se bagna pure davanti. Levo e rimetto co più veemenza <<AEEEEH, atento!>>. Abbasso l’occhi e quello che pensavo fosse formaggia gialla de fregna s’era tramutata in formaggia nera de negra. Pizza sur culo e sboro de corsa. La camicia e er majone l’ho buttati ar secchione prima de salì le scale de casa, ma per lo meno nun s’era ancora zozzata de merda la macchina (ma vabbè, lassamo perde l’odore, che co tutto er -2° della prima mattinata de Roma vado ancora in giro a finestrini aperti).
Un consiglio all’amici mignottari: se la negra squirta marone, 9 su 10 è merda. In campana.
Saluti dar Veleno”

Ardeatinatece:

views
7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.