Veleno e la legge della domanda e dell’offerta

“Se c’è una cosa che mi hanno insegnato 30 anni de lavoro dietro a una scrivania, a fare conti e piccoli bilanci, è che a fronte di una domanda ci sarà sempre un’offerta.

Via Nomentana, anni 1999-2002. Dal raccordo all’incrocio con Casal boccone non erano tantissime, ma tutte skillatissime, roba da premio Nobel per la pompa, 110 e lode per la smorza e bacio sur cazzo accademico. Poi chiusero Ermini 90 trasformando e buttando qua e là un ristorante, una movida, una balera; risultato: la Salaria divenne la strada regina de Roma Nord fino a Prati Fiscali, autentica oasi di piacere, mentre alcune se spostarono sulla Prenestina oltre raccordo che nel frattempo diventava preda de cinesi e bangladini.

Via Prati fiscali, corsia laterale dopo la ferrovia subito dopo la Salaria, siamo nel 2004 su per giù; in tre metri quadri ne trovavi dalle 4 alle 8, tutte imbenzinate e pronte alla contrattazione selvaggia, in quel periodo col cambio appena avuto da lira a euro pensò de avè scopato co’ 15 euro almeno 6-7 volte, ma i residenti limitrofi iniziarono una serie di mozioni contro la prostituzione di zona, mi sembra arrivarono addirittura a fare un sit-in di notte per cacciarle; risultato: via Salaria ancora più gremita sin da Prato della signora, occupazione dei benzinai e arricchimento dell’offerta diurna.

Mo’ te chiederai: “Vele’ ma ndo voi annà a para’?”

Quello che vedo è che qui manca l’offerta, le mignotte so sempre de meno e so sempre più le stesse, che cercano in un modo o nell’altro de racimolà più possibile pe’ potè annà in pensione a 40 anni. Me ricordo i tempi che c’era quel ber ricircolo de prostituzione, ‘na mignotta la vedevi si e no un anno e mezzo al solito posto, poi se doveva spostà, riciclà, reinventà, perché comunque sia er mignottaro se l’era già scopata in tutte le maniere fisicamente possibili. Oggi la prostituzione ha cambiato volto, ha cambiato faccia, c’è chi se prostituisce dentro a ‘na casetta ammucchiata co’ qualcun altra, e chi addirittura dietro a un cellulare (e sia chiaro, nun ve giudico, ho pagato pure io pe’ sta dietro a ‘na tastiera a guardà una che interagiva, perché prima de considerà ‘na cosa una merda penso sempre che vada provata), ma la prostituzione bella, verace, nun l’hanno ammazzata nè le leggi nè le guardie, sarebbe già morta da un pezzo fosse stato quello il motivo.
Nun l’ha ammazzata manco la crisi e er denaro, perché 20 euro pe’ fa ‘no schizzo è er prezzo giusto. La verità è che l’avemo ammazzata noi, noi che nun semo riusciti a costruì una mentalità talmente forte e radicata da permette ai giovani de capì quello che provi quando co’ na macchina te fermi, t’accosti, scegli er prodotto; e nun lo puoi provà dietro a un computer, nun è come Amazon, che t’ha permesso de nun scenne più all’emporio sotto casa.

Io a mignotte ce vado sempre: so meno ispirato (ancor meno a scrivete), meno voglioso, conscio de ave’ provato qualunque repertorio e sicuramente meno carico de quando ho cominciato. Forse sarà la vecchiaia che me confonde, ma io una prostituzione così ridotta all’osso non me la ricordo in 30 anni de carriera onorata; regà che sta a succede?

Io me so messo ad analizzare la situazione: Santa Palomba oramai brilla solo nei weekend (e se non piove), e de giorno, autentico caposaldo della prostituzione de zona, forse trovi 3-4 temerarie che c’hanno na spinta emotiva da fa invidia a mi nonna che cerca de uscì dar loculo ar Verano. Salaria le potrei chiama pe’ nome, saranno due anni che nun rinnovano er parco zoccole, pare la Ferrari dei tempi de Pianta-Schumacher e Barrichello, e sulla Togliatti ce passo de rado ma quelle rare volte vedo sempre le stesse chiappe. Marconi e Colombo forse ad oggi so ancora un fiore all’occhiello, c’è pure qualche novità settimanale, ma 30€ fissi e nun t’azzarda a dura più de 7 minuti e 14 secondi che so capace de denunciatte pe sequestro.

Volume 2E allora me so detto: ma possibile che in un mondo dove sempre più donnette intorno a un tavolo co la borsa de Gucci e lo stivale de Vuitton so pronte a dì: “eh, quasi quasi me metto a fa la mignotta pure io” potrebbero per assurdo trovare davvero posto in questa realtà? E lì ho capito: la verità è che la mia generazione ha fallito, io so er primo colpevole, perché nun semo riusciti a tramanda un rito come la contrattazione, come la scelta della preda, come la pippa prima de pija le chiavi della macchina perché sti venti euro vanno sudati… Nun l’avemo spiegato abbastanza ai giovani de oggi, che magari spendono na Piotta pe fasse na sega davanti a una che se sgrilletta cor vibratore in mano su na video chat o che magari se fermano a bakeka incontri cor pezzo verde in tasca a bussa a un portone, de quanto è bello affrontà na fregna secca che s’ammorbidisce piano piano, quanto te fa salì er porcoddio quanno nun vonno fasse pija dar momento ma mugugnano a denti stretti o quanno so’ alte un metro e 90 ma tu nun scendi a patti e me fai la smorza in macchina pure se sbatti la capoccia sur tettuccio.

Ma che ne sanno questi dei 20€ in bocca o sul cruscotto, delle vasche infinite, dell’amici sur sedile passeggero, delle batterie ad aspettà quello che nun je s’addrizza co 2 gradi fori a un parcheggio.

Avemo fallito spò, hanno vinto loro, dietro a un PC a pijasse i soldi nostri, cor cronometro sempre più in mano e senza er minimo sforzo, magari cor pischello che le guarda. Tanto noi sboramo comunque.
Ma pensà che un figlio o chissà mai un nipote nun saprà che s’è perso de sta generazione fiera e mignottara, a me, me dispiace, me mette addosso tutta la tristezza der monno.

Saluti dar Veleno”

Domandatece:

views
181