Veleno: quando l’esperienza non basta

“L’esperienza non è una qualità. Neppure un valore. L’esperienza non esiste.
Non lo so se funziona così pure per le donne, fondamentalmente manco me ne frega n’cazzo, ma a n’omo a cui je se chiude la vena nun esiste logica, il ragionamento s’azzera, te guiderà sempre er cazzo e quell’intrinseco desiderio de ricercà quello che, in quer determinato momento, te manca.
Te la faccio breve: 10 giorni de trasferta al sud. Faccio ‘na doverosa premessa, fosse pe’ me l’Italia andrebbe divisa in due, traccianno ‘na linea orizzontale che va da Teracina a Termoli e dividenno finalmente l’Italia dal regno delle due Calabrie. Nun è una questione razziale, badate bene, ma è proprio una questione di retaggi culturali, di modi di pensare e ragionare. Io me lo ricordo quando da ste parti bazzicava er Mistico e parlava degli Universitari forestieri de Piazza Bologna, ecco, lui coi suoi modi spavaldi te descriveva perfettamente la totale incapacità de integrazione tra due mondi; nun c’è razzismo, nun c’è odio verso er diverso, c’è semplice consapevolezza che se entro dentro all’albergo tuo (che pure chiamallo albergo ce ne vo’ de fantasia…) e dopo due giorni me tratti come tu fratello, m’abbracci, te piji confidenza… ma chi cazzo sei, ma che cazzo voi, ma nun me toccà!!!
A occhio de sta zona der mondo me terrei solamente la Puglia, nun me chiede perché, ma so’ diversi; forse sempre troppo confidenziali e caciaroni, ma me piace il loro odio campanilistico, il fatto che du’ paesi che distano un kilometro tra loro se portino più rancore de quello della Franzoni dentro agli asili nido me appaga.
Insomma, stavo in quelle terre de cui se potrebbe fa volentieri a meno, in cui c’hanno talmente poca predisposizione all’idea de “lavoro” che da loro manco er vulcano fa quello pe’ cui è stato generato.
Ormai io nun so’ più un regazzino, però sta trasferta, triste ma troppo ben pagata pe’ esse rifiutata, se rendeva ogni giorno più lunga e malinconica. Serviva ‘na scossa, chiamalo brivido, chiamala noia o forse chiamalo destino. Apro n’giornaletto a caso de quelli nella sala dell’albergo e manco a fallo apposta me ritrovo davanti all’annunci A.A.A.
Sai quanno ce so’ quei momenti che te piji per culo da solo, dentro de te? Che dici: “vabbè dai, damoje n’occhiata solo pe famme du’ risate…”.
Ecco, è n’attimo.
Tre minuti dopo c’avevo n’indirizzo, n’prezzo e n’orario.
All’apertura della porta arriva la prima sorpresa; c’è n’omo. Penso d’avè sbajiato interno, ma questo cor canonico stile cinematografico alla Aurelio de Laurentis me pija pe’n braccio e me fa “vie vie, tràsi”. E’ difficile spiegà la poca predisposizione estetica de sto tizio: alto come n’comodino de ikea, bermudino a girovita, ovviamente senza majietta, co’ ai piedi ‘na ciavatta infradito nera co’ la bandierina der brasile e dall’altra ‘na ciavatta aperta rossa e blu stile Champ, che non le vedevo da Italia 90, ma ovviamente manco originale, visto che c’era scritto Chomp, da cui ce fuoriusciva un ditone grosso quanto er resto der piede, munito de n’unghietta sbarazzina tagliata l’ultima volta co’ le tronchesi ner 2001. In faccia se vedeva che le lame nun l’aveva usate solo pe’ faccese la barba, ma se intuiva altrettanto che l’esperienza l’aveva reso un fijo de ‘na mignotta della peggior specie.
Me porta dentro a ‘na stanza che era un mix tra un ripostiglio, un dormitorio e ‘na sala da pranzo, tanto pe’ fatte capì er tenore dell’odore e dei contenuti. E se mette a chiacchierà! Me racconta de lui, de come era finito a fa sto lavoro (parlamose chiaro, faceva er pappone), de quanto è stato difficile ottenè l’invalidità alle Asl Regionali, dove ho intuito che la 104 la rimedi coi bollini della IP, e de tutta n’artra serie de cazzi sua che nun ho nè seguito nè capito data la poca propensione che c’ho co’ le lingue straniere. Ner mentre, ammetto, ero pure distratto da un via vai de trans, mulatte e mignotte e ogni volta che ne imboccava una stavo coll’ansia e er terrore che fosse quella che me sarei dovuto scopà io. Lui però me l’aveva premesso che dovevamo attendere 10 minuti perché “ue’ paesà, la ragazza adesso arriva, è andata a farmi nu servizio…”.
Volume 2E infatti, con estrema puntualità la ragazza arriva. De faccia era praticamente la reincarnazione de Paolo Ruffini coi capelli lunghi, pure er baffetto tattico era simile. Pago, perché oramai me sembrava evidente che fosse comunque la scelta più logica da fare, e er piccolo troll me fa “si si puoi lasciare amme, tanto accà me trattano come o’ segretario ehehehehehe” e seguo la ragazza dentro a n’altra stanza. La porta nun la chiude, dall’altre stanze se sentiva er casino misto tra gente che rideva, che pippava e che gemeva, coi tipici fastidiosissimi ululati stile “ue’ maronna bucchina”.
Me comincia er pompino; me concentro tanto perché obbiettivamente nun è facile convince er cazzo tuo de avè fatto ‘na cosa giusta, quanno è evidente che hai fatto ‘na cazzata. Appena è mezzo barzotto la giro e la scopo a pecora; me vojo sbrigà. In quel momento imbocca n’trans senza parucca. Faccio finta de nun vedello, ma questo nun capisce che volevo solo cercà de concentramme pe’ scappà dar tugurio, così pensa bene de inizià a smanettasse er cazzo vicino a me. Devo chiude, e comincio dall’occhi. Fingo che nun ce sia nessuno, spingo peggio de quanno te fai ‘na pippa quanno c’hai paura che entra quarcuno, e sboro stizza e malumore. La fortuna ha voluto che, seppur vicino, er trans nun ha nè fatto rumore nè tantomeno s’è azzardato a sfioramme. Penso che a quest’ora t’avrei scritto ‘na missiva da Poggioreale.
L’esperienza nun esiste: se fosse esistita io lì dentro nun ce sarei mai finito, me sarei conservato i denari pe’ delle sane e concrete eiaculate rumene e romane.
Però pure questa la raccontamo. E mo’ che sto nelle fauci sicure de casa mia, nun te nego, pure co’ un sorisetto demmerda sopra ar mento: nonostante tutto, avemo messo n’artra tacca.
Saluti dar Veleno.”

Avvelenatece:

views
9