La Bionda dopo la rotonda vicino Via Nettunense

“E’ da un po’ che nun te scrivo, e ammetto che un po’ me manchi, come del resto un po’ me manca de annà a mignotte. Ma nella vita a volte se devono fa delle scelte ed in tutta onestà, al momento, nun c’ho manco ‘na ragione pe’ sentimme pentito.
Te scrivevo da Via Nettunense l’estate scorsa, qualcuno me (ri)conosce dar gruppo Telegram o dall’ave’ portato avanti er concetto de “sesto senso der mignottaro”, ma alla fine sticazzi, nun è che stamo qui a parlà de questo.
C’ho n’amico che ogni tot tempo me chiede sempre de raccontaje la storiella della “bionda alla rotonda de Padiglione” e te dirò, io ero pure convinto de avella scritta qui, ma ho dato n’occhiata e così nun sembra. Così, ‘na volta e pe’ tutte, je la dedico.
Era una de quelle sere, quer periodo che a mignotte ce vai perché ce stai quasi a rota, più ce vai e più nun vedi l’ora de riannacce.
Solo che era tardi e sulla Nettunense, me ricordo che de lavoratrici da “dopo le 2” nun ce ne so’ un granché. E, un po’ come quanno vai a n’autogrill alla stessa ora, er servizio nun po’ che risultà lento e pure n’po’ scadente.
Così, fatto er giretto canonico, me torna in mente che leggermente spostata dalla Via Nettunense, alla rotonda de Padiglione ad andare verso la pineta, più de n’par de volte da lontano avevo visto ‘na bionda.
Tante volte m’ero chiesto: “ma perché quella se mette là? Ce sarà n’artro punto de meretricio incontaminato? Prima o poi dovrò andà a perlustrà” solo che me lo domandavo sempre quanno avevo già schizzato, e alla fine fondamentalmente sticazzi, ce tornerò.
Ecco, era arivato er giorno giusto, era er giorno del “ce tornerò”.
Svolto e me trovo la bionda in contrattazione co’ ‘na Volkswagen. Vabbè, li supero, faccio inversione e m’appizzo a vedè se se la carica o va in bianco.
Riparte da solo.
Tocca a me.
Volume 2Co un rapido gesto de sterzo e cambio nella notte che manco Zanardi prima de diventà n’appendiabiti de Ikea, m’affianco.
E’ difficile spiegà la sensazione de n’omo che c’ha vojia de scopà e che nun trova nulla al supermarket della sorca. E’ come un sognatore, tipo n’tifoso della Roma dopo che ha perso a Liverpool 5-2, ce credi, te convinci, pure se lo sai che nun po’ succede.
“Quanto?”
“30 amore…”
C’è qualcosa che nun quadra Spò; la bionda è caruccia, fatta pure bene, ma è alta, ‘na cifra alta cazzo… e dentro de me tornano in mente le mezze risposte a quelle domande che me ero fatto mille volte passandoce le sere precedenti.
La macchina pare messa a folle in leggera discesa, se muove da sola, lei ha capito, ma io non ancora. Resto lì… zitto, guardo e scruto. Lei interrompe il silenzio:
“andiamo allora?”
Me viè ‘na risposta sola, quella d’ordinanza, che m’è utile però anche a prende tempo:
“no no, trenta è troppo”
Avanzo lento, come prima, ma nun demordo; io l’ho capito che sta a succede, ma è come se nun ce vojo crede… sto ancora nel sogno che comunque vada, io stasera scopo, resto lì e guardo, paro ‘no stalker.
Me faccio coraggio e je lo chiedo:
“Ma n’è che c’hai la sorpresa eh?”
“No No!”
Avevo realizzato, avevo capito, ma er cervello me s’era chiuso.
“Vabbè dai, famo 20?” sempre lei, evidentemente anche stanca de avemme tra i piedi. Ce penso n’attimo e je rispondo:
“No, no, nun m’hai convinto, poi 20 è sempre troppo…”
Nun me dà er tempo de finì la frase. Finalmente la voce da fatina lascia spazio ar cuore da camionista e vedendome inforcà la prima me saluta:
“E ALLORA SUCCHIAME ER CAZZO E FAMO GRATIS!!!”

M’allontano un po’ deluso. Ma in realtà sorrido. Lo so che ho perso, forse sotto tutti i punti de vista: nun ho sborato, ho girato a voto, ho perso tempo e torno a casa a palle gonfie. E ad aggiunge beffa al danno, ho perso pure la battaglia verbale: lui aveva stravinto co’ quella frase, m’ha fatto sentì più cojone de quello che ero, è stato un po’ come dimme: “Sei stato a guardamme pe’ n’ora, ma che davero n’sei capace de riconosce n’tarello da ‘na cicciabbaffa?”. E’ stata ‘na sconfitta talmente eclatante, così ridondante da lasciamme la faccia da cojone e quer sorisetto, quello che c’ho pure adesso mentre scrivo, quello che a distanza de più de n’anno me ricorda che pure se pe’ n’giorno, pe’ n’mese o pe’ quanto ritenete sufficiente, ‘na vita da mignottaro vale la pena vivesela.”

Transaminatece:

views
49