Er Pluridecorato e l’amarcord rock sulla Tiburtina

“Bella spo, so er pluridecorato, vorrei fa n po de amarcord.
Siccome ho nominato più vorte a tiburtina lo scorso racconto, te vojò favellà de quanno ero re indiscusso della sborata pay sulla tiburtia. Era na sera piovosa d’inverno, tornavo da na biretta co l’amici dove ero ito in realtà solo perchè ce stava una che me piaceva, ma che ha optato per er figo de turno (so che anni dopo lui dopo quarche maltrammento e pizzoni l’ha accannata pe una più giovane, te sta bene stronza).
Stavo a sentimme na cassetta bellissima che m’ero fatto cor best of dei metallica sur mio cassone, tra n furmine e n porchiddio mio che n ce vedevo n cazzo, te becco sta ragazza che non me ricordo er nome, ma che me ricordo benissimo per du cose: era serba e bona fracica co stivali de pelle fino a metà coscia e na mini da sturbo. Me imbocca n macchina per 40 sacchi, io je chiedo scusa e tolgo i metallica e lei me fà “perchè togli? Ce l’hai nothing else matters?” La trovo, lei gradisce na cifra e me cavalca con piacere, io all’epoca ero ancora un giovane mignottaro e l’ho più subita nel suo piacere, ma ho cercato de non sborà subito perchè la vedevo abbastanza a suo agio.
Volume 2Ce so tornato altre volte, je piacevano pure i guns n roses e gli ac dc. Poi na sera na trovo e chiedo all’amica sua: era tornata per sempre a casa.
So andato ad alcolizzamme come se non ce fosse n domani e poi me so dato na bella botta che stavo più lercio de lapo elkann, cosi ho dormito n machina sfatto come non mai. All’epoca er cellulare era na cosa per pochi e io non ce l’avevo, avrei voluto rimanecce in contatto, non so dove sia, ma chi se sta a cavarcà a colpi de rock sicuro è n omo felice.
Sboralmente tuo, er pluridecorato”

Rockettatece:

views
7