La cordialità di Sara sulla Nettunense tra polipuffi e Maneskin

“Me sapresti dà una spiegazione logica per cui, mentre stavo de sabato notte alle 2 a vedè i Maneskin che vincevano Sanremo, er sesto senso ha iniziato a fibrillamme a bomba facendome capì chiaramente che: “aho, guarda che domani annamo a luride eh”.
E che fai nun assecondi? Torni verso casa alle 19.30, orario preciso secondo le ultime fonti Istat e te proietti sulla strada più bella del litorale sud laziale.
Rotonda Padiglione, rotonda Zodiaco, vai avanti, torni indietro. Avrò incontrato almeno 5 volanti della polizia più un furgoncino. Sto pe’ annammene. Me fermo da una quasi arrivati a Casello 45. Nun scende da 30€. Ok, n’è serata, vado a casa.
Niente, la macchina nun gira a destra, gira a sinistra, da sola. Torna di nuovo sul luogo del misfatto. Bianca, su cui avrei voluto fa un secondo giro de giostra, nun c’è ma c’è ‘na piccoletta de cui avevo sentito parlà al benzinaro dove anni fa c’era Corina.
De prassi offre la più grande bucia della storia della mignotteria romana: “20 euro: solo boca o solo fica”. Ecco: se ‘na zoccola te dice sta frase falla salì che tanto er repertorio sarà completo comunque.
Giro l’angolo e dice “oh questi stanno ancora qui”, luci blu e due volanti del cazzo. “Vabbè andiamo più giù stamo tranquilli uguale”.
La mia macchina demmerda se non te metti la cinta pure da passeggero inizia a strillà come un neonato che je levano la zinna quanno c’ha ancora fame, praticamente tipo me se me fanno la stessa cosa. Je dico sta cosa a Sara e forse che ne so, saranno le volanti, sarà quer bip assordante, quella insana ansietta e non volendo me je so rivolto “male”.
“no scusa, però non te arabbia co’ me eh…”
Dolcissima…. Io che me arabbio? Ma che sei matta? Già te amo, de che stamo a parlà?
Così pe famme sta tranquillo me dice, parlando dei polipuffi “so troppo fermi, me sa che stanno a cercà qualcuno…”
“eh, speriamo che nun stanno a cercà proprio a me!”
Se rompe er ghiaccio, lei ride, n’altra battuta, n’altra risata, e io già sarei contento così. Solo che 20 euro so 20 euro eh, hanno un loro peso specifico, un valore che va onorato.
Arrivamo a ‘no spiazzale dove ce scopai all’aperto proprio Corina anni fa, quanno era estate e c’avevo la macchina talmente zozza che la mattina dopo ho ritrovato le mani sue come chiazza sur cofano. C’è già ‘na macchina, mejo, me sento sempre ar sicuro se ce stanno altri colleghi a condivide er momento.
Sara è simpatica, ride a qualunque stronzata dico. Je allungo i soldi e fa “ohhh, ecco ventimila euro”
“seeee, magari, se erano ventimila te portavo a casa”.
Ride ancora. Porcoddio che presabbene.
Volume 2Pompino de grande qualità (“amo te faccio co’ boca almeno nun perdemo tempo nè io nè te”, scontato tipo 9 gennaio all’Eurospin) e smorzacandela perfetto, Sara è piccoletta e maneggevole, non dice no manco a fasse toccà le tette co le mani fredde “eh, ce n’ho poche, però tiè” e se tira su tutto.
Sboro copioso, contento e me fa pure er massaggetto tattico ar cazzo co la salviettina, capito Spò, me lo fa lei, usando ben due salviette!!! Altra novità di questo strano, malato ma proficuo periodo di Via Nettunense. Che vuoi che te dica, che è stata tanta roba? Avojia, ma sai alla fine che me rimarrà de tutta sta lambada?
La riporto al benzinaro, me fa fa la strada interna “così evitamo de incontralli” e quando la saluto… me dà er bacetto come due vecchi amici.
Ar sesto senso se risponde sempre presente. Nun c’è covid nè volante che tenga. E io ho risposto, dalla Nettunense con amore e romanticismo. Pure se Annalisa era molto mejo della bassista dei Maneskin…”

Maneskinatece:

views
96