La lunga notte der Boss tassinaro

“Bella spo so io, Er boss de craiova.
Oggi te volevo racconta de quella volta che me so improvvisato tassista. Te spiego, era un sabato notte come tanti, chi non usciva, chi stava co la donna, chi annava a balla’ in discoteca ed ecco qua che er boss se dirige verso le strade dell’amore a pagamento. Vabbè a spo manco a dillo, stavo de ronda all’eur e non erano manco le 2 de notte me squilla er telefono e chi era? L amore mio della colombo.
Me fa ‘dopo mi vieni a prendere? Che fai vuoi i soldi della benzina o un bocchino?’
De che stamo a parla spo, manco er tempo de fini la frase già c avevo er cazzo de marmo. Io subito accetto per annalla a pia’ ed ovviamente col pagamento in pompa.
Vabbè mo c era un problemone, che cazzo facevo 2/3 ore a aspetta questa? A spo non so quanti kilometri avrò fatto però te giuro a na certa me so parcheggiato dalle parti de Garbatella me so messo a dormi in macchina come un barbone. Che tocca fa pe amore me dicevo.
Alle 4 e qualcosa me richiama e la vado a pia, me da i soldi e me fa scende a un bar dell eur a pia le sigarette e lei rimane in macchina co le chiavi inserite. A spo volevo fa er gentleman ma dentro de me c avevo na paura de non ritrova ne lei ne la macchina. Comunque esco e tutto fila liscio, durante il tragitto je faccio mette la musica che je piace: tarantelle rumene, arabe ecc ma sticazzi io c avevo gia in testa la pompa che me avrebbe fatto di li a poco.
Volume 2Arrivati a destinazione se parcheggiamo e mentre me stava a spompina scoppio a ride, la rumena alza la testa e me fa ‘Ma che te ridi?’ Io co un sorriso un po triste je rispondo ‘pensa si me vede mi madre alle 5 de mattina co na mignotta rumena che me ciuccia er cazzo co le canzoni arabe de sottofondo’.
A spo d’altronde i parenti non se scelgono mica è colpa mia se so limitati.
Perdoname madre por mi vida loca”

Tenetece:

views
9