Er Satana dalla fidanzata alla strada

“Bella Spò, so Er Satana me chiamo così sia perché ascolto tanta musica metal ma soprattutto perché me stanno sul cazzo chiese, sinagoghe, moschee e ogni altro posto a do se prega. Non sono un gran frequentatore della “Strada Madre” e delle sue mestieranti…diciamo che non ho mai avuto tutta st’esigenza de pagà pe na sana svotata de palle (pe me tutte le donne so più o meno zoccole), però in periodi di magra ancora oggi me cerco o ‘na negra o na rumena che voglia accogliere il mio membro in ogni suo pertugio!
Mo te vojo riccontà la mia prima volta: allora era ‘n periodo un po der cazzo, stavo co una che era ‘na tipa seria…non me dava er culo allora, vista la mia insistenza, alla finre m’ha lasciato dicendomi che ero un malato de mente (un po’ è vero) e me so trovato solo, co le palle piene e tanta voglia de svotalle. Me ne so annato sulla tiburtina dopo sant’alessandro co la voglia de infilallo in qualche buco. Dopo 10 minuti de giri a voto (un po pe l’inesperienza, un po perché l’adrenalina era a mille) in una stradina vedo una mestierante sola soletta. M’accosto e la carico. Scopro che è italiana (anche se era mulatta), se chiama Sonia e che la sua specialità sono le pompe scoperte. Allora come Garibaldi rispondo OBBEDISCO! Manco er tempo che calamme i pantaloni che già stava a pompà de brutto.
Volume 2Il risucchio era talmente potente che a momenti me entraveno le fodere der sedile dentro ar culo a Spò me devi crede, ar massimo m’ha dato 15 botte de bocca che so venuto come un porcodeddio de pischello alla prima pompa! Me fa “Contento?”. Capirai…ce so tornato almeno altre dieci volte, e ogni volta era sempre meglio!
Vabbè va, t’accanno Spò…se ne avrò altre non esiterò…comunque le meglio troie so sempre quelle che nun se fanno pagà.
Tuo Er Satana”

Foderatece:

views
8