E.P. e la Russa idrovora

“A spo, te sto a pe te sto pe racconta na storia de valori, de amicizia, de solidarietà, de collette, de ricariche paypal, de baci mbocca co la lingua… ‘nsomma… de mignotte e mignottari ma dal retrogusto de caramella alla menta!
So er…anzi mo non me firmo anche perchè te già sai, metto solo le iniziali che fa molto più schick, non come patrick quel fio de na mignotta della roma ma come er dudi, da ora in avanto sarò E.P.
Tutto nasce qualche giorno fa, invogliato da na recensione de ‘ngran mignottaro d’esperienza. Ce parla de sta russa, ritornata da poco in italia, parla zero italiano ma tanto manco te fa parlà… Ce dice de sta tigre del ribaltabile che sembra je piaccia scopà… fatto sta che ce ‘nvoglia ma io me trovo in una situazione dove non lavoro e non c’ho n’euro manco a pagallo oro! Alchè parte dar grande mara, che dio lo benedica e che la fregna je sia sempre propizia, la richiesta de colletta pe famme scopà. Te giuro, so rimasto a bocca aperta spo! 20 minuti e c’avevo i soldi precisi precisi pe prova a famme la parente diretta de Putin e finalmente anda anche io contro quer cojone de Biden e alleamme alla grande madre Russia.
Fatto sta che fai? non te organizzi? questa me sta lontano, ma sta anche vicina al lavoro mio, pio la macchina in barba alla zona rossa e ai puffi, arrivo a 1 km esatto de distanza parcheggio e me la faccio a piedi. La chiamo, me dice de aspetta un minuto. Nel frattempo leggevo le recensioni dei colleghi che parlavano de baci appassionati, de pioggia de umore femminile, de leccate de patata e gambe strette intorno alla testa. Io, che non riesco a fa na cosa simile, dico che pe me baci in bocca manco pe niente. Mentre scrivo me fa entra… appena entro me tira in bocca du metri de lingua e te me dirai “ma come… non avevi detto de no?” e io te rispondo che se na donna te butta de sua spontanea volontà du metri de lingua te per rispetto la lasci fa… Me inizia a parla inglese, io inglese lo mastico, ma non come lei inizia a masticamme il cazzo. Na professionista de quelle che forse te capita na vorta in tutta la vita.
Volume 2Me butta sul letto e me fionda la testa tra le cosce e inizio a fa un lavoro de lingua cosi intenso che penso de avergliela sanificata per le prossime 3 epidemie. Poi er mega pezzo spo… se alza… pia il preservativo se lo mette in bocca e me lo infila… “cazzo ma come te chiami? magliana? sei peggio de n’idrovora mortacci tua…” tanto spo lei ncapisce ncazzo quindi che me frega!
30 secondi so durato dentro de lei… 30… il tempo che le me prendesse le chiappe come un napoletano pia un portafoglio a termini e l’ho inondata. Lei me guarda e io faccio spallucce ma sticazzi spo, l’importante è sempre sborrare! Me rivesto e me offre na caramella alla menta… me ne pio n’antre due perché co tutto il lavoro de lingua dentro alla bocca c’ho er Sahara. Me rivesto e me ne vado.
Spo io te dico, na cosa del genere non m’è mai successa, e non te parlo della mestierante ma della solidarietà tra noi puttanieri. Ce giudicano, ce commentano, ce danno degli zozzi, ma ce so poche cose come queste che se possono trovà normalmente perché solo chi ha visto il fondo po’ da na mano a chi lo sta a raschia!
Daje spo. Un saluto dar p. che co la fregna se disseta!”

Idrovoratece:

views
137