Da Nettunense a Valle Caia, il safari con Maria

“Ebbene sì Spò, dobbiamo aggiungere una tacca all’esperienza mignottara der sottoscritto.
Ho scopato de giorno. Me so reso conto che nun l’avevo mai fatto.
E’ stata n’esperienza divertente, non c’è che dire. Chiaramente me so’ dovuto spostà da Nettunense a Santa Palomba, ma grazie pure a qualche dritta sulle vie da percorrere, me so’ levato sto sfizio.
Maria, Via di Valle Caia, erano circa le 13 de una domenica qualunque. Dopo aver fatto un paio di ronde, finalmente accosto; mi dice “no, ma lascia la macchina, se scopa qua dietro…” Lascio la macchina Spò? No Marì, me dispiace, o famo n’macchina o nun se ne fa niente.
“Vabbè dai nnamo”

Me so sempre piaciute le donne che trovano soluzioni.

Maria profuma, nun me chiede de che, ma il suo ingresso in macchina si fa sentire all’olfatto. E’ forte ma non fastidioso, apprezzo. Maria racconta che lavorava a Marconi, ma con le restrizioni del Covid preferisce lavorare di giorno; mentre andiamo mi dice che non conosce granché la situazione di Santa e i fatti le danno ragione:
“qui dietro gira amò… ah no c’è cancello chiuso.”
“vabbè qui amò… ah no già c’è puta Nigra”
Dopo avè fatto quasi 2 chilometri, alla fine salimo su ‘na stradella sterrata che dalle buche ce sarebbero potuti uscì l’etruschi. Dopo sti 150 metri in salita, er Safari se conclude appena accostati, davanti a un cancello che nun sembrava dovesse chiude chissà cosa, ma sostanzialmente stavamo pe’ strada, in bella vista a chiunque altro avesse avuto intenzione de fa quell’impervia salita.

Ciuccia ciuccia me mette n’tiro, manco troppo, ma a sufficienza. “Daje amò scopamo”. Sta pe’ aprì lo sportello e m’accorgo dal finestrino che ‘na Uno Bianca ha deciso de avvicinasse. “Fermete Marì, c’è na macchina”, nun fa in tempo a dì “dove?” che passa, guarda, rallenta, ma poi se ne va.
Sarà che l’ho guardato male, co’ sto sportello aperto e cor cazzo n’mano, co’ na spocchia come a dije “si vabbè, e che starei a fa de male” che ha capito che nun era er momento de rischiassela.

Volume 2Avevamo barattato pe’ ‘na smorza, ma me convince a fa er giro della macchina e a scopalla a pecora, s’era già preparata n’ginocchio sur sedile e i piedi appena fori. Arrivo e lo spettacolo è gustoso, la ragazza era stata dall’estetista da poco, nun c’era n’pelo manco a volejelo trovà cor cannocchiale. Ma poi parlamose chiaro, ar cannocchiale mio manco je ne sarebbe fregato n’granché. Inoltre avemo rispettato le norme anticovid così, pure se c’è da dì che m’aveva già convinto quando, mentre m’ero fermato alla prima ronda dicendoje che ero un po’ impaurito, era stata categorica: “er coronavirus nun s’attacca co’ la fregna”; daje torto. Me lascia pure toccà ‘na tetta dopo un’iniziale resistenza, più che altro perché je dovevo toccà “l’altra” che su quella che avevo azzannato d’acchitto c’aveva i documenti… arrotolati in banconote da 20, si si…

Sostanzialmente ‘na bella esperienza, da ripetersi. Lei da 6 e mezzo, so sempre stato contrario alle chiacchiere, ai “si dai”, “che bello”, “dai amò dai” de ordinanza, preferisco er silenzio. Ma ammetto che pure trovasse sur cucuzzolo de sta montagna ad ammirà Santa Palomba dall’alto, c’ha il suo motivo, romantico e paesaggistico.”

Safaratece

views
303