Sofia su Via Nettunense per scacciare la noia

“Ho un grosso problema con la noia.
E pure andare a zoccole sto periodo è un appagamento parziale, incompleto, anche questa meravigliosa pratica ha perso quel senso di libertà intrinseca che aveva. Perché alla fine, vuoi o non vuoi, sto cazzo di virus maledetto ci è entrato dentro l’anima anche se non c’è scritto “Positivo” sull’esito del tampone.
Hai paura di guardare, di parlare, pure di incrociare gli occhi con la gente per strada, figuramose de annasse a scopà una che, de base, pe campà vive de contatti fisici promiscui.
E sia chiaro, non vojo fa pensà che er concetto “pe fortuna che nun me frega n’cazzo daa vita” sia stato da me rinnegato; è quel senso de colpa che te sale quanno, pe qualunque motivo, magari c’hai n’po’ de spossatezza, un mal de testa, o un colpo de tosse malandrino, e pensi “oddio je lo potrei attaccà a qualcuno”.
La cosa che più me dà fastidio è il fatto che, se fra 3-4 anni scopriremo che alla fin fine sto virus era un qualcosa de inevitabile (tipo la Sars der 2004 te la ricordi?) solo che j’hanno dato un’importanza mediatica troppo gonfiata rispetto a quello che materialmente se poteva e doveva fa, sapremo de avè perso un sacco de tempo e de esse stati ostaggi de n’sistema che te rigira come je pare a lui, come disse Licio Gelli, le guerre se combatteranno in televisione… o ‘na cosa del genere.
Porcoddio paro n’complottista a rileggeme, mortacci mia.
E poi, parlamose chiaro, nun te sto a dì n’cazzo de novo.

Rigirà la Nettunense è stata comunque n’emozione, pure se è bella spojia sti giorni, e pure na cifra caotica; ce stanno i trans dove nun ce dovrebbero sta, un par de vecchie che hanno già chiesto tanto (pure troppo) ai loro corpi, una co’ 3 culi…
Sofia è stata ‘na discreta esperienza, ma non riesco a capì se è lei che non m’ha fatto breccia ner core pe’ qualche motivo, o semplicemente tutta sta cazzo de situazione m’ha sconvolto un po’ troppo. L’ho vista subito, era l’unica caruccetta che ballava su un tacco astronomico, un par de giri e de inversioni pe’ avecce er tempo della contrattazione senza scherzi.
“30 macchina, 50 a casa”
“no, casa no, mica so’ n’codardo, però 30 è troppo”
“venti?”
“e sali va'”
Volume 2Forse n’ce credeva manco lei che qualcuno la faceva lavorà, se percepisce fino in fondo la desolazione del momento pure dalla loro tristezza.
“Come va?”
“Eh come va, male va…”
“Ma voi come fate sto periodo!”
“Eh vabè io lavoro pure co internet”
Mah, nun è che sembrasse convinta. Per il resto Sofia fa er suo. Se fa tocca culo e zinne pure si c’ho le mani fredde, me dà er tempo de riprende le misure pe’ nun sborà senza manco avè scopato, smorzacandela sereno e gustoso, nun scappa subito e me lascia n’ber ricordo.

Però alla fine, quer silenzio post scopata raccojie l’emblema de sto periodo demmerda che c’ha levato pure l’unica cosa giusta in questo mondo sbajiato, la serenità che, nella peggiore delle ipotesi, te sarebbe arivata a casa ‘na multa da 2-300 euro da pagà pe’ atti osceni in luogo pubblico.
E invece mo’, tocca avecce pure altre paure.

Bello Spò, so tornato pe’ strada, intanto accontentate de questo; se me passa sta melanzana ficcata de traverso n’gola, se riaggiornamio presto.
Tristemente tuo, da Via Nettunense.”

Nettunensatece

views
196