Il risveglio der K.D.S. ed il mistero del sedile sbragato

“Bella spo!
Direttamente dar dimenticatoio un confuso K.D.S.
Praticamente tempo fa,dopo na serata balorda, me svejai verso le 5 e mezza, in macchina, co le quattro frecce accese, in doppia fila cor sedile mio sbragato e quello de fianco mezzo inclinato e tutto tirato indietro.
Che se na guardia me avesse intravisto, a patente mia a quest’ora era utile quanto na scheda telefonica da millelire.
Me tiro su tipo undertaker, co l’ occhi rigirati e a lingua de fori, anzi forse parevo de più Enzo Salvi quando faceva quer cojone der cipolla. Me guardai intorno e oltre al fatto che stavo ancora mbriaco, c’avevo tipo la realtà mischiata cor sogno, quindi non solo non conoscevo i palazzi intorno, ma parevano tipo fatti de gomma e tra l’altro era tipo l’unico giorno de st’ottobre demmerda che aveva fatto pure freddo. Ce misi un paio de minuti pe riacchiappamme.
Vabbe, controllo standard: er telefono era morto, i soldi ancora ce stavano, e chiavi della macchina stavano attaccate e c’avevo pure mezzo pacchetto de sigarette; tutto regolare. Torno a casa mbriaco, stanco e infreddolito dopo mezz’ora a gira pe strade de periferia e riuscimme finalmente a orientà. Giusto er tempo de famme na doccia e poi dritto al lavoro. Durante er turno cercai de rimette insieme i pezzi pe capì che cazzo fosse successo. Dopo un rastrellamento de gente vista a sera prima, viene fori che l’ultimo avvistamento certificato era stato verso l’una e mezza, tuttavia ero andato via dal bar da solo.
Sta cosa che er sedile del passeggero stava spostato non riuscivo proprio a capilla, anche perché appena o facevo presente me dicevano “sarai annato a zoccole” però era strano perché io ancora c’avevo i soldi in saccoccia…

Passarono i giorni.

Da un po’ de tempo, tipo da st’estate, che ce stanno du figure che me turbano na cifra su mamma Tiburtina, praticamente queste parono pe davero due che stanno a aspetta l’ autobus, oltre al fatto che so discutibili dal punto fisico, ma so proprio vestite male pe fa le zoccole, tipo co le ballerine e i vestitini brutti da cerimonia sgargianti e coloratissimi coi fiori tristi e mutilati comprati ar cinese, vabbè avete capito no? Lo stesso effetto che te po dà vede na puntomillettremurtijet a na gara de formula uno, tipo tutto sbagliato, o pe cità n’antra vorta quer fagiano “come n’ovo de Pasqua sotto all’ arbero de Natale”.

Me fermai e non je la feci manco a di er canonico “ah bella quanto?”.
Me limitai ar “quanto?”.
Volume 2
Lei me vide e sbottò a ride.
Cominciò a fa tipo :” sdubrovka cechornia ubriaco altra sera snukini dormito” e continuava a ride.
Io pensai “ma che cazzo vole sta scema?” Finché non me se accese a lampadina, la feci salì.
Me disse che ero tipo svenuto appena s’eravamo appizzati, praticamente non ho fatto manco in tempo a tira fori er portafogli.
Je diedi er trentino pe onestà, anche perché l’altra volta non me fece manco venne a tranci in un mercato rionale de qualche paesello sperduto dell’ est, e non me toccò manco er portafogli e la roba in macchina.
Famo quello che dovemo fa, niente de che, meritò de più l’audacia nei vestiti che la performance, anche se de bocca lavorava abbastanza bene. Guardando fori, però non era er posto do m’ero risvejato qualche giorno prima, lei però disse che anche l’altra volta eravamo venuti qui.
Vabbe… me manca ancora un pezzo della serata ma almeno me so spiegato er perché der sedile.

Un perplesso saluto.
Er K.D.S.”

Sedilatece:

views
132