Er Principe, Canna Fumaria e la francese allo Stadio

“Bella spò, da molto fori dal Raccordo, è tornato a scrive er Principe.
Te voglio raccontà un fatto che risale a qualche anno fa, prima però c’ho da fa na premessa che sicuramente non farà felici i lettori più appassionati de spotted togliatti. Pe svotamme le palle senza le mano non ho mai dovuto pagà, e manco m’è mai venuta la fantasia. Dimo che la filosofia der Pluridecorato la condivido fino a na certa, e probabilmente un giorno te scriverò a proposito de sta cosa, un racconto che potremmo chiamà “Ode alla donna free e non scassacazzi”.
Ma veniamo a noi.
Inverno 2015- Stavo all’università a quel tempo. C’avevo qualche contatto co quelle che venivano a fasse l’erasmus a Roma. De fatto ero incaricato dalla cantera dei mignottari (come l’avete chiamata voi, e a dilla tutta non c’è dispiaciuto il nome) de trovà pischelle da farcì aggratis, quelle cojone che sentono du madonne e quattro porchiddii e dicono subito “Oooooh Ittalliano!”
Dunque c’avevo sottomano sta francese, fica era fica, ma c’aveva na puzza de merda sotto ar naso che pareva de sta nello spogliatoio de educazione fisica cor Malascella, n’amico nostro, li mortacci sua quanto puzzava in quarto superiore. Sta tizia abitava sulla Marconi, che forse era un segno del destino che quella sera se dovevamo fa i cazzi nostri e fasse il puttan tour. Dai pizzi del Luneur.
Uscimo, pe l’occasione, io, er Ciavatta e Canna fumaria. Arivamo sotto casa de questa che dovevamo annà a ballà co lei e n’antra stronza come lei. Se presenta da sola sotto casa co 20 minuti de ritardo dandoce n’pacco assurdo “Non veniamo che c’abbiamo la febbre”, sì, er cazzo co e’patate ho pensato subito.
Mo, fosse stata na situazione normale j’avremmo detto da ficcasse quer traliccio che c’hanno a Parigi in culo e se ne saremmo andati. La situazione, però, tanto ordinaria non era. S’eravamo messi d’accordo giorni prima che dovevo portalla allo stadio a vedé la Roma, la partita ce stava tra na settimana, e quella sera me doveva da i sordi der biglietto, invece de dammeli me fa “Me li presti? Che mo non ce l’ho”… A me m’ha chiesto de arzaje i sordi, io che non c’avevo manco i sordi pe sognamme Valeria Marini da giovane de notte. E vabbé arzamoje sti du’ scudi, me dico.
Volume 2Ariva il giorno della partita, in programma Roma-Torino. Eravamo io e Canna fumaria, er Ciavatta s’era autoescluso perché de fede laziale. Prima de partì passamo dar Todis a magna e beve, se piamo 6 supplì ar gorgonzola che stavano in mega offerta (e il campanello d’allarme forse era proprio il prezzo). All’altezza de Ponte Duca d’Aosta inizio a tirà nventicello che pareva na nube de chernobyl, canna fumaria tutto apposto. La incrociamo fori dallo stadio, entramo, je spiegamo du cose de rito e via.
Dopo la partita la portamo da Pompi, lascio forì quer cojone de canna fumaria co questa, io so ito a attoppà er cesso de pompi. So tornato e l’ho cioccati che parlavano, ho pensato “Sta a vede che torno a casa da solo e questo dorme dalla francese”. Vabbè, salimo in macchina pe riportalla a casa, mentre che se sistemavamo inizio a sentì na puzza, e io non ero stato, fin lì ancora tutto bene, ma a na certa Canna fumaria inizia a ruttaje in faccia, co na media de un rutto ogni 30 secondi. Questa c’aveva na faccia che andava dalla paura allo schifo. La riportamo in zona Marconi, inutile dì che a questa non l’ho più sentita ne tantomeno vista.
Serata finita come doveva, puttantour sulla Marconi e a casa.
Er Principe”

Pompiatece:

views
119