Er Feticista e le dottor Martens ar Pigneto

“Ciao Spo, te conosco da un po de tempo, ma un po pe timidezza un po pe paura de giudizi nun t’ho mai scritto. Chiamame er feticista. So un mignottaro seriale, ner senso che pe appagamme mentalmente vado a zoccole ‘na volta al mese, quasi sempre dentro le case. Si perché a me dela fregna nun me ne frega n’cazzo; si dai via er culo, te dirò, tanto tanto me fa pure schifo, che dar culo ce esce la merda… Io sboro solo se c’hai li piedi prensili, si te riesci a incastra la cappella mia fra alluce e indice, o se me schiacci er pisello tra le falangi prossimali o al limite tra i calcagni.
Lo so, so malato, e come disse quello che inventò le supposte “pensa, li faremo sta mejo mettennojelo ar culo”. Sembra assurdo, ma io spenno una cifra perché le pratiche che me piaceno nun so -normali- manco pe le mignotte. E poi c’ho bisogno de na cifra de tempo. Nun vengo mai. C’ho avuto tre ragazze “normali” durante la vita mia, due m’hanno lasciato quanno j’ho iniziato a spiegà le zozzerie che volevo fa, l’unica che m’ha assecondato, popo nun riuscivo a scopammela come cristo comandava e s’era cacata er cazzo, giustamente.
Così, de cento o duecento euro pe volta, lo stipendiuccio part-time che pijo a nero pe fa er preciso a un negozietto ar centro, nun può bastà pe scopa co continuità: me ne faccio una, fatta bene, e me accontento.
Volume 2Tempo fa ero entrato in fissa che volevo sborà dentro a n’par de dottor martens, così, pe ricordamme quant’erano belli l’anni 90. Così gira che te rigira trovo er numero de sta troia ar pigneto (che poi so tutte paracule, che poi lo sanno che so belli i sordi ricchi, quando nun devono manco scopà, finché non le metti nude a fa l’esercizi a pompamme sta nerchia coi malleoli, che manco quattro ore de pressa in palestra te vengono quei porpacci), s’accordamo, dopo che me pompa pe la solita oretta e passa inizio a strusciamme su ste scarpe, indossate a piedi nudi e je stavano un po larghette, e je sboro a scoletto sulle caviglie, a fajielo entrà bene nelle fessure… Me ricordo che me disse: “madonna che schifo, pare che me sta a camminà na lucertola sui piedi”. Capirai, a sentì quaa frase immaginate che lumaconi che j’ho regalato. Belle sensazioni.
Ricordete spo, “le donne so fatte pe metà de scarpe, e pe metà de piedi. Er resto fa volume.””

Feticizzatece:

views
189