Furgonaro: Natale a Cinesi

“Bella pe tutti, bella pe te spo’!
E’ un onore esse qui stasera in veste de campione in carica, a raccontare live l’ennesima cavalcata a pagamento con Pacciani nel cuore e un ventino (famo pure due) nel portafogli.
Qui è er vostro amico der core co le mutande friabili e il furgone senza revisione: si, sempre io, so mancato pe mesi ma riecchime qua, redivivo come er debito pubblico e Lino Banfi, come Magalli che se fidanza co na ventenne (te stimo Giancà, sallo).
Er Furgonaro è tornato!
Sapete che diceva n grande saggio?
Diceva: “Soltanto i grandi saggi e i grandi stolti non cambiano mai idea.”
Ce so delle cose che cambiano nelle nostre vite e puro nella mia, ma er comune denominatore rimane sempre quello de vede er sesso come na varvola de sfogo più che come er coronamento de n sentimento nobile.
Che poi a volesse nfogna’ n’attimo nella filosofia, se vedrebbe come ste due cose non so manco cosi in antitesi tra de loro,.. ma lascio a voi a facoltà de decide se e come riflette sulla questione sesso e consumismo partendo da sto piccolo assioma.
Tutta sta Pippa pe divve che?
Che so andato a scopà a casa!
Si si, in appartamento, oh yes…indoor fucking ragazzi.
Ho passato delle feste demmerda spo’, come ar solito a dicembre lavoro come un raccoglitore de cotone in Louisiana nell’800
St’anno ce s’è messo pure che mi madre nun è stata bene penniente e e la mattina de Natale dando forfait m’ha investito de esse colui che avrebbe pensato all’abbacchio, alla lasagna, ar panettone farcito, al tipico dolce che lei fa fomentatissima (e che segretamente 3/4 del suo albero genealogico odia.)
L’abbacchio e la lasagna de Natale pe na donna der sud vengono anche prima della sua sopravvivenza, penso che me potete capi’, nun se pò di de no.
Sarsiccette, prosciuttini, misticanze, cadaveri de animali in via di estinzione, bambi, un espositore de panettoni, l’elenco potrebbe durà ancora ma er morale daa favola è uno: a mattina de Natale me arzo alle 6 pe condi’ l’abbacchio e organizzà sto trasporto alimentare fino a Ladispoli dai parenti.
Me sarebbe servito er furgone daa bofrost ma visto er freddo de dicembre er ducato Cassonato se prestava a fa bene lo stesso lavoro, quindi appendo una renna de peluche allo specchietto e parto co sta diligenza alimentare che manco per vecchio west, a prima mattina provo vanamente a fa l’Aurelia pe vedè se tante volte trovo na rumena cor cappelletto da babbo natale ma niente me sa che era troppo presto, cosi me subisco tutta l’Aurelia gonfia de autovelox a 90 km(h ringraziando il Signore per la sua venuta e pensando alla mia.
Er Natale der catso continua come ce se poteva immagina’ tra discorsi de economia politica fatti de gente co piu’ colesterolo e alcol che globuli rossi in corpo, invadenti domande sulle fidanzate-(a mi zio glielo ho detto che faccio er leasing)
Nse gioca a gnente dopo magnato, siamo tutti fatti de cibo, alle 17 cominciano a movese pe anna a casa i primi reduci dalle bolle sur divano.
Na vera amarezza, se se vedevamo pe fasse qualche canna magari se divertivamo pure de più, e stavamo meno lessi.
Me sale er Pietro Pacciani + Gianfranco Stevanin e decido che avrei de certo almeno scopato quel giorno.
Non me importava troppo chi o cosa, ma diciamo che l’aria de festa me spingeva a pensà de potè pure sfora’ dar canonico 20 euro de tetto massimo ar budget che per motivi etico-morali me so imposto da piccolo.
Dico ai parenti che si, la teglia, la pentola, er porcodeddio avanzato li pio nartra volta e che no, non me ne frega ncazzo che qualcuno se stranisce pei contenitori sporchi, la vostra cuoca/colf adesso stacca e va a sburrare!
Me ricordo all’improvviso de quando lo straniero, fiero compagno di mille mignotte e membro de sta fratellanza, me parlava dello spirito de servizio delle donne cinesi.
Delle pompe cabrio e dei pollicioni su pe r culo accettati come se dovrebbe: con dignità e rispetto.
Me domando in quer frangente se avessi mai visto na fregna cinese non pixellata e la risposta è no, oppure stavo talmente storto che nun ricordo perciò decido de vederla live, live come io e voi qua stasera..
Telefono a sto cristiano che me risponde dall’altra parte della penisola (e che secondo me stava a fa le bolle sur divano pure lui) se taja, e me da cordialmente tutte le info pe arriva da Simepaghi Tosuco, a via Gregorio VII, proprio dietro er vaticano.
Mo parcheggia npo’ un camioncino dietro San Pietro er giorno de Natale va… ma se sa, Roma se te la vivi pe strada te fa artista su ste cose.
Er parcheggio come è risaputo a Roma nse trova, se inventa.
Non ve lo descrivo pe pudore sto parcheggio, ve basti pensà che me vergogno meno de avè scopato a pagamento in un giorno sacro e proprio li, vicino al soglio di Pietro.
Me apre st’asiatica creatura davvero niente male, un viso davvero bello e qualche chiletto in più ma del tutto piacente, molto cordiale, dopo le presentazioni de rito me porta in camera dove me aiuta a spogliamme e cosi inizio a intravede la geisha che alberga in lei, poi mette le lenzuioline pulite (quelle sotto erano tipo un grissino) e me inizia a fa na pompa che pe n’attimo me so chiesto se c’avevo appresso er numero dell’avvocato pe faje redige na richiesta scritta su carta bollata atta a famme ridà indietro er pisello.
Ma la cosa che più m’ha fatto taja è stata lei cor pennello in mano che faceva facce de stupore e ne guardava facendo “ooooohhhh…GLANDE! Ooooooohhhh BELLO! OOOOOOOHHHH LOOONGO!”
Me la infilo e capisco ar volo perché le cinesi nun fanno anal..,.almeno qua in occidente (li da loro nun lo so) ..non ci siamo proprio con le dimensioni, sarebbe come cercà de mette na spina siemens dentro na porta usb, incompatibile pure si te impegni e decidi che magari la rompi pero’ pe na volta sola funziona.
Er pollicione ner deretano invece ce lo metto eccome, e viene accettato pure de buon grado.
Lo straniero nun racconta cazzate.
Volume 2Molto partecipe lei, s’avvinghia, s’appunta, se avvolge, e io, co mezzo abbacchio e mezzo panettone ”Le tre Marie” sulla panza, sboro dopo pochi minuti e cado istantaneamente in un k-hole da fregna.
Me vedevo dar de fori mentre venivo preso de peso e portato a qualche wok no limits der quartiere prati pe poi esse macellato e messo nei ravioli ar vapore.
Me ripio perche’ Simepaghi Tosuco con delicatezza me sprona a rivestimme (er tempo è denaro in tutto er mondo) e pure in questo me dà na mano.
Cioè rega’, praticamente m’ha vestito lei, incredibile per me abituato a quelle rumenazze spocchiose che manco te sei tirato fori er cazzo e già te trattano male che te ne devi anna’.
Me offre pure na caramellina che rifiuto cordialmente pe paura de fa la fine del signor Creosoto nei Monty Python (se non lo avete visto rimediate) me ne vado alleggerito de ben 40 euro ma alla fine oggi è Natale è se è venuto Gesu’ Cristo…vengo pure io.
Recupero er fiero Ducato Cassonato Blanco contento d’avello ritrovato ancora li’ senza che lo avessero fatto brillare gli artificieri, e me ne torno alla base pensando che in finale all’età mia ce po stà de rivedè le proprie abitudini e convinzioni, un pò come ha fatto Totti quando a 30 anni s’è messo a fa er centravanti.
Meno giocate ma tutte geniali e decisive.
Ner salutare con affetto gli amici del meretricio ve voglio ricordà che non c’è sconfitta nel cuore di chi sborra, e che si, er primo a dillo so stato io, senza che fate troppo i splendidi in giro e sul uebbe.

Con passione per il disagio
IL Furgonaro”

Natalizzatece:

views
255