collavinavil-radio-birikina-1

Mariano de Lariano e la sgargiula inconcludente

“Bella spo’ so sempre io mariano de lariano, stavolta non ho sfaciolato e se parla de mignotte pe’ chi vole spoilers.
Pe falla breve nel gruppo de amici se presenta sta sgargiula nova, caruccia come la canna che te smorza dopo na serata. Comincio a fa er simpatico, e co la dimestichezza lessicale de Luca giurato je dico se la sera dopo se famo un par de drinks assieme. Co la speranza de scopà me tiro a lucido come Maradona ai tempi d’oro, squalo dei tempi dell’energy e volamo a sto localetto che a parere de n’amico pare de sta a niu yorke, s’era scordato de dimme er Bronx però. Ad agio nel disagio, se scherza, se ride, ce provamo tutti e due, je offro sti cocktails e a fine serata, dopo che te imbenzino aggratis, ok na paccata MA almeno na mano sul cazzo potevi mettela. So na persona umile non chiedevo troppo, tanto pe non torna a casa che paro un treppiedi pe na reflex. Questa è maleducazione signori miei…
Volume 2Vabbè riprovamoce, me dice nto sei caruccio, comincia a mandamme messaggi co tutte faccine che ho dovuto chiama a nasa pe decriptalli, ma io a sto punto sto solo a pensà non col cervello, e se c’ha il QI de villalobos a un after me frega cazzi. Se ribevemo na cosa, te porto Co la macchina a sta vista romántica, leggermente nfrattata, e niente, bacetti che me fanno torna a casa Co la colla vinilica che manco Giovanni Muciaccia… Vabbè voi fa le cose più lentamente, ce po’ sta, ma io co le palle color puffo a casa non ce aritorno.
Tornando da casa sua vedo sta banconota benedetta da 20 che me fa capoccella dal portafogli, che me dice proprio: un ciuccio te lo meriti stasera su. Col sorriso de Massimo Bossetti fuori una scuola media volo dopo l’archetto, becco maya, me sorride, je sorrido, soffocotto e a dormire con la spensieratezza de un ragazzino.
Ste maleducate… che pensate de non facce scopá subito perché ve credete sghicie, ma noi scopamo lo stesso.
P. S. Per quelli che chiedevano se l’amica esotica me l’ero calzata, pensavo fosse ovvio, na trashona del genere s’è pure offerta de fasse fa na doccetta dorata, che da persona educata ho accettato.”

Indoratece: