Furgonaro: da Pantani a Pacciani

“Bella spò
So er furgonaro cor solito pisello pieno d’amore e il ducato fresco de tagliando, che ve scrive dallo sprofondo a est de Roma, sta città troia e bipolare come la sua squadra de calcio.
Sti giorni stavo a pensà che nella vita de ognuno de noi, ce siano delle costanti che raramente o addirittura mai cambiano nel nostro percorso.
Per esempio Totti ha sempre vissuto a Roma.
Ricco o no, giovane o vecchio, in salute o malato, calciatore o dirigente ha sempre vissuto qua.
Ce sta Berlusconi, che puro lui.. giovane o vecchio, al governo o all’opposizione, incensurato o pregiudicato si è sempre circondato e trapanato molte e molte fighe.
Big up pe loro.
La costante daa vita mia è n altra però spò.
Come sà chi me legge, ner passato c’avevo lo stile de vita de Marrazzo (ma con tappo ar culo), nun disdegnavo le chimicate come mdma e affini, dopo esse tornato dar festino era regolare andare sempre ad attendere l’arrivo delle prime nigeriane boschive che avrei chiavato smascellando a lato della Prenestina polense in pieno giorno.
Mo so più de 3 anni spò, più de 3 anni che faccio na vita regolare.
Niente alcol, niente fumo, niente feste… tanto sport all’aria aperta, bicicletta perlopiù.
Mò qualche giorno fa stavo fa lo sprint sulla maremmana inferiore che va da Tivoli a gallicano, immedesimato in Marco Pantani (che sicuro quando se provava ad allenà fatto de merce avrò fatto uguale) quando me imbatto in un set de negre fresche de gommone co delle chiappe da ischemia cerebrale.
Cosa succede in qui pochi secondi nei quali me magno metà dei freni der velocipede?
Penso che la foto da me inviata in allegato sia quanto di più esplicativo.
Volume 2Me ritrovo sotto un fico co na salopette della mapei, er caschetto fluorescente, la fascia der cardiofrequenzimetro, a infilare di gusto una nigeriana che sà de stucco a spruzzo da carrozziere, cosi come lo facevo quando c’andavo co settordici diversi tipi de droghe in corpo.
Ognuno nella vita sua c’ha delle costanti spò.
E se nasci tondo, n ce poi mori’ quadrato.

Da Pantani a Pacciani è n’attimo.

Er Furgonaro”

views
49