Colpo di teatro tra er Pluridecorato e Telespalla Bob

“Bella spo, so er pluridecorato.
Devi sapè che tra banche e gente che devo sordi nun me la stavo a passà bene e a n tratto… Sbom quarche giorno fa la macchina me se pianta. Er meccanico me chiede na cifra para para a quello che c’avevo n tasca. Na settimana mancava ai prossimi sordi e quinni intanto pe non mori de fame vado a cena co mi padre che me vede cupo e me chiede che succede. Je spiego der meccanico e se offre lui de pagallo. Me mette i sordi in mano e er giorno dopo vado dar meccanico.

Pjo la macchina e vado ad allenamme co la squadra ed esco pe annà a fa spesa quanno a na certa tra na corsia e l’altra ar carreffour me sento strano e alla casa me immagino quella busta della cassiera che me parla e io che je sboro in faccia e la schiaffeggio cor cazzo. Guardo bene la spesa, quantifico i sordi che me devono avanza pe broda e beni de prima necessità e riesco a capi che ce so li sordi pe l’emergenza troje. Cosi pago e me fionno alla ricerca de gnu entry e novelline.
Devi sape che quanno er soldo non mancava uno dei miei periodi preferiti pe annà a troje era dopo natale, dopo pasqua e dopo gli esodi estivi. Me dirai perchè? Porccoddio spò non me cadè sur banale, ovvio che arrivano quelle nuove che spesso manco je piace troppo er mestiere, quinni se verificano diverse opportunità: quelle che c’hanno la vocazione e se le becchi nei primi giorni ispirate uniscono er piacere al lavoro e te fai scopate memorabili (ricordate l’annaffiatrice de piscio de ostia), becchi quelle che non so convinte e se sentono sole e là spò devi recità come er mjor robert de niro da situazione, te senti solo e quella sera girando per caso, ma dico per caso te ritrovi su qua strada piena de troje dove lei co quel viso diverso dalle altre ti colpisce. Se ta giochi bene ce esci e ta scopi gratis n po. Poi ce so quelle nuove ovviamente che c’hanno più energie e entusiasmo delle solite presenze.
Insomma spò me avvio carico de aspettative e de sborra verso mamma tojatti e tragedia: alle 23 er deserto. Era come annà a frascati e non trovà er vino o come annà in un campo rom senza zingari o come annà ai palazzoni occupati da romanina senza trovà gli oranghi niggeriani, disagio e tristezza. Giro e zone limitrofe e uguale.
Sconsolato allora decido de annà fori dar GRA decidendo di optare per il classico: sborra e frizione bruciata, insomma negracce arrivo. Gnente spo… Desolazione… FInchè decido de annà oltre budget e me dirigo da lunghezza a mamma tiburtia, ormai è 1:00 am e forse e rumene da 20 euro dopo setteville nun ce so più, ma… Vedo lei… Da lontano sembrava telespalla bob co quer cespujo e magrissima, invece era una giovane cagna nigeriana che m’ha colpito subito pe sto culo, bello sodo che co na mano ce pjavo tutte e due le chiappe, ma carico, fissamo er dovuto a 15, conversamo, je strappo er whatsapp e cominciamo. Me fa na pompa onesta, ma disturbata, cioè je infilavo ner mentre le dita in fregna e non je dispiaceva, cosi se mette a pecora e je sbatto senza troppi complimenti sto cazzo a lattina in fregna e lei prima soffre, poi comincia ad urlare “i am enjoying it”. Spò so state le ultime parole sue, me so caricato come n toro e te dico l’ho aperta in due. Ma sai proprio a daje e sanacche de cazzo che sentivo lo schioppo dei cojoni sur culo. L’ho sderenata, ma proprio de brutto. Alla fine era bella bagnata e se sentiva puzza de frizione bruciata pe tutta la maghina.
So tornato a casa co i finestrini aperti che la maghina me puzza ancora e er giorno dopo pure se me so lavato le dita esploratrici co napisan e amuchina, ancora puzzavano.
Sboralmente tuo er pluridecorato”

views
9