Santo Stefano a Santa Palomba per il Furgonaro

“Bella spò so io, in diretta dar camioncino più pazzo del mondo: er furgonaro.
Avevo deciso de nun scrive finché nun fosse stata pubblicata la mia intervista, e dato che mo l’hai finalmente resa al pubblico e ai posteri, me sembra giusto, anzi doveroso, aggiornate sulle ultime gesta compiute sul leggendario mezzo a marchio Fiat che è l’alcova mobile più unta e ormai rinomata der centro italia.
A Santo Stefano ho lavorato spo’, e lavorato duro, con rodimento de culo annesso che solo chi se perde er bollito co la salsa verde po avè.
Ma se sa, ar lavoro cosi come ar cazzo nse comanda, perciò de prima mattina ero già operativo zona castelli romani co la stessa gioia de vive de Adriano quando finisce la merce e i trans se ne vanno.
Si rendeva necessaria una rivalsa su sta vita infame che te lascia obbligato a vive pe lavorà anziché r contrario.
Deviazione su Santa Palomba: come un oasi, come la terra promessa, come La Mecca.
Inizio er pellegrinaggio notando come m aspettavo, che puro le nostre eroine stanno a fa le ferie…me sento sempre più stronzo, ma a na certa vedo una famosa operatrice der sesso pay, aleksandra ar benzinaro appena arrivata sul luogo de lavoro e ancora in abiti “civili”
Me la carico co lo stesso automatismo co cui se svolge un pitstop de F1, solite frasi de rito, finchè nun arrivano alla solita sterrata tappezzata de rifiuti organici e guanti da pisello.
Tiro fori er mio obolo e lei me chiede che ce devo fa… “pensavo de comprammece du lampascioni ar pizzicarolo!” Aleksà daje n pò, sto a lavoro pur io, damose na mossa!”
Tutta impettita me fa no no io co venti non faccio nulla, vojo er regalo de natale!
Enniente, t ho sempre pagata 20 mo perché mai dovrei dà deppiù?? se volevi per sovrapprezzo pe er festivo me lo dicevi prima, io n te do n cazzo, anzi mò chiamo Trefiletti dell AssoConsumatori!!Vado da Lubrano!
L’ho riportata indietro a benzinaio, io mica me faccio pia pe r collo, mica piscio dar ginocchio, c’avevo 4 piatte addosso ma è n discorso de principio: NO all improvviso rincaro dei prezzi senza un adeguata informazione alla clientela.
Seguito nel mio tour finché nun entro nella via che porta alla stazione FS, e li ce stava na scrocchiazeppi secca secca co na coppola vedere n testa, me fermo, pensando che in finale se poteva scopà, ma lei rimane rigida sulla richiesta esosa de trenta euro.
Je faccio amore mio io trenta nun te li dò, me pari Luca Sardella co sto cappello!
Torno indietro mezzo sconfitto quando allo stabilimento jhonson’s trova lei, mora co le punte bionde, du zinnoni tipo bufale de battipaglia, bella slanciata. Me fermo pensando che questa 30 se li merita tutti, me la carico e lei se presenta come ROXY BOXY..”ti piace il nome che ho scelto?“
-“mh…simpatico” beh Roxy boxy regà nun era n missile, arivamo se spoglia completamente ignuda e me guarda dritto nell occhi dicendo “MO TE FACCIO ER MEGLIO BOCCHINO DE SANTA PALOMBA”
Me so emozionato spo’, in effetti s’è ingurgitata tutto l’amico Fritz e a fine corsa slinguazzava er sottopalla, n ber sollazzo veramente.
Me la calzo notando la pussy strettina e lei mi dice faccio da poco questo lavoro ho la figa stretta.
Ce penso io a fatte alesaggio e corsa ar cilindro amore mio, e sdighete sdaghete arrivo a eiaculare co an decisione e sollievo tipiche de quando te togli le scarpe ormai a sera.
Pensate che ROXY BOXY (porcoddio…) siccome c avevo solo venticinque spicci oppure n pezzo da 50, decide de fame lo sconto e se pia 25.
Me dispiace pe lei che ha dimenticato le salviette nivea umidificate suo cassonato, peccato che me ne sia accorto quando ero ormai davvero troppo lontano per riportargliele.
Morale daa favola ragazzi: nun se molla mai n cazzo! se cerca, se contratta, se continua a girà, e se si schizza con pienezza e gusto… come er vero centravanti ce lo sa, in una lunga partita magari arriva n solo pallone bono, tocca mettelo dentro a ogni costo ( mejo se sottocosto…)
Dar vostro amico centauro mezzo uomo e mezzo Cassonato è tutto, a voi la linea studio.

Er Furgonaro”

views
9