L’Umidiccio segue il consiglio e va da Viola (1YA)

“Bella spò, un caro saluto e n’abbraccio come sempre, so umidiccio cor peuggiot…
è na cifra che nse sentimo, nel frattempo ho ficcato er cazzo qua e la, ho conosciuto troie nuove e scopato le troie vecchie…
ma l’altra sera, na cosa epica… te racconto per bene..
stavo sur divano a casa de un caro amico, stavamo a cercà de fa ragionà er Nutria che ha perso er lavoro, (l’hanno beccato su un sito porno filippino de stupri, boh) stava ar magazzino de bartolini, sto cojone.. ma amen…
nel mentre facevo a paternale ar nutria, me giro e vedo er Caciara collassato con eleganza sul pavimento, è sempre stato un gran fanatico della coca a 20 euro a perno, e ne ha sempre pagato le conseguenze da vero guerriero, era na sera de quelle…
me rendo subito conto che non se poteva continuà e er nutria me fa “ao a XXX ma porco dio n’chai n’cazzo da fa e va a mignotte”..
me avanzavano 50 euro, perchè no.
saggio come sempre l’amico mio…
pio er collare e parto direzione canile cor peuggeot e qualche perno, non c’avevo i sordi pe la tennets quindi faccio er buffo a roxy bar a roberto malatesta..
ero intenzionato a spenne mezza piotta a costo de nun scopamme come ar solito na troia co la fregna che puzza de processione ebraica, quindi co mezza fella pensavo de annà sereno..
beh spò, superata l’ip der metano…
appare tipo la madonna…
c’aveva er body e gli stivali, du gambe che parevano le corsie dell’autostrada, troppa… troppa roba…
na sorca di dio…
me fermo, e je apro lo sportello io, da vero signore, a na fata simile…
je dico subito che vojo scopà a casa, (na cosa simile non la poi scopà in macchina…) e lei a casa mia nn ce vole annà…
namo da lei, dice che c’ha na stanza all’alessandrino…
io c’ho solo 50 euri e questa batte 100.
porco di dio…
la volevo portà a prelevà co me ma niente…
poi me poggio na mano sul jenas quasi rassegnato a dovè fa er giro e ripassà dopo….e sento er bozzo in tasca, i perni de cocco… merce de scambio paragonabili all’assegni circolari…
e la mia principessa è d’accordo…
inutile ditte spò che ho praticamente sburato quando j’ho toccato le cosce…
quindi m’ha sfilato altri perni pe riscopà de botto…ma se l’è meritati tutti, finchè non m’è venuta la punta der cazzo a forma de cacciavite a stella Spò, nun me so fermato, epica…
dice de chiamasse Viola…
ride, parla poco e io te amo Viola…
bella spò”

views
12