Il Multilevel Marketing spiegato dar Treppalle (1YA)

“Ciao Spò, so’ er Treppalle. Come tu sai, so’ un venditore piuttosto valido e profumatamente retribuito ner comparto sanitario. Siccome sto a frequentà un giretto de amicizie nuovo, tra le tante persone che ho conosciuto c’è un elemento simpatico, un po’ buffo, che viene dal sud, che chiameremo Eyeliner, perché tende a nun lavasse l’occhi la mattina (o forse c’ha problemi coi dotti secretori, vallo a sapè) e ad avecce un certo quantitativo de caccole da fa invidia a Sauron.
Era quasi ‘na mesata che sto pischello me parlava de sti convegni a cui andava, de sto gruppo de ragazzi che stava a svoltà… Vabbè, io la puzza de sòla l’avevo tanata già ar primo pelo; ‘nsomma Spò, stamo ner 2016 e come ce stanno ancora le vittime della Mafia, in Italia ce stanno pure le vittime der multilevel marketing (che mo’ lo chiamano pure in altre maniere); fatto sta che, all’ennesimo invito (pe’ questo qui so’ diventato ‘na specie de guru da quando j’ho detto come e quanto lavoro), complice pure che nun c’annavo da solo e che nun c’avevo un cazzo da fa, me dirigo all’indirizzo de sto convegno, verso torvajanica.
La formula è sempre la stessa e la faccio breve pe chi nun la sa: gente incravattata, rolex giallo ar polsino comprato a 59 euro su teleelefante, video a caso presi da internet de gente straricca, un’ora de chiacchiere e de domande del pubblico (più preparate delle telefonate da vanna marchi) pe’ fatte entrà ner business. Bravi eh, senza dubbio, gente che sa parlà… ma che lì se dovrebbe fermà.
Volume 2Ar momento der piccolo buffet, dal nulla me se para sta pischella, giovincella sui 25, caruccia e ben vestita che sfruttando ‘na scusa coi biscottini da tè me fa “ah, ma sei te l’amico de Eyeliner?” – “Presente” e così me comincia ad attaccà bottone, ammicca, il tutto pe’ vendeme sti purificatori d’aria (che evidentemente j’avevano già ammollato e ce n’avrà casa invasa, porella) o pe famme diventa un suo referral nella piramide de vendite (capirai, allora magni).
Siccome oramai so mignottaro de un certo lignaggio, la puzza de zoccola la riconosco pure in ambiente ostile; così je lascio er telefono, aspetto che me chiama lei (er giorno dopo) e sfruttando le doti da venditore (vero) che c’ho, je imbastisco prima un caffè, e co’ du’ moine je propongo de venimme a presentà er prodotto a casa. Tempo du’ ore e me lo stavo a fa succhià in vasca idromassaggio, al grido de “la senti questa, questa è l’aria pura che devi respirà…”. Pensava de venì a rubà a casa de ladri.
Ovviamente nun j’ho firmato un cazzo, ma in compenso me so’ comprato n’aspirapolvere ad aria nuovo, alla fine un po’ come pagà ‘na zoccola e passacce la nottata, er compromesso ce stava e ne so uscito pure soddisfatto: la ragazza ce sapeva fa. Vedessi la donna delle pulizie quanto è stata contenta, nun m’abbracciava così forte da quando j’ho pagato la tredicesima. Annava ancora avanti co’n folletto der ’90, porella: a me me metteva paura pure solo a dovello spostà.
Cordialità.”

Multilevelatece:

views
11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.