Angela, zinne calate, 4 denti e malinconia cor K.D.S.

“Bella spo!
Dar tetto de n’ostello mentre faccio er voyeur spinto su de na tedesca spiaggiata a pia er sole co ncostume intero mezzo sadomaso pieno de laccetti, te penso e quindi te scrivo.
È tanto che non scrivo, sarà perché me sto a da na regolata o soltanto perché pure se vado a zoccole non me succede niente de strano.
So un po’ più malinconico der solito, sarà la primavera che un po’ de malinconia me la mette sempre, er post sbronza o che da qualche mese la vita me sta a da più carci in bocca der solito, boh vallo a sape’.
Ho rialacciato i rapporti cor gibbone sulla tiburtina, oggi so rientrato alle 9 e mezza de mattina dopo esseme svejato dentro un letto singolo senza sape manco chi me c’ha portato. A solita vita un po’ sopra le righe, niente de novo. Me piacerebbe torna a rivive i bei puttantour de na volta, me manca anna a spaccamme senza dove pensa a ncazzo, me manca lucedeimieiocchi, me manca spegne er telefono e buttamme in mezzo a un prato a guarda le nuvole co na boccia de vino per un giorno intero, me manca n’antra adolescenza da butta ar cesso, me mancano tante cose spo. Lasciamo perde che me sta a salì er groppo in gola.
E mentre scrivo a te a Sturmtruppen se né andata e ho perso pure l’occasione pe pisciaje in bocca tutto er risentimento che c’avemo contro sti magna wurstel.
Un abbraccio.
Er K.D.S.
E questo era quello che avevo scritto qualche giorno fa, ma vista l’ assenza de contenuti mignotterecci ho deciso de non posta niente. L’altra sera vado ar bar per comprare le sigarette e all’ uscita, accartocciate al fianco della macchina mia trovo na banconota da 20 e una da cinque, palesemente un segno del destino che me sprona a torna sul marciapiede, tuttavia li conservo avidamente nel parasole della macchina in attesa della sera giusta. Giorni dopo tornando a casa dopo n’allegra braciolata, all’ altezza de ponte Milvio,mentre stavo a guida me casca l’ occhio su sti soldi riposti ormai nel dimenticatoio, la scelta era banale, camper de Tor de quinto e vai cor tango.
Arivo dritto sparato dalla signora Barbara, che l’ultima volta m’aveva detto de chiamasse Angela, ma vabbe… 67 anni dichiarati.

Conta le stelle in cielo e ti avvicinerai ai suoi buchi de cellulite.

Me imbocca in macchina e me intasa subito le narici de quel odore de covaticcio che solo na vecchia che ha scelto come nemico giurato er bidet ce po ave’.
Volume 2Certo pur io tra l’ abbacchio che me so magnato e quello che ho fatto alla brace avrò puzzato de pecora più de n’pastore sardo dopo n’orgia cor gregge. Ma vabbe, je volevo lecca la sorca ma ho desistito. Alla fine 20€ pe na pompa cabrio ce Po sta, soprattutto perché in bocca c’avrà 4 denti e quel misto gengiva-dentino abrasivo non è niente male. Famo tutto in macchina perché dice che er camper je l’ hanno requisito. A na certa visto che er cazzo mio stava più de la che de qua decido de punta sull’ unico vero suo punto forte, e zinne. Che poi parano du caciocavalli appessi, so tarmente calate che i capezzoli je puzzano de piedi, ma quantomeno so grosse. Sborata de moscione e passa la paura. J’offro na sigarette e se mettemo a parla, me parla dei vecchi clienti, de quanto e rumene siano dei siluri e che le più zoccole tra le italiane so le pugliesi ma soprattutto comincia a spara cifre astronomiche che percepisce da alcuni clienti fissi, tipo uno che je da 50 euro pe fasse na pippa da solo e poi sboraje sulle zinne, n’altro che dice che je da 30€ pe faje le foto alle zinne e poi se sega a casa sua (che pe faccele entra tutte sto poraccio c’avra na reflex co n’obbiettivo grandangolare da tre piotte), fino ad arriva a un tizio che je da 5 piotte pe portassela all’ Hilton, a quel punto pure lei sé resa conto della stronzata e ha svagato dandome er numero con l’ offerta de un caffè a casa sua, una chiacchierata e una pompa gratuita. Manco troppo male alla fine dai.
Uno sdentato saluto,
Er K.D.S.”

Sdentatece:

views
407