Er Boss de Craiova e la Royal Rumble co Giulia e Luisa

“Bella spo che dichi?? So io Er boss.
È Natale ho magnato come un porco e sto qua arenato sur divano e penso, penso e penso.
Quanno ero regazzino me sarò visto troppo top of the pops quando ‘dragostea din tei’ spopolava io ero lì che sbavavo pe la cantante degli Haiducii co quei pantaloni de pelle made in craiova, forse è quello che m’ha toccato geneticamente. Pe non parla delle donne delle pulizie appena arrivate nei primi anni 2000 che non parlavano italiano tutte a puli casa cor culo de fori, bei tempi. Mo so vecchio e mi madre pia tutte buste de fave italiane invece de qualche rumena aspiratutto come domestica.
Vabbè, te vojo racconta de quella notte d’estate che me so trovato solo come spesso capita. Chi va in discoteca, chi sta ai domiciliari co la moje e chi va a da du fruste de naso, fatto sta che lasciano er boss solo come un cane per le strade romane. Me sale la voja de Paula Mitrache e accendo la macchina direzione amore a pagamento: Marconi.
A spo, inizio a gira ore e ore a na certa vedo due che stavano a stacca’, ho giocato anticipo, faccio inversione e becco queste che fanno l’autostop. Me chiedono Er passaggio io je chiedo se me fanno un sofficino in cambio, accettano ed io pure. Er bello è che me potevano di pure che abitavano a Tokio sticazzi l’importante era sburare. Me la so cavata abitavano vicino a tor bella monaca.
Nel tragitto co ste du rumene da monta una delle due (la più giovane) se mette de dietro e ascoltava la musica, quell altra davanti m ha attaccato un mostro a chiacchierare non finiva più. I ragazzi, la palestra, le amiche sua, la macchina. A spo, superfluo ditte che io prima de caricalle già l’avevo ficcate singolarmente e che già sapevo vita morte e miracoli delle artiste.
Arrivamo a destinazione e qui comincia er bello. Me metto sotto al parcheggio de un palazzo e comincia la royal rumble co quella de dietro che me comincia a ciuccia er cazzo mentre quella davanti me chiedeva se e l amica sua era brava. A na certa me sale er perverso e je dico “ma invece de parla famme vede come succhi pure te”. A spo mentre facevo sto tandem de bocchini me se affianca na macchina targata rumena.
Volume 2Qui me scorrono in mente i momenti più belli della vita mia in un flashback. Già me immaginavo l organi mia venduti al mercato nero de craiova. Niente de tutto ciò spo, dalla macchina esce Alina (regina de marconi) ce guarda è se mette a ride. Forse pure a na prostituta j ho fatto vede er disagio che c ho. Finisco co le signorine, e Me avvio alle 4 de notte verso casa.
Er bello è che tutte le volte a mi madre me devo inventa che so andato pe locali quando imbocco a casa alle 5/6 de mattina ma in realtà stavo a sparge amore a pagamento.”

Royalrumblatece:

views
218