web3-russian-babushka-mamushka-dolls-nesting-by-pikselstock-shutterstock_433043323-ai

Da Roma a Ostia co’ Rocchetta, la Matriosca e l’amica in pineta

“Ciao Spo’,
Me chiamo…..anzi nn vo dico, per voi so Rocchetta, come me chiamano l amici mia, visto che sto sempre co a boccia in mano.
Te vojo racconta sta storia, pure se potrei scrive un volume da solo, ma me stavo a fa du chiacchiere co mi fratello prima e l avemo tirata fori e amo pensato de condividela.
Comincia tutto co la classica sera, me compro mpo de farina e comincio a coce co a professionalità de un cuoco de MasterChef, al primo tiro me pia er Pacciani e inizio a stalkera tra i contatti.
Dopo vari rifiuti propongo a un amica mia seratina, co a speranza de scoparla pa prima volta, ma come nomino annessi e connessi so che ne sarebbe venuta a pia e manco finisce de risponde che già me stavo a fa la punta ar cazzo.
A quel punto ne do una , facioletti in tasca e me vie a pia’ puntuale come er cannone der Gianicolo……ma più m avvicinò e più me rendo conto che nn era sola.Non era er ragazzo , non era er fratello……
Me scenne da la macchina co sta matriosca piena de Regazzini, che l avevano buttata fori de casa, e m ha detto che a dovevamo accompagna verso er mare, io felice come a De Filippi er giorno der Matrimonio co Costanzo salgo in machina.
Dopo un ora de sanguinamento de recchie scenne lei co a prole, io ovviamente me so fumato un pacchetto de Marboro e co un mezzo enfisema je dico Ciao, ( mortacci tua tra me e me) e ne metto subito una, a damo e già cor cazzo barzotto , dico mo approfitto da pineta e vado dritto ar punto.
Manco me scenne che je Sona er telefono alla mia fodera per cazzi prescelta, e nun era quer secchio de merda scappata de casa, mortacci sua se fermamo , lei parla co questa e io intanto riapparecchio pe due.
Volume 2Richiamo la sua attenzione, je faccio taja…..ma lei continua a senti sto rotolo de Coppa in lacrime, allora a na certa impazzito mo tiro fori e me comincio a sega mentre a toccavo, lei me fa un mezzo no look, ma a na certa mentre stavo pe veni, con la tranquillità olimpionica apre er cassetto e me da du fazzoletti, me pulisco i butto in pineta , riapparecchio spolveramo ……e attacca sto telefono finalmente.
Indovinate che me so sentito di? Devo na da lei te riporto a casa non la posso accanna!
Me so sentito come Zanardi er giorno che ha perso e gambe, mentre navo a casa ho provato a dije salì al volo, e pure co insistenza, ovviamente da lì nn se semo più sentiti, forse se sarà offesa perché nei due giorni a seguire l ho stalkerizzata al punto de portalla a bloccamme sui social e nella vita.
Me so consolato con la mia rocchetta, ho preparato du munizioni, raccolto un po’ de cenere e vedo lei che me aspettava lì dove l’ avevo lasciata.
Alla fine che chi lascia a strada vecchia pe quella nova … E un cojone!
Fumo, scenno in bici mattatoio e ritorno a casa! I LOVE MY LIFE.
BEST REGARDS
ROCCHETTA”

Pinetatece: