Veleno se prepara ar matrimonio de Bianconi (History Spotted)

“Me so comprato er completo ble, come diceva pora mi nonna. Ho preso appuntamento cor parucchiere pe’ famme lucidà la coccia; j’ho comprato pure le fedi, ed è stato n’amico perché comunque ho speso molto meno de quello che me pensavo.
Ma l’amici nun servono a n’cazzo quanno ce sta de mezzo la sorca… Che je devo dì, j’ho raccontato cento vorte ancora tutte le peggio monnezze che m’ha portato er matrimonio, eppure è convinto… E quanno è così te devi arende. Ma me te immagini? Vicino a lui, davanti ar prete che je dice – Biancò, ma sei sicuro che taa voi sposà sta rompicojoni??? – e davanti all’occhi me passeranno le bevute, le peggio lorde che se semo sbracati, quelle che avemo solo preso per culo, i travelli, le (rare) negre, le batterie, le 100.000 cazzate de na vita.
Semo nati pe’ fa cazzate e noi n’avemo fatte tante; na vorta a una j’avemo rubato na scarpa e j’amo fatto crede che stava ner cespuglio ndo se l’eravamo inculata e invece se semo dati; me sa che se cerco in cantina ancora la trovo. E se ce ripenso, nun me ricordo mica er motivo per cui a una rumena semo stati a dije pe mezzora: <<mannò, quale Craiova, te sei de Milano, dammilano>>. E’ ‘na stronzata, ma ce semo annati avanti pe mesi.
Io la gioia, la felicità, il lieto evento lo lascio all’artri 99 invitati: io so n’amico vero e mercoledì je faccio fa l’ultimo puttantour, pure se nun vole, pure se so che nun scoperà e probabilmente manco io; capiteremo per caso a Viale Marconi o svolteremo sull’Ardeatina solo perché me ricordo che ‘na vorta c’era un locale aperto fino a tardi… Poi ‘na volta lì la storia la faranno le Tuborg o le Best-Brau.
Aho, alla fine quarche coppia da vissero felici e contenti l’ho pure conosciuta in vita mia, gente apparentemente felice de mojie e fiji. Però io penso che ‘na donna nun te conosce mai fino in fondo, non può avè tutte le chiavi, tu, da omo, non je le dai; e se davvero ce fosse una così tanto -openmind- tranquillo che se la scopano già in troppi: nun è fatta pe esse fedele.
Comunque io starò lì, nel giorno più importante della vita (de lei), perché se vedessi pure all’urtimo secondo che cerca l’occhi mia, come a dimme: <<aiuto Velè, ma che cazzo sto a fa?>>, lo pijerei pure in braccio, lo caricherei sur Pandino e lo porterei via, a chiavasse i pertugi più violati dei castelli romani.
Un testimone de nozze serve pe na firma. N’amico serve pe tutta la vita.
Saluti dar Veleno.”

views
20