84 giorni dopo

“Avevo finito lì, so’ ripartito da lì. Diana, Via Nettunense, la prima subito dopo i lavori de Casello 45 andando verso Anzio, alla prima vietta a sinistra.
Che sembrava ‘na mignotta da sogno già te l’avevo detto 84 giorni fa, ma pe’ raggiunge certe chimiche serve la conferma. Tre mesi dopo, è arrivata.
Simpatica, solare, caruccia, pensa, j’ho permesso perfino de finisse la sigaretta in macchina quando l’ho caricata. Se nasconnemo nella solita via buia tra televisori rovesciati e sacchi della monnezza. Er freddo te pizzica, ma in macchina se sta bene, scomodi ma bene.
Quasi me scordo de daje i soldi, m’ero già spojiato e se stava a spojia pure lei. M’aveva visto ‘na volta sola, ma lei er mestiere lo sta a vive co’ gusto e trasporto, pareva quasi che nun je ne fregava n’cazzo de pijalli. Venti euro, l’equo compenso della prestazione.
Mentre me impermeabilizza er cazzo e me lo succhia pe mettelo in tiro, lo stereo passa “Non è tempo per noi” de Ligabue. Ogni tanto interrompe er soffocotto e me racconta che sta canzone è perfetta per le rumene, mica lo so che cazzo voleva dì, però è come avecce a che fa co’ una de famiglia, ce mette er sentimento, lavoro e sentimento, vole vivese er momento. Se mette a smorza, nonostante la scomodità del cappotto, degli stivaloni, lei te vuole fa’ contento. E poi Spo’, te guarda… te guarda nell’occhi e a me sta cosa me fa’ venì n’arrapamento che manco Di Caprio sur Titanic prima de sbajià la strada e ritrovasse sulla Roma-L’Aquila.
Schizzo de giustezza: me sento riappacificato cor mondo che me circonda, co’ la strada, co’ la vita che te promette che prima o poi arriverà quella giusta e quando la vedi te sei solo sbajiato n’artra vorta.
Torno indietro tra buche e dossi, arrivo alla postazione e me fa: “ma che vai de fretta?”
Dimmelo Spò, spiegamelo te: che altro te può dì ‘na donna pe’ fatte capì che sta bene co’ te mejo de “ma che vai de fretta?”
“Me porti su Nettunese a farmacia che io oggi pensavo de nu lavorà, invece ho finito preservativi, ultimo ho usato co’ te…”
Me so’ sentito er Dandi ieri sera, cor privilegio de portà n’giro la mia Patrizia co’ spocchia e superbia.
Spo’, la verità è che se me diceva “famo n’salto a Perugia, vojo vedè la statua de San Francesco e tornamo indietro” io ce la portavo, e se puta caso me se fermava la macchina me la caricavo a piedi e a cavacecio.
Venti minuti de chiacchiere, andà e tornà ar distributore, a parlà de lei che ha preso la patente da un mese, del vecchietto che j’ha regalato la macchina però c’ha dovuto spende 1000 euro pe’ sistemalla, dei clienti che la chiamano quando nun la vedono “perché sto male, c’ho influenza, cinque giorni a casa”, del rapporto coll’altre mignotte, che prima se comportano come sorelle e poi so’ invidiose: “ma se io c’ho 25 anni e tu 37 forse de carne n’hai magnata abbastanza, no?” Come fai a daje torto?
Un giorno, ‘no zio acquisito, conosciuto grazie a te e a sta pagina me disse: “imparate, l’uniche donne oneste saranno sempre le mignotte…”.
Io so’ romantico, e ancora nun ce vojo crede. Ma da ieri me sa che l’ho capito.
E’ come ‘na verità scomoda, come quanno quella che te piace e je batti i pezzi, gira che te rigira cala sur tavolo a sorpresa er due de picche sottoforma de n’artro cojone che je piace n’po’ de più: tu te la fai pija a male, je meneresti pure a sto sventurato capitato pe’ caso… ma alla fine la verità è una sola: “dicono che Noi ci stiamo buttando via, beh, noi siam bravi a raccoglierci”.”

views
14