Storia de ‘na ronda andata male

“Ciao Spò. Purtroppo è un periodo difficile per me, pieno de disagio e amarezza. Meno male Dio ogni tanto na cosa giusta la fa e s’è nventato le mignotte (oh, se ce pensi so’ na grande nvenzione, chissà com’è che j’è venuta st’idea; n sarà pure lui n mignottaro?), e meno male che io c’ho la fortuna d’aveccele dietro casa.

T’avevo già accennato al fatto che forse io la stoffa del mignottaro n ce l’ho. Prima de mbarcamme c’ho pensato. Dato che già non sono molto a mio agio con le puttane avevo più di una mezza idea di prelevarne una e portarmela a casa per stare più tranquillo. In realtà il budget non arrivava alla mezza piotta, quindi non è che avessi troppa scelta. Vabbe’ dopo un po’ me convinco e divento a tutti gli effetti un cercatore di felicità.

Stavo già abbastanza impanicato, sentivo che avrei potuto foldare all’ultimo. Me studio la situazione, me faccio qualche vasca, me spizzo tutti i culi che ce stanno. Alla fine me scelgo na rumena mora, stupenda, co du zinne e n bucio de culo che n se potevano spiegà, Spò. Come me decido, ecco che sa caricano, te pareva. Vabbe sti cazzi dico, vado da na bionda che avevo visto prima alla fermata dell’auto. Di nuovo, aspetto lì vicino, prendo coraggio, vado.

“Ciao, quanto?”
Alza lo sguardo dal cellulare, me guarda pe mezzo secondo e, senza dire na parola, scuote la testa.

Oh, manco a di’ che n’amo trovato n’accordo sul prezzo, o che j’ho chiesto er culo cabriolet. Proprio no, ciao, squajate. Rifiutato da una puttana, senza manco na spiegazione.

Se già prima il morale era alto, a quel punto era alle stelle. C’avevo er fumo che me usciva dal naso e dalle orecchie, anche se più verosimilmente era sbora.

Sti cazzi, dovevo scopà, torno dalla rumena di prima. Dice 30 in macchina, 80 a casa. Vabbe va’, famose sto giretto n macchina. Spò, meno male che n c’avevo tanti sordi appresso: n’incapace totale, pareva che n’aveva mai preso in mano n cazzo in vita sua. Per altro muta, na busta de ghiaccio istantaneo strofinata sul cazzo m’avrebbe dato più calore. Nota positiva: s’era tirata fori e zinne e se lasciava tocca. Mentre ma scopavo a na certa je n’ho ciucciata una, me fa “No”.

A quel punto nun m’ha retto Spò, m’ha pervaso la tristezza e m’è sceso tutto. Me propone de fini a mano. Dico vabbe dai, almeno sboro n qualche modo. Ce dà pe qualche minuto de mano -che te giuro pareva che stava a giocà co n pupazzo- e me fa
“Si però no poso stare qui tanto”.
“E dai, dieci minuti”
“COSAA?”
“E dai, due minuti”
Ha continuato e a na certa, di fronte a quella scena penosa di lei che non si sapeva bene cosa stesse facendo, e sapendo io in cuor mio di essere ben lontano dal riuscire a sborrare via il mio malessere, je dico amareggiato “Vabbe’, lascia perde.”
Volume 2
Ma dico io, ma se po’ anna a troie pe sborà e tornà a casa a palle piene porco due? So uscito de casa Pacciani e so tornato Liboni.

“Dove sono andati i tempi d’una volta, per Giunone? Quando ci voleva, per fare il mestiere, anche un po’ di vocazione.” Cantava De André. Delusione totale Spò, che amarezza. Vatte a fidà delle professioniste.

Comunque me sa che ce ricasco, ne ho già puntata n’altra che me pare molto più affidabile. Facile che se risentimo presto.

N’abbraccio”

Rondatece:

views
71