Er Sentimentale alla cena Spotted

“Ciao Spo, so Er Sentimentale.
Se te avessi scritto na storia per ogni volta che so andato a mignotte sarebbe stato inutile, anche se ognuna di quelle esperienze non è mai uguale alle altre e te lascia sempre un umore, una riflessione e un sentimento diverso.
Ogni singola volta quindi ha la sua importanza e il suo perché.
Queste però so riflessioni che fai nel tuo io, detto questo cerco de scriverti na storia solo quando succede qualcosa de memorabile o de altamente schifoso.
Me ricordo na volta stavo a scola e non sapevo come inizia un tema e chiesi un consiglio alla prof.
Sta troia da categoria ” granny ” su Youporn me rispose: ” c’è una grande opera letteraria che inizia dicendo Chiamatemi Ismaele ”
Se riferiva a Moby Dick ed era il suo modo altologato per dimme ” inizia un po’ come cazzo te pare”.
CAPITOLO UNO: LA CENA DE SPOTTED TOGLIATTI
Oggi chiamatemi Ismaele pure a me.
Si, perché proprio come lui era ossessionato da na balena bianca pure io ieri ero ossessionato da colei che aveva un non comun volume e du zinne che durante la cena tra un bicchiere de Peroni e l’altro me stavano a fa sali manie da stupratore.
Me sa che l’ultimo reggiseno che se comprata e’ stato quando a Roma ha vinto al Bernabeu.
Poi Je saranno cresciute e ieri doveva spesso smucinarle per rimetterle a posto.
Io non me ricordo come è uscito fuori Er discorso, ma fuori al ristorante la voglia de montalla era alta e inizio a rompeje er cazzo.
Alla fine non me ricordo come non me ricordo perché, me dice che me avrebbe sostenuto durante la ronda a negre Cor furgonaro ( che inizio poco dopo ), avrebbe fatto la spettatrice e me avrebbe finanziato in parte le spese.
Se parte dentro al cassonato Blanco in cerca de negre.
Io stavo davanti e lei esattamente dietro de me.
Le mie mani era calamitate verso le sue cosciotte e le sue zinne.
Pensandoci mo in questo momento mentre scrivo me venuto duro, me faccio na pippa e ricomincio a racconta la storia.
Arieccome. Pippa finita mo posso torna a scrivere.
CAPITOLO 2: LA NEGRA
Arrivamo a sto benzinaro e ce stavano du negre.
Una pareva uscita da un ospedale psichiatrico, l’artra n’era malaccio.
Volume 2Er furgonaro me fa scende e scende pure l’oggetto del mio ossesso dopo aver cercato di palpargli pure le budella.
Rispetta i patti, me da 5 euro io ne aggiungo altri 10 e me vado a scopa la troia con lei a guardarmi.
Te devo di c’ho messo tanto a fammelo drizza, ero ubriaco e l’impresa non era facile.
C’era qualcosa de poetico però, qualcosa che mi emozionava.
Sta negra che me faceva la rianimazione Ar cazzo ed il mio capodoglio li a guardarmi.
Il mio sguardo si incrocio’ al suo e tutto sembrava andare al rallentatore come in un film de Moccia.
Quando tutto finì Co la negra riprovai con tutta la dolcezza possibile a scoparmi lei, il mio sogno proibito.
Ci provai con tutta la mia infinita educazione, con tutto il mio charme e le mie buone maniere, tanto che sembravo na via de mezzo tra verdone quando parla con jesseca in viaggi de nozze e un homo erectus dentro le grotte.
Je feci nota che ormai si era creato un legame indissolubile. Je ricordai che erano 4 giorni che Je rompevo Er cazzo in Chat privata e non me ha mandato nemmanco na foto zozza per la pippa della buonanotte ( nonostante lo chiesi espressamente).
Tutto questo mentre ero sulle spine, mentre aspettavo un messaggio da na frikkettona che me piace e che me ha dato Er palo.
Non c’è un cazzo da fa: ste donne fanno tutte le emancipate, sostengono l’amore libero, fate l’amore non fate guerra, vanno a woodstock, jimmi Hendrix, parlano da pace ner monno e de combatte Er capitalismo…e poi per scopa me mandano a negre dietro un benzinaro.
Ciao Spo… tuo Er Sentimentale.”

Raggruppatece:

views
168