Trasferta polacca per il Vagabondo tra sangue e kebab

“Ciao Spo’ so er vagabondo. Innanzitutto volevo fare tanti auguri di buon anno a tutti.
Allora rega’ pe sto capodanno avemo deciso co sto amico mio polacco cresciuto a Roma de anna a passa’ il capodanno in Polonia… prima meta Varsavia. Partimo pieni de boni propositi… ” ao nun famo cazzate che li ce se fanno, dovemo sta boni, non cacamo er cazzo ecc.ecc…” . E devo di che semo durati parecchio co sti boni propositi eh, so sincero… diciamo fino alla quinta vodka, poi… poi eccoci tornati i soliti cacacazzi attaccabrighe molesti. Quindi iniziamo a esse rimbalzati da tutte le discoteche del centro fermandose tra un no e un altro a tracanna’ vodke e birre a destra e a manca.
Ora eccoci, semo pronti… chiamamo le zoccole. Trovamo sto indirizzo su internet e se precipitamo dentro sta viaccia vicino al centro. Dalla foto so fiche ma noi, che non semo proprio de primo pelo, , gia immaginiamo. E infatti… c’aprono la porta la moje de nonno pippa appena sveglia e la moje de Renzi, vergognose. Se ne annamo de corsa, e li sbajamo. Si li avemo sbajato, perché pe ave rifiutato una coppia de madri de famiglia un po’ attempate momenti ce lasciamo la pelle.
Eh si perché il passo successivo non e’ un’altra casa de appuntamenti, bensì un kebabbaro. Ecco e proprio quel kebabbaro dal nostro ingresso a 10 minuti s’e’ visto arriva’ un kebab in faccia perché troppo piccante. Aspetta sia chiaro, l’amico mio glielo aveva chiesto per favore de cambiajelo, ma quello lo aveva snobbato tipo “se te sta bene bene, sennò ciao” e lui non ha resistito. Solo che dopo 30 secondi eravamo rincorsi sulla via da un macello de musulmani incazzati neri misti a buttafori polacchi con lo spray al peperoncino. Troviamo rifugio dentro un ristorante e se chiudemo in cucina. Bianchi fracichi, adrenalina a mille. Attaccati al muro una sfilza de lame stile “non aprite quella porta” se armamo de cortellacci, 5 in due per la precisione. Si perché io nella mano destra ne stringevo due che manco Wolwerin de X-man. Fateve sotto se v’aregge. Li aspettamo che scendono, sentimo solo un gran macello. Ma chi scende da lì a poco so due guardie che vonno senti che è successo. Noi je lo spiegamo a modo nostro, semo salvi dalla morte ma mo se tocca salva’ dalla bevuta. Le ragazze che lavorano lì je spiegano che non j’avemo fatto del male e che ce stavano a corre dietro i mao mao… semo salvi. Ce portano li fori al kebabbaro e ce chiedono de indica’ chi ce voleva fa la festa, ma noi je dimo che non vedemo nessuno. Er buttafori sta sulla porta e ce guarda con aria de sfida, senza quello spray al peperoncino se lo saremmo fatto , so sicuro.
Comunque eccoce de nuovo sotto l’appartamento. Mo che avrebbero fatto due persone normali? Casa, no? E invece noi no… noi annamo a zoccole. Se riparte. Aprono ste due che fanno più schifo de quelle de prima, ma dopo un’altra boccetta da 33 cl de vodka se po fa. Va prima l’amico mio, io aspetto, l’altra fa davvero troppo schifo anche solo da guardare. 5 minuti sta fori, entro io. rega’ dopo neanche due minuti scappa fori dicendo che la volevo strozza’, solo perché j’ho poggiato la mano sul collo mentre me la scopavo. La guerra. Nudo inizio a mostra’ er preservativo voto alla direttrice che inizia a strilla’. E’ er delirio. L’amico mio piegato in due dalle risate, io che corro nudo pe casa cor cazzo nella mano sinistra e il cappuccio nella mano destra. E li la fine. La schifosa inguardabile me azzanna la mano e inizia a strappa via de forza. Io je vado dietro altrimenti me porta via er mignolo, quando je levo il dito dalla bocca esce sangue dapperutto, un’altra arriva con il bastone della scopa. E no eh, così no, io v’ho pagato, sti cazzi delle donne non se toccano, avete iniziato voi. Je do un paio de cinquine che ancora so nudo. “Ao me vesto e le sfondo queste” .
L’amico mio m’ha detto il giorno dopo che mentre partivo co la mano piena de sangue ho gridato qualcosa del tipo “mo te meno come un omo” . 20 secondi de parapiglia co tre zoccole ucraine in perizoma e siamo di nuovo in strada. Ormai e’ quasi giorno e un altro anno sta per iniziare.. sicuramente un altro anno de danni.
Belli rega'”

views
26