I Signori della Togliatti: Lo Straniero (prima parte)

Oggi su Radio Togliatti: lo Straniero, il veterano e, mi dicono dalla regia, quello con l’esperienza e la carriera più lunga di spotted… La prima domanda generalmente è: a che età sei andato per la prima volta a mignotte?
La prima volta che sono andato a zoccole l’ho raccontata su spotted, avevo 16 anni… lavoravo in tangenziale a un benzinaio, prendevo 4.000 lire l’ora. Ero incazzato col mondo triste perché mentre gli altri avevano quello che volevano io avevo solo botte e nient’altro. Vabbè questo non è per piangermi addosso o fare la vittima la mia vita non la cambierei mai con nessuno!era giusto per far capire il disagio che vivevo.. non accettato manco da chi ti ha messo al mondo.. ogni sera quando staccavo dal benzinaio poco più avanti ci stava una zoccola albanese che quando veniva a fare pranzo al bar del distributore io ci parlavo..non era na figa statuaria ma aveva 2 zinne enormi che sognavo ogni cazzo di sera e mi tiravo giù pippe assurde.. gli chiedevo quanto costava fare l’amore con lei e lei mi diceva 50.000 lire.. e io che con 10 ore di lavoro ne prendevo 40.000 non potevo permettermela.. un giorno dopo ore spese a rompergli i coglioni per scopare con 10.000 lire mi dice.. facciamo che stasera non vai a casa alle 7 aspetti le 8 mi porti a casa in motorino e ti faccio esboriare con 10.000 lire.. si esboriare diceva.. non me lo dimenticherò..anche perchè avevo un ciao pagato 80.000 lire con il telaio storto si reggeva per miracolo e solo le sue tette avevano bisogno del cassonato per portarle..ancora oggi mi guardo da fuori in quel tragitto col ciaetto e questa dietro che si è no andavamo a 25 all’ora e faceva un fumo che le vecchie macchine a nafta me la sucavano!dopo credo un ora siamo a casa sua, saliamo, io tiro fuori le 10.000 e il cazzo.. o prima il cazzo e poi le 10.000 lire e lei mi fa aspetta vado a fare doccia.. si lava mi porta a letto e da quel momento è scoccata la scintilla.. avevo trovato le chiavi del successo.. pagare.. e mentre i miei amici raccontavano che a quella gli avevano leccato le tette o che un altra gli aveva fatto la sega..io in un angolo in silenzio ridevo dentro di me.. perchè io avevo giá imparato a campare , loro no.. io giá facevo quello che loro avrebbero scoperto anni dopo! Chissenefrega dei levis.. io con gli ernesto e quello che risparmiavo scopavo uguale!

Dopo la tua prima volta con le mignotte , ci tornasti subito o facesti passare un po’ di tempo?
Tornare subito anche no! Ma non per qualcosa, solo non me lo potevo permettere. Poi da li a poco la mia vita sarebbe cambiata e non avevo la possibilità di pensare alle mignotte dovevo pensare a sopravvivere! Credo che è passato qualche annetto prima che tornassi a mignotte,con un intermezzo di spogliarelliste russe molto bello!

Il tuo pseudonimo è lo straniero. Da dove deriva?
Lo straniero viene dalla mia passione per la musica Rap! Ascoltando lo straniero dei Sanguemisto si capisce tanto.

Strada, indoor o entrambe?
Per me entrambe! Certo non ci fossero tutte ste rotture di cazzo direi solo la strada, ma qui tra ordinanze, sindaci sceriffi, pulotti pronti a umiliare il malcapitato di turno o a rovinare na famiglia per una sborrata per strada, tocca adeguarsi e giocare sia in casa che fuori!

Cosa è cambiato nell’andare a mignotte dagli anni 90 a oggi?
La prima cosa che penso è la lira! Ma poi c’erano meno rotture di coglioni! Era più facile andare per strada goderti la tua prestazione in santa pace, non c’erano ordinanze che ti vietavano di andare a zoccole e soprattutto non c’era ancora internet e i siti di incontri, quindi la maggior parte delle prostitute le trovavi per strada o nei giornali locali che alle ultime pagine avevano gli annunci tipo il messaggero!

Sei più tornato dalla albanese che hai tanto aspettato e desiderato? Oggi l’hai persa di vista suppongo… Magari sarà in pensione.
L’ho rivista che lavorava diverse volte! Ma non ci pensavo proprio alle zoccole, sono stati un par d’anni molto difficili

Ricordi la cifra più bassa e la cifra più alta in assoluto che hai pagato per scopare?
La più bassa sicuro 5000 lire e na bomboniera di un matrimonio! C’è anche da dire che più volte andavo alla raccolta abiti usati per i poveri, mi capavo quel poco di decente che c’era e ci andavo a negre! La più alta 100 euro!

Hai un rimpianto?
No non ne ho! Io sono uno che va a mignotte per noia, per non avere complicazioni! Non cerco affetto o comprensione e tantomeno coccole! Mi diverto pure e mi faccio grosse risate ma sono consapevole che è per quel momento, dopo non c’è altro! Poi diciamo che io sono uno che sbaglia sempre tutto, nei rapporti umani e sociali faccio schifo, sono abituato a sbagliare, prendermi le mie responsabilità senza frignare e se un giorno mi capita una situazione simile cerco di non commettere lo stesso errore! Quindi rimpianti e rimorsi non ne ho! Forse ho un augurio: a Vicky che lavorava a campo de fiori, le auguro di aver trovato il lavoro che cercava al suo paese, il lavoro per cui ha studiato e si è laureata. Così che può crescere i suoi figli senza dover venire ogni 15 giorni a fare la mignotta qui!

Volume 2Se un giorno in Italia venisse approvata una legge che legalizzasse la prostituzione, cosa cambierebbe per te?
Per me poco e niente, cambierebbe che lo sfruttamento sparisce, che possono regolarizzare il mestiere anche pagando le tasse facendo visite mediche controlli e analisi periodiche! Non bisogna vedere legalizzare la prostituzione come dare il permesso alla gente di consumare rapporti alla luce del sole in mezzo alla gente, ma come garanzia per le donne, trans, gigolò che vogliono fare questo mestiere di avere anche loro un giorno uno straccio di pensione. Ma non succederà mai. Con il vaticano a Roma quando permettono una cosa simile! Marino aveva proposto di fare una zona a luci rosse a Roma, l’hanno silurato per 2 scontrini! Per il vaticano è meglio che ci sono donne sfruttate che lasciar fare questo mestiere a chi lo vuole fare di sua iniziativa!

Ti capita mai di pensare al tuo mondo immaginario ideale? Come e dove vorresti le prostitute?
No sincero no! Credo che ci sono spazi e momenti giusti per tutto e anche per la prostituzione deve essere così! Io sarei più per dare a ogni città la sua zona a luci rosse dove puoi trovare pure le mestieranti per strada, ma poi fuori di li o esercitano in casa e per chi sta fuori zona zero tolleranza. Ci va il rispetto per tutto e tutti!

C’è qualcosa migliore dell’ andare a mignotte secondo te?
Ci sono tante cose migliori! Di sicuro avere un rapporto di coppia vero, forte, dove c’è molta complicità e voglia di stare insieme in 2 contro tutto e tutti non è paragonabile all’andare a mignotte! Che poi in ogni donna si nasconde una mignotta, bisogna essere in grado di tirarla fuori!

C’è mai stato un periodo particolarmente buio della tua vita in cui andare a mignotte ti ha aiutato a superarlo?
Molti matrimoni o convivenze vanno avanti grazie alle prostitute!

[continua]

Esterofiliatece:

views
4