Togliatti – Pontina – Lavinio e ritorno. Ar mare cor Nobbile (1YA)

“Pazzesco Spó, so ER NOBBILE e dopo un periodo de deggenza riecchime qua. Purtroppo era nboato che non frequentavo le donzelle de strada e quindi nun c’avevo popo ncazzo da raccontatte.
Finalmente ieri sera passo a pija er fiamma (quello che c’ha la fiatella de bieta) e er buccia (quello co la pelle screpolata) e se damo alla pazza gioia dopo na marea de tempo.
Pe torna alle origini me so spinto sulla pontina. Cazzo era nbotto che non ce annavo e te dico Spó che hanno rinnovato l’assortimento. Ogni metro ce stava na zoccola, manco fosse stato er compleanno mio.
Sta botta peró decidemo de piscià le solite zoccolacce burine e se spignemo più avanti, verso lavinio…ce mancavano le vecchie inculate al sapor de salsedine e cherosene.
Beccamo na milfona de nome “Anquarta”, albanese de professione e romena de provenienza. Dico cosí perchè le romene le conosco bene ormai e ve giuro che era tutto tranne che romena, anche se de faccia pareva de si.
Pareva na scena de 8 mile regà, stava co altre 5/6 zoccole intorno a un barile cor foco acceso e ce sembrava er minimo riscaldalle un pó.
Ve anticipo che quer faggiano der fiamma c’ha da na settimana na cornucopia sulla cappella, perchè da gran signore ha voluto prova a inculasse la sua zingara preferita de tor sapienza senza protezione alcuna e s’è beccato a malaria cappellare. Capace che ogni botta che dà mentre scopa, er cazzo je se lubrifica cor pus.
Tornamo a noi. Stavamo chiaramente con il mitico X5 e se le caricamo un pó de dietro e un pó nel bagagliaio e partimo verso er mare. Trovamo lo stabilimento la torre tutto iper chiuso, imboccamo, saldamo le donne e da li comincia er delirio.
Volume 2Anquarta era mia. Ste zinne che pe tiralle su te serviva er rullo delle tapparelle de casa, er culo bucato ma più la guardavo in faccia e più me ricordava na zia che m’ha cresciuto e che me faceva veni troppo er cazzo imbarazzato.
Buccia e fiamma se caricano Domnica e Stanca (ancora devo capi chi cazzo li pensa sti nomi, o so loro che ce perculano), se aprono n’ombrellone e un lettino a capoccia e parte l’inculata a salmonella.
Appena finito j’ho sborato sulle fossette der culo, pareva er lago de garda, manco c’avesse avuto na diga sulle spalle. Shalla, co npó de sabbia e le immancabili sarviettine der todis e’ sparito tutto.
Er fiamma s’è ritirato causa dolori pelvici e er buccia ha sborato ner posacenere attaccato all’asta dell’ombrellone. Poi chiaramente ha richiuso er coperchio, semo gente gentile noi.
E niente, salto da orfeo, paninazzo e ninna canna.
Certa gente Spó se lamenta, che è stressata, che la vita è na merda…io ve dico: passate na serata cor NOBBILE e ve passerà tutto.
Nbacione ventricolare.
Nobbile.”

Anquartatece:

views
12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.