L’anticamera der Boss prima della macarena

“Bella grande spo come procede? Io sempre carico.
Te volevo racconta quella sera che me so beccato co n amichetto mio, er polacco. Lo chiamo così perché è talmente biondo che pare che s è fatto no shampoo co la candeggina.
Iniziamo la sera a imbenzinasse, raggiunto il tasso alcolemico giusto partiamo direzione little romania, la Togliatti. Iniziamo la ronda propulsiva, er polacco però c ha un difetto. Tutte le volte me fa beve, me fa pia la macchina mia e pretende pure che me fermo a contratta. Vabbe bisticciamo un po’ ma sempre con affetto fino a quando prima dell’archi se caricamo una e andiamo a casa sua.
La cosa bella è che ce stava già un altro cliente a casa co n amica sua, mentre la nostra signorina entra cor polacco io stavo fori pe strada a aspetta. A spo pareva che stavo ar supermercato in fila pe pia er pane, invece stavamo tutti in fila pe sbora’. Che classe.
Volume 2Io de fori a fa er vago ar telefonino vicino a 3 macchine del 98 targate bulgare aspettando la gloria. Qui arriva il bello, sento movimenti all’interno dell’appartamento e ho pensato o stanno a fa n autopsia ar polacco, oppure mo tocca a me fa balla la macarena a sta rumena. Aprono la porta e c era l’amica sua che stava col cliente, a spo era un ragazzo sulla sedia a rotelle, se semo salutati e l’ho aiutato a uscì da casa e a sali la salita.
Sta cosa m ha fatto pensa. Che poi esse ricco, povero, fascista, comunista, laziale o romanista ma davanti alla dea prostituzione semo tutti uguali e che la romania unisce tutto ciò che le altre cose a sta vita de merda dividono.
Viva la pizda”

Macarenatece:

views
136