Er Pluridecorato e la nana in trasferta a Milano

“Bella spo, so er pluridecorato.
Devi sape che so stato ospitato a MIlano da n amico pe cercà lavoro. Tuttavia fu dura sganciasse da lui la sera e poi è uno che della vita non c’ha capito n cazzo e che je piace fa er precisino, je piace usci co tutte ste sciacquette co a fregna rigida, ma mprofumata e firmata. Io no porcoddio, io voglio il degrado!
Mentre lui annava a cena co una de quelle che te fanno e pompe co na banconota da 100 euro arrotolata ntorno ar cazzo pe vedè quanto sei virile, io prima che lui annasse via, mentre se preparava e mprofumava (oramai sè milanesizzato dio cane), co a scusa de sapè i posti malfamati e pieni de zoccole pe dije “oddio pure qui a Milano sto schifo, non me l’aspettavo”, poi so scito da solo all’avventura dopo esseme appuntato tutti i nomi dei posti peggiori. Purtroppo non ho trovato nessuna situazione edificante, cosi ho digitato su google “prostituzione degrado Milano” e ho consultato come il più solerte dei ricercatori universitari gli articoli de giornale più recenti e me so fionnato cor navigatore.
Alla fine mentre m’ero perso in un posto der cazzo, me imbatto in una nana zoccola e siccome spò tu sai che er pluridecorato è inutile che te racconti storie de normali scopate co le meritrici, te delizia subito. La nana non era un gran che, ma tu o sai che io c’ho er debole pe i leggins de pelle, ma pure pe le gonne de pelle, me fanno rizzà er cazzo che ce potrei arzà pure a machina pe cambià na rota. Insomma me fa “ti prego tu aiutare me, io amica senza vestiti e mangiare a ospedale tu aiutare me, porta a prendere cose sue e mangiare e io fa scopare gratis”. Gratis? Ho udito bene? Gratis? Sia mai che il pluridecorato rifiuti di aiutare una gentil donzella, specie se na zoccola che offre prestazioni gratuitamente.
Volume 2Cosi spo me porta in una specie de topaja, mezzora ad andà, altra mezzora pe annà all’ospedale e se so fatte le 3, co l’amico che me dava pe disperso e stava pe chiamà chi l’ha visto. Annamo all’ospedale e lei ovviamente se presenta vestita co la stessa sobrietà der lavoro e te dico le facce schifate alla reception dove non la volevano fa entrà. L’infermiera a fumà la sigaretta me guardava schifata e je volevo di se farebbe a stessa faccia dopo aveje spaccato er culo a pecora mentre la chiamo troia, ma alla fine opto per aspetta la puffa fori. N’ora ar gelo porcoddio e sta nana demmerda alla fine esce fuori. La carico e annamo a scopà, niente de che, ma ormai sborrare era na questione de principio. Poi me fa “tu portare me a prendere succo de frutta” ar che je faccio “no tu annare a fare in culo porco dio” cosi mentre urla la butto fori dalla macchina e me ne torno a casa dove l’amico mio me guarda al rientro tutto preoccupato e je faccio “nun me di n cazzo, hai sborrato?” “no” “io si, pjatela nderculo, bonanotte”.
Sboralmente tuo, er pluridecorato”

views
19